I ricchi vivono un decennio in più dei poveri

| Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età

+ Miei preferiti
“Nella vita ci sono cose ben più importanti del denaro, il guaio è che ci vogliono i soldi per comprarle”, diceva in uno dei suoi celebri aforismi il grande comico Graucho Marx. Sbagliava di poco, secondo un serissimo studio che ha messo a nudo le preoccupanti disuguaglianze economiche che si celano dietro la durata della vita negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Chi è ricco vive in buona salute e senza grossi problemi, garantendosi una vita in media nove anni più lunga di quella di chi ha meno denaro in tasca. I ricercatori hanno analizzato i dati relativi a più di 25.000 adulti di oltre 50 anni di età, alla ricerca di fattori in grado di prevedere quanto tempo hanno vissuto prima di iniziare a soffrire degli acciacchi del tempo. E il fattore socio-economico fondamentale per prevedere quando questi problemi sono iniziati è stata la disponibilità economica, con i ricchi che hanno goduto di quasi un decennio in più di serenità, prima di incappare nelle difficoltà.

Dai 50 anni, la percentuale di ricchi presi in esame poteva aspettarsi altri 31 anni di vita in buona salute rispetto ai meno abbienti, che devono accontentarsi di una ventina d’anni.

“Mentre l’aspettativa di vita è un utile indicatore di salute, la qualità della stessa con l’avanzare dell’età è cruciale - ha spiegato Paola Zaninotto, l’autrice dello studio, specialista di salute pubblica all’University College di Londra - misurando l’aspettativa di vita sana possiamo ottenere una stima del numero di anni di vita trascorsi in salute o senza disabilità”.

Lo studio – realizzato da un team di ricercatori universitari in Europa e negli Stati Uniti – non è il primo ad evidenziare l’importanza che la ricchezza gioca sulla vita delle persone, anche se la società odierna si concentra più sull’aspettativa di vita che sulla qualità.

La ricerca ha scoperto che l’1% del gotha finanziario degli Stati Uniti può sperare di vivere fino a 87,3 anni, quasi 15 in più rispetto a quelli dell’1% inferiore. Il divario per le donne è di 10 anni. E nel Regno Unito, uno studio parallelo ha rilevato che i poveri muoiono circa un decennio prima di chi ha dei conti correnti imbottiti a dovere.

I dati per la nuova ricerca sono stati ricavati da due studi sull’invecchiamento: uno dal Regno Unito, che ha interessato 10.754 persone, e un altro dagli Stati Uniti, con 14.803 interpellati. Non c’è alcuna differenza significativa tra i due Paesi in relazione ai risultati chiave dello studio. “Le disuguaglianze nell’aspettativa di vita in buona salute esistono in entrambi i Paesi e sono di entità simile - hanno scritto gli autori nella loro conclusione - in entrambi i Paesi gli sforzi per ridurre le disuguaglianze sanitarie dovrebbero essere rivolti a persone appartenenti a categorie socioeconomiche svantaggiate”.

Secondo l’OMS, l’aspettativa di vita globale alla nascita nel 2016 – l’ultimo anno per il quale sono disponibili i dati - era di 72 anni: significa che è aumentata di 5,5 anni tra il 2000 e il 2016. L’aumento più rapido dagli anni ‘60.

Società
La falsa illusione della condanna di Derek Chauvin
La falsa illusione della condanna di Derek Chauvin
Accompagnato da un plauso mondiale senza precedenti, il processo sulla morte di George Floyd ha dato l’illusione di un cambiamento radicale. Ma la strada per l’uguaglianza è ancora lunga, e disseminata di morti
La nuova inutilità dei vecchi malati e improduttivi
La nuova inutilità dei vecchi malati e improduttivi
Superata la mortalità infantile, nell’antichità la durata media della vita era equiparabile a quella odierna. Ma rispetto a oggi, erano molte meno le persone che invecchiavano. L’aumento degli anziani sta creando inedite tensioni sociali
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
L’estensione del suicidio assistito ai bambini affetti da mali incurabili scatena feroci polemiche nei Paesi Bassi. Per procedere sarà necessario il consenso del bimbo stesso e di genitori
La politica che ci attende
La politica che ci attende
Benjamin Studebaker, professore a Cambridge, ritiene che la fine dell’ordine liberale scatenerebbe il caos nel mondo. La sua sopravvivenza significherebbe invece una sofferenza economica senza limiti. Qual è la soluzione?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
Il filosofo Jonathan Wolff si domanda, in un articolo su Aeon, se i governi totalitari - che promettono al popolo rinnovamenti radicali grazie a un potere supremo – siano un segnale di pericolo per una rinascita dei sistemi fascisti
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Oltre un migliaio di nostri connazionali hanno risposto alle domande dell’Osservatorio Violenza e Suicidio: se ne parla venerdì 12 in una diretta Facebook
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare