La parità di genere? Fra 100 anni

| Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare

+ Miei preferiti
La maggior parte di noi non vivrà abbastanza per assistere all’uguaglianza di genere conquistata in tutto il mondo: è quanto racconta un nuovo studio, che sposta l’obiettivo ai prossimi 100 anni.

Lo dice l’annuale “Global Gender Gap Report” del Forum Economico Mondiale, che ha classificato l’Islanda come il paese più avanti per l’undicesimo anno consecutivo, seguita dal resto dei paesi nordici: Norvegia, Finlandia e Svezia. Al lato opposto della classifica, nei posti più in basso, Siria, Pakistan, Iraq e Yemen.

Il rapporto ha analizzato i progressi di 153 paesi verso l’uguaglianza sessuale e di genere, concentrandosi su quattro punti: partecipazione economica, risultati scolastici, salute/sopravvivenza e consapevolezza politica.

“Il documento di quest’anno evidenzia la crescente urgenza di agire: al ritmo attuale, ci vorrà quasi un secolo per raggiungere la parità, una linea temporale che non è possibile accettare in un mondo globalizzato come quello attuale, specialmente tra le generazioni più giovani che hanno una visione progressista della parità tra i sessi”.

Alcuni dei quattro punti presi in esame mostrano timidi progressi: 35 paesi hanno già raggiunto l’uguaglianza di genere nei risultati scolastici, mentre tutti gli altri prevedono di farlo entro i prossimi 12 anni. Un traguardo che è in gran parte dovuto ai recenti progressi nei paesi in via di sviluppo. Anche la salute e la sopravvivenza delle donne sta migliorando, con 48 paesi che possono dire di aver raggiunto la quasi completa uguaglianza.

Altri settori, tuttavia, richiederanno molto più tempo. La partecipazione economica e le opportunità delle donne quest’anno sono regredite: “Solo un piccolo numero di paesi si stanno avvicinando alla parità, e il mondo avrà bisogno di altri 257 anni per arrivarci. In media, poco più della metà di tutte le donne adulte sono attive nel mercato del lavoro, rispetto al 78% degli uomini”.

Anche il divario di genere nella rappresentanza politica è in ritardo - nessun paese l’ha colmato completamente - e a livello globale, si stima che sanno necessari altri 95 anni per raggiungere la parità. Calcolando insieme le quattro aree, il rapporto prevede che bisognerà aspettare ben 99,5 anni.

Le classifiche riflettono le maggiori tendenze: l’Europa occidentale ha il più piccolo divario di genere, seguita da Nord America, America Latina e Caraibi, Europa orientale e Asia centrale. Le regioni che hanno ottenuto i risultati più scarsi sono l’Asia-Pacifico, il Medio Oriente e l’Africa.

Il tasso di sviluppo di un paese non equivale necessariamente a un’alta classifica per l’uguaglianza di genere, specialmente in Asia orientale, dove il Giappone si è classificato al 144esimo posto dei 153 paesi, con la Corea del Sud a 127 e la Cina al posto 106. In Giappone le donne trascorrono al lavoro quattro volte più il tempo degli uomini: sforzi e risorse che sono distolti dalla partecipazione alla vita sociale e politica.

“In nessun paese al mondo il tempo dedicato dagli uomini al lavoro non retribuito (principalmente domestico e volontario) è uguale a quello delle donne”, dice il rapporto. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe lavora da anni all’iniziativa “womenomics”, volta ad aumentare il numero di donne sul posto di lavoro. Negli ultimi anni, la parità tra i sessi è stata anche un argomento caldo in Corea del Sud: decine di migliaia di donne si sono unite alle proteste nel 2018 e nel 2019 contro un’ondata di casi di video illegali girati con telecamere nascoste nei bagni e negli spogliatoi. Nel frattempo, il divario economico di genere rimane particolarmente profondo nei paesi dell’Asia meridionale come l’India, che si colloca al 112esimo posto su scala globale. Solo il 25% circa delle donne indiane fa parte della forza lavoro, rispetto all’82% degli uomini, uno dei tassi più bassi del mondo. E anche quando lavorano, il loro reddito stimato è solo un quinto circa del reddito degli uomini. Ci sono anche minacce più elementari: l’India è al 150esimo posto nella categoria salute e sopravvivenza, a causa della violenza, dei matrimoni forzati e della discriminazione. Gli ultimi anni hanno visto un’escalation dei casi di stupro in corso che hanno scatenato le proteste, ma portato a ben pochi cambiamenti.

Società
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Oltre un migliaio di nostri connazionali hanno risposto alle domande dell’Osservatorio Violenza e Suicidio: se ne parla venerdì 12 in una diretta Facebook
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
Per essere considerati genitori anche sui documenti, Barrie Drewitt e Tony Barlow si erano battuti come leoni. Ma dopo 32 anni di matrimonio hanno deciso di separarsi, perché uno dei due si è innamorato del giovane ex fidanzato della figlia
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Se le casse del primo Stato americano ad aver legalizzato la marijuana godono, non si può dire altrettanto per l’aumento degli incidenti stradali e dei casi di problemi mentali
Perché una donna non è proprietà
Perché una donna non è proprietà
Il “Progetto Alice”, ideato per le scuole secondarie di primo e secondo grado, ha come obiettivo educare le nuove generazioni a sentimenti che non si trasformino mai in violenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Gli adolescenti sudcoreani sono fra i giovani più colpiti dalla sindrome da dipendenza che li rende apatici, distanti e isolati. Il governo ha creato per loro 400 campi di cura
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
La recente sentenza della Consulta "spegne" l'indagine di Catania sulla morte dell'insegnante morta a Zurigo. Ma i dubbi restano