Guerra aperta agli “smombies”

| Ovunque si cercano soluzioni al problema di chi cammina con lo sguardo fisso sullo schermo di un telefono. Diversi i tentativi, da quelli morbidi della Germania ai più duri adottati a Sassari

+ Miei preferiti
Sono stati i tedeschi, nel 2008, a coniare il termine “smombie”, neologismo che mescola smartphone e zombie per indicare chi va in giro con gli occhi fissi sul proprio telefono, ignorando quel che succede intorno.

E proprio in Germania, ormai da tempo, alcune grandi città come Colonia e Berlino hanno deciso di rimediare alla perenne distrazione dei pedoni imbambolati da uno schermo con cartelli che avvisano gli automobilisti sul pericolo di veder spuntare all’improvviso persone che non prestano attenzione a strisce pedonali e semafori. In aggiunta i cartelli, sono già diversi gli esempi di semafori a livello strada, con luci affogate nell’asfalto nella speranza che entrino nel raggio visivo degli smombies.

E la Germania non è la sola: in Cina sono in fase di test alcune corsie riservate a chi cammina a testa bassa, mentre diversi arredi stradali come lampioni e pali della luce sono stati dotati di rivestimenti morbidi per evitare poco piacevoli “zuccate”.

E Sassari è stata la prima città italiana a promettere la tolleranza zero verso i “morti viventi” dello smartphone con l’introduzione di multe che hanno fatto calare del 22% gli incidenti stradali che coinvolgono pedoni.

Galleria fotografica
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 1
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 2
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 3
Società
La nuova inutilità dei vecchi malati e improduttivi
La nuova inutilità dei vecchi malati e improduttivi
Superata la mortalità infantile, nell’antichità la durata media della vita era equiparabile a quella odierna. Ma rispetto a oggi, erano molte meno le persone che invecchiavano. L’aumento degli anziani sta creando inedite tensioni sociali
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
L’estensione del suicidio assistito ai bambini affetti da mali incurabili scatena feroci polemiche nei Paesi Bassi. Per procedere sarà necessario il consenso del bimbo stesso e di genitori
La politica che ci attende
La politica che ci attende
Benjamin Studebaker, professore a Cambridge, ritiene che la fine dell’ordine liberale scatenerebbe il caos nel mondo. La sua sopravvivenza significherebbe invece una sofferenza economica senza limiti. Qual è la soluzione?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
Il filosofo Jonathan Wolff si domanda, in un articolo su Aeon, se i governi totalitari - che promettono al popolo rinnovamenti radicali grazie a un potere supremo – siano un segnale di pericolo per una rinascita dei sistemi fascisti
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Oltre un migliaio di nostri connazionali hanno risposto alle domande dell’Osservatorio Violenza e Suicidio: se ne parla venerdì 12 in una diretta Facebook
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare