La formula segreta della protesta

| Due ricercatori inglesi hanno analizzato le proteste sociali dell’ultimo secolo, fino a trovare l’algoritmo da applicare per arrivare al successo

+ Miei preferiti
Neanche il germe della protesta si salva, in questo mondo governato dagli algoritmi: l’ultimo prodotto di calcoli precisi nato scandagliando dati e archivi si chiama “Extinction Rebellion”. Per capirci, sono quelli che si sono fatti sentire in tutto il mondo ma che hanno avuto l’impatto maggiore a Londra, bloccata in modo pacifico da centinaia di attivisti sdraiati a terra in alcuni dei principali snodi cittadini. Nessuna violenza: hanno solo aspettato che la polizia li caricasse di peso per arrestarli e rilasciarli poco dopo, perché non avevano fatto niente.

“Extinction Rebellion” è un gruppo non violento ambientalista di disobbedienza totalmente apolitico, fondato nel 2018, che attraverso azioni non violente ma ad alto tasso di spettacolarizzazione tenta di mettere alle strette i governi per assumere con urgenza provvedimenti in favore del clima. Si ispira idealmente a movimenti come “Occupy”, ma anche Gandhi, le Suffragette, Martin Luther King. 

Ma la curiosità è un’altra: il gruppo, che può contare anche su anziani e bambini, è stato creato Gail Bradbrook e Roger Hallam (pare dopo un paio di funghi allucinogeni in Costa Rica), due scienziati che negli ultimi tre anni hanno inserito nei loro computer i dati di tutte le proteste sociali, dal 1900 ad oggi. Per ognuno degli eventi sono stati stralciati i fattori che hanno determinato il successo o il fallimento della protesta, fino a creare “l’algoritmo della protesta”, una formula matematica perfetta messa in pratica proprio a Londra. Il calcolo, che racconta del 53% di possibilità in più di riuscita di una protesta non violenta, ha permesso di pianificare ogni cosa compresi gli oltre 1000 arresti, cifra che rappresenta un costo notevole per le casse dello stato e che obbligano le autorità a dare attenzione al movimento e alle sue richieste.

Galleria fotografica
La formula segreta della protesta - immagine 1
La formula segreta della protesta - immagine 2
La formula segreta della protesta - immagine 3
La formula segreta della protesta - immagine 4
La formula segreta della protesta - immagine 5
Società
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
L’estensione del suicidio assistito ai bambini affetti da mali incurabili scatena feroci polemiche nei Paesi Bassi. Per procedere sarà necessario il consenso del bimbo stesso e di genitori
La politica che ci attende
La politica che ci attende
Benjamin Studebaker, professore a Cambridge, ritiene che la fine dell’ordine liberale scatenerebbe il caos nel mondo. La sua sopravvivenza significherebbe invece una sofferenza economica senza limiti. Qual è la soluzione?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
Il filosofo Jonathan Wolff si domanda, in un articolo su Aeon, se i governi totalitari - che promettono al popolo rinnovamenti radicali grazie a un potere supremo – siano un segnale di pericolo per una rinascita dei sistemi fascisti
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Oltre un migliaio di nostri connazionali hanno risposto alle domande dell’Osservatorio Violenza e Suicidio: se ne parla venerdì 12 in una diretta Facebook
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
Per essere considerati genitori anche sui documenti, Barrie Drewitt e Tony Barlow si erano battuti come leoni. Ma dopo 32 anni di matrimonio hanno deciso di separarsi, perché uno dei due si è innamorato del giovane ex fidanzato della figlia