Sesso all'italiana

| Per conto della Bayer, il Censis ha realizzato un Rapporto sul sesso in Italia: si fa più spesso, con più partner e con meno inibizioni rispetto a un tempo

+ Miei preferiti
Non è ancora chiaro se “italians do it better”, gli italiani lo fanno meglio, ma sembra ormai assodato che lungo lo Stivale, il sesso nell’anno di grazia 2019 è: 1) vario; 2) frequente; 3) vario.

Lo dice un serissimo Rapporto preparato dal “Censis”, l’istituto di ricerche socio-economiche, per la “Bayer”, presentato qualche ora fa nell’aula del Senato. A vent’anni esatti di distanza dall’ultima analisi sulla sessualità degli italiani, il rapporto rappresenta una radiografia aggiornata che svela come stiano cambiando rotta il comune senso del pudore e i tabù che per lungo tempo hanno bloccato la libido tricolore. Per il 42% degli italiani, il sesso è una pratica da espletare almeno due o tre volte alla settimana, mentre mediamente, a quarant’anni i partner avuti sono all’incirca 6: 4 per le donne e 7 per gli uomini. Come sempre, trattandosi di una media, significa che qualcuno ne ha avuto 20 e altri 2. Ma vabbé, bisogna sapersi accontentare, anche perché vent’anni fa per il 50% delle donne di 40 anni il partner era stato soltanto uno: il marito.

Più interessante si fa il dossier scendendo nel dettaglio delle pratiche di una fascia di età compresa fra i 18 ed i 40 anni: l’80,7% pratica sesso orale, il 33,1 quello anale, il 24,4 usa sex-toys, il 67 si dedica alla reciproca masturbazione, il 46,9 in quei momenti si concede un linguaggio osceno, il 16,5 racconta al partner i propri sogni erotici e il 12,5 pratica bondage e sadomasochismo.

Il ricorso al “dating”, ovvero feste, riunioni e incontri pensati per single, è sempre più utilizzato, e sempre più comune è l’eventualità di finire a letto in tempi molto più rapidi rispetto al passato. È la diretta conseguenza di un altro dato che riguarda la capacità di saper distinguere il sesso dall’amore: vent’anni fa solo il 37,5% delle donne ammetteva di riuscirci, mentre oggi il 77,4 racconta di non avere alcun problema. Un dato che migliora ancora di più per i maschi, che dal 61,9% è salito all’81,8.

Nelle camere da letto è entrato di prepotenza il porno, ormai non più considerato come la quinta essenza della depravazione: il 61,2% degli italiani li guarda da solo, il 25,2 in coppia, e più che altro il 37,5% pratica il “sexting”, neologismo che indica il pericoloso invio e lo scambio di messaggi, testi, immagini e video sessualmente espliciti. Più preoccupante è invece il dato che riguarda la contraccezione, da molte coppie considerata una limitazione alla fantasia: il 63,3% ammette di aver avuto rapporti con protetti, aggiungendo come motivazione la mancanza di un contraccettivo nel momento giusto, oppure il piacere del rischio, o ancora per esplicita richiesta del partner. Fra i metodi, il profilattico svetta al 92,8% come il più utilizzato, anche se la “pillola” guadagna terreno conquistando l’85,6.

Ma a tutto questo, vanno aggiunti 1,6 milioni di italiani che hanno rinunciato totalmente al sesso: l’11,6% dei maschi e l’8,7 delle donne, portacolori delle 220mila coppie che stanno insieme senza avere più rapporti.

“Da più di mezzo secolo, la Bayer svolge un ruolo di primo piano nella ricerca a favore della salute femminile, studiando soluzioni innovative e sempre più efficaci per rispondere alle esigenze delle donne - ha commentato Franco Pamparana, direttore medico di Bayer Italia - i dati del Rapporto del Censis ci aiutano a comprendere meglio che cosa sta cambiando nella sessualità degli italiani. E ci dicono che è sempre più importante garantire una corretta e ampia informazione sulla contraccezione, per consentire a ogni donna di prendere decisioni pienamente consapevoli”.

Società
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
Olanda, eutanasia anche per i minori di 12 anni
L’estensione del suicidio assistito ai bambini affetti da mali incurabili scatena feroci polemiche nei Paesi Bassi. Per procedere sarà necessario il consenso del bimbo stesso e di genitori
La politica che ci attende
La politica che ci attende
Benjamin Studebaker, professore a Cambridge, ritiene che la fine dell’ordine liberale scatenerebbe il caos nel mondo. La sua sopravvivenza significherebbe invece una sofferenza economica senza limiti. Qual è la soluzione?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
I regimi dittatoriali hanno ancora un fascino?
Il filosofo Jonathan Wolff si domanda, in un articolo su Aeon, se i governi totalitari - che promettono al popolo rinnovamenti radicali grazie a un potere supremo – siano un segnale di pericolo per una rinascita dei sistemi fascisti
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Le emozioni degli italiani durante il lockdown
Oltre un migliaio di nostri connazionali hanno risposto alle domande dell’Osservatorio Violenza e Suicidio: se ne parla venerdì 12 in una diretta Facebook
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
Per essere considerati genitori anche sui documenti, Barrie Drewitt e Tony Barlow si erano battuti come leoni. Ma dopo 32 anni di matrimonio hanno deciso di separarsi, perché uno dei due si è innamorato del giovane ex fidanzato della figlia