Gli antinatalisti: basta fare figli

| Si definiscono movimenti e sono in perenne lotta contro la sovrappopolazione del pianeta. Stanno raccogliendo firme per presentare alle Nazioni Unite una proposta: fermiamo le gravidanze

+ Miei preferiti
L’antinatalismo è definito una posizione filosofica che si fonda su un aberrante principio: sovrappopolazione, carestie e sfruttamento delle risorse del pianeta potrebbero risolversi mettendo al mondo meno figli, o meglio ancora, estinguendosi. In pratica, meno siamo e meglio vivremo, e se di noi non ne restasse neanche uno, il pianeta ne godrebbe. Fra i gruppi più attivi spiccano il “Voluntary Human Exctinction Movement”, movimento che propone la pacifica estinzione umana volontaria come soluzione alla distruzione dell’ecosistema terrestre, e il “Population Matters”, autodefinito ente benefico che con un approccio leggermente più morbido si occupa di studiare soluzioni popolazione e sostenibilità ambientale. “Non siamo disadattati, misantropi e asociali che provano piacere ad ogni disastro, ma semplicemente gente che ha a cuore la vita sulla Terra”.

Il testo guida della filosofia di pensiero è “The Population Bomb”, scritto da Paul Ehrilch, ambientalista e biologo americano che ha dedicato buona parte dei suoi sforzi allo studio della sovrappopolazione. Sulla stessa linea, secondo alcuni studi, si concentravano le idee di pensatori illustri come Giacomo Leopardi, Arthur Schopenhauer e David Benatar.

Vedendo lo scempio del pianeta, sempre più irreversibile, gli antinatalisti hanno deciso di passare all’azione attraverso una raccolta firme che contano di recapitare quanto prima all’Onu insieme ad un dossier in cui calcoli alla mano si chiede di interrompere la pratica del parto in tutto il mondo. Finora hanno raccolto 27mila firme, pochine, ma non mollano: “L’obiettivo è l’armonia fra la razza umana e lo splendido pianeta che abitiamo - ha dichiarato uno dei portavoce di Population Matters – e l’unico modo è avere meno figli e diventare una specie vivente molto più sostenibile”. I loro calcoli si basano sulle cifre della popolazione terrestre, ma soprattutto sulle stime future: entro i prossimi 80 anni da queste parti sarà necessario fare spazio a 11 miliardi di persone che vanno sfamate, vestite, riscaldate e dissetate.

L’esempio più lampante di antinatalismo portato all’estremo è la vicenda di qualche mese fa, che ha avuto come protagonista un giovane 27enne indiano, talmente scontento della propria esistenza da trascinare i genitori in tribunale, accusandoli di averlo messo al mondo senza prima chiedergli il permesso.

Società
La falsa illusione della condanna di Derek Chauvin
La falsa illusione della condanna di Derek Chauvin
Accompagnato da un plauso mondiale senza precedenti, il processo sulla morte di George Floyd ha dato l’illusione di un cambiamento radicale. Ma la strada per l’uguaglianza è ancora lunga, e disseminata di morti
La nuova inutilità dei vecchi malati e improduttivi
La nuova inutilità dei vecchi malati e improduttivi
Superata la mortalità infantile, nell’antichità la durata media della vita era equiparabile a quella odierna. Ma rispetto a oggi, erano molte meno le persone che invecchiavano. L’aumento degli anziani sta creando inedite tensioni sociali
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
L’estensione del suicidio assistito ai bambini affetti da mali incurabili scatena feroci polemiche nei Paesi Bassi. Per procedere sarà necessario il consenso del bimbo stesso e di genitori
La politica che ci attende
La politica che ci attende
Benjamin Studebaker, professore a Cambridge, ritiene che la fine dell’ordine liberale scatenerebbe il caos nel mondo. La sua sopravvivenza significherebbe invece una sofferenza economica senza limiti. Qual è la soluzione?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
Il filosofo Jonathan Wolff si domanda, in un articolo su Aeon, se i governi totalitari - che promettono al popolo rinnovamenti radicali grazie a un potere supremo – siano un segnale di pericolo per una rinascita dei sistemi fascisti
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Oltre un migliaio di nostri connazionali hanno risposto alle domande dell’Osservatorio Violenza e Suicidio: se ne parla venerdì 12 in una diretta Facebook
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età