Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex

| In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi

+ Miei preferiti
Da qualche parte c’entra sempre il #MeToo, o comunque l’onda tellurica dello scandalo sessuale partito dalle colline di Hollywood per atterrare ovunque ci fossero un uomo e delle donne intorno a lui. Gli effetti della propagazione hanno obbligato tutti a dimostrare: a) che le violenze non saranno accettate, b) che ci battiamo per l’inclusione.

Detto, fatto. Nelle file delle bellezze che concorreranno per la prossima corona di “Miss America” c’è anche Rachel Slawson, 25 anni, Miss Utah: una ragazzona cresciuta ad hamburger e milkshake, alta, mora, formosa e bellissima, come da capitolato per poter sperare nella fascia. Ma soprattutto, la prima aspirante miss dichiaratamente bisex nella lunga storia di Miss America.

Lo scorso anno, Rachel è salita in passerella per ben cinque volte conquistando la fascia di più bella dello Utah, che sarà anche lo stato dei mormoni, ma non dei bacchettoni. E apertamente, senza imbarazzi o pregiudizi, davanti alla giuria ha parlato della propria bisessualità, per una volta tralasciando il solito copione delle aspiranti miss: sono qui per caso, vorrei la pace nel mondo, non faccio nessuna dieta, anzi.

“Dopo tanti anni passati a fingere di essere qualcun altro, ho scoperto essere se stessi funziona”, ha confidato Rachel ai microfoni della CNN. Anche prima di essere incoronata, la Slawson non si era tirata indietro da discorsi difficili: su Instagram ha condiviso il disturbo bipolare di cui soffre, un tentativo di suicidio a 19 anni e la lotta per accettare la propria omosessualità. Il suo passato è parte del motivo per cui ha scelto la consapevolezza della salute mentale e la prevenzione del suicidio come priorità del proprio impegno. Lo Utah in proposito ha un triste primato: è al quinto posto in tutta l’America per il tasso di suicidi fra i giovani LGBTQ+, particolarmente vulnerabili alla depressione.

Raggiante, Rachel ha definito la sua partecipazione a Miss America come “un fatto monumentale” per i membri della comunità LGBTQ+ dello Utah: “Rappresenta una vittoria della nostra comunità, che attraversa un momento di profonda difficoltà”. E in effetti, è una conquista sociale non da poco: fino a poco tempo fa i concorsi escludevano d’ufficio i concorrenti gay: Miss Universo ha vietato alle partecipanti transgender di competere fino al 2012 e solo nel 2018 Angela Ponce, Miss Spagna, è diventata la prima concorrente trans. L’anno successivo, Swe Zin Htet è stata la prima ragazza gay in gara a Miss Universo: rappresentava il Myanmar, paese dove l’omosessualità è tutt’ora illegale. “Miss Universo si batterà sempre perché le donne siano orgogliose di ciò che sono”, disse all’epoca Paula Shugart, presidente della “Miss Universo Organization”.

La data di Miss USA non è stata ancora annunciata, ma Rachel Slawson ha un’agenda fitta di impegni: deve visitare scuole e aziende locali per discutere della prevenzione dei suicidi. “I concorsi di bellezza hanno il fascino della perfezione fisica, e non credo che questo sia cambiato: penso solo che le definizioni di bellezza e perfezione si stiano espandendo”.

Galleria fotografica
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex - immagine 1
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex - immagine 2
Società
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
Per essere considerati genitori anche sui documenti, Barrie Drewitt e Tony Barlow si erano battuti come leoni. Ma dopo 32 anni di matrimonio hanno deciso di separarsi, perché uno dei due si è innamorato del giovane ex fidanzato della figlia
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Se le casse del primo Stato americano ad aver legalizzato la marijuana godono, non si può dire altrettanto per l’aumento degli incidenti stradali e dei casi di problemi mentali
Perché una donna non è proprietà
Perché una donna non è proprietà
Il “Progetto Alice”, ideato per le scuole secondarie di primo e secondo grado, ha come obiettivo educare le nuove generazioni a sentimenti che non si trasformino mai in violenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Gli adolescenti sudcoreani sono fra i giovani più colpiti dalla sindrome da dipendenza che li rende apatici, distanti e isolati. Il governo ha creato per loro 400 campi di cura
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
La recente sentenza della Consulta "spegne" l'indagine di Catania sulla morte dell'insegnante morta a Zurigo. Ma i dubbi restano
Lettera di un un uomo che vuole morire con dignità ma nel nome del Signore
Lettera di un un uomo che vuole morire con dignità ma nel nome del Signore
Dopo la storica decisione della consulta, riprendono le polemiche sul vuoto legislativo di una politica che non sa decidere, stretta com'è da condizionamenti religiosi e dal timore di perdere consensi