Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa

| La recente sentenza della Consulta "spegne" l'indagine di Catania sulla morte dell'insegnante morta a Zurigo. Ma i dubbi restano

+ Miei preferiti

Alla fine fine un giudice ha ritenuto che Alessandra, insegnante storicamente depressa che “sapeva quello che stava facendo e che la Dignitas si occupò del caso con ogni scrupolo”. Sarà, ma familiari e amici non sono convinti. C’è il capitolo aperto delle donazioni “volontarie” alla “Casa Blu”. E poi un flashback: “In quei giorni, quando Alessandra aveva maturato la sua decisione, tagliando i legami con il suo vecchio mondo, la incontrai per caso nel terminal delle partenze dell’aeroporto di Catania. La salutai, non la vedevo da parecchio tempo, faceva parte del mio cerchio di amicizie. La vidi strana, un po’ trasognata, un po’ imbarazzata. Pensavo andasse a Roma per un convegno, invece era diretta a Zurigo. La invitai a una rimpatriata. Lei sorrise… pochi giorni dopo dopo ho capito il senso di quel sorriso. Sono un medico e trovo assurdo suicidare persone in perfette condizioni fisiche, è un’ingiustizia”.

Alessandra è morta il 27 marzo nella Casa Blu, le finestre che danno su un un lago e sul bosco, a Zurigo. Si chiama Casa Blu perché le travi di legno sono dipinte di un blu pallido, e l’interno, molto sobrio, riprende quel colore stinto. Per giorni e giorni i responsabili hanno rifiutato ogni contato con la famiglia, poi tempo dopo, sono arrivate via posta le ceneri in un’urna essenziale.

Nella vicenda del suicidio assistito della donna di 46 anni, insegnante di Paternò (Catania), sofferente al punto da desiderare di non risvegliarsi più, ci sono aspetti che i magistrati vogliono chiarire. Dalla procura di Catania è partito un avviso di garanzia alla volta di Torino nei confronti di Emilio Coveri, 68 anni, presidente di un'associazione, Exit Italia, che da anni propugna "il diritto delle persone a una morte dignitosa". Il reato ipotizzato dal procuratore aggiunto Ignazio Ponzo e dal pm Angelo Brugaletta è l'istigazione al suicidio, vale dai cinque ai dodici anni di carcere. Lo stesso reato contestato a Marco Cappato per la morte di DJ Fabo, di fatto annullato dalla Consulta proprio in questi giorni.

L'insegnante era tormentata dalla depressione. Da un paio d'anni non esercitava più. I familiari le erano sempre stati vicino. Coveri e Alessandra si tenevano in contatto fin dal 2017. Telefonate, e-mail, sms dove gli inquirenti rilevano, tra l'altro, "sollecitazioni e argomentazioni in ordine alla legittimità, anche etica, della scelta suicidiaria". Il 5 febbraio 2018 l'insegnante prese la tessera di Exit. I familiari si affrettarono a bloccare i beni della donna nel timore che, oltre a versare i 6.200 euro per l'assistenza, avesse intestato a qualcuno il resto dei suoi averi. D'altro canto - sostiene la procura - le leggi svizzere vietano l'eutanasia "a fini egoistici", come quelli finalizzati ad appropriarsi di patrimoni "di chi è istigato al suicidio". Inoltre pretendono che venga praticata solo nei casi di "patologie incurabili, handicap intollerabili, dolori insopportabili". E Alessandra, sia pure sommando depressione e nevralgie, non poteva essere considerata una malata terminale. Ed è proprio questo il punto.

Società
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
L’estensione del suicidio assistito ai bambini affetti da mali incurabili scatena feroci polemiche nei Paesi Bassi. Per procedere sarà necessario il consenso del bimbo stesso e di genitori
La politica che ci attende
La politica che ci attende
Benjamin Studebaker, professore a Cambridge, ritiene che la fine dell’ordine liberale scatenerebbe il caos nel mondo. La sua sopravvivenza significherebbe invece una sofferenza economica senza limiti. Qual è la soluzione?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
Il filosofo Jonathan Wolff si domanda, in un articolo su Aeon, se i governi totalitari - che promettono al popolo rinnovamenti radicali grazie a un potere supremo – siano un segnale di pericolo per una rinascita dei sistemi fascisti
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Oltre un migliaio di nostri connazionali hanno risposto alle domande dell’Osservatorio Violenza e Suicidio: se ne parla venerdì 12 in una diretta Facebook
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
Per essere considerati genitori anche sui documenti, Barrie Drewitt e Tony Barlow si erano battuti come leoni. Ma dopo 32 anni di matrimonio hanno deciso di separarsi, perché uno dei due si è innamorato del giovane ex fidanzato della figlia