UK: si separa la prima coppia di genitori gay

| Per essere considerati genitori anche sui documenti, Barrie Drewitt e Tony Barlow si erano battuti come leoni. Ma dopo 32 anni di matrimonio hanno deciso di separarsi, perché uno dei due si è innamorato del giovane ex fidanzato della figlia

+ Miei preferiti
La storia di Barrie Drewitt e Tony Barlow aveva diviso in due l’opinione pubblica inglese: erano stati la prima coppia gay a sfidare la legge e il perbenismo per poter diventare entrambi genitori anche all’anagrafe. E alla fine, avevano vinto loro: Barrie e Tony erano diventati genitori effettivi di Saffron e Aspen, una coppia di bellissime gemelline, avute attraverso la pratica dell’utero in affitto. Esperienza entusiasmante che i due avevano voluto ripetere anni dopo con l’arrivo di Orlando, che oggi ha 16 anni e altri gemelli, Jasper e Dallas, di 9. La tribù viveva d’amore e d’accordo in una sontuosa residenza in Florida.

Ma adesso, come può succedere all’interno di qualsiasi altra coppia, 32 anni dopo essersi promessi amore eterno, Barrie e Tony hanno deciso di divorziare, costringendo ancora una volta il Regno Unito a dividersi fra chi pensa abbiano ragione e chi invece continua a credere che questa storia fosse sbagliata dall’inizio.

A non aiutare sono i motivi della separazione: Barrie Drewitt, 55 anni, si sarebbe innamorato di Scott Hutchinson, ex fidanzato 19enne dalla figlia Saffron e per 7 anni suo assistente personale. Pare sia stata proprio l’intimità, complice anche il supporto morale dato dal giovane nei difficili momento di un cancro alla gola contro cui Barrie ha combattuto, a far scattare la scintilla fra i due. “Mi sono innamorato di Scott e lui di me: alla mia età mi sento un po’ sciocco pensando di provare questi sentimenti per qualcuno diverso da Tony e per di più che ha la metà dei miei anni. Non abbiamo fatto piani precisi, ma vorrei sposare Scott”.

Galleria fotografica
UK: si separa la prima coppia di genitori gay - immagine 1
UK: si separa la prima coppia di genitori gay - immagine 2
Società
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Se le casse del primo Stato americano ad aver legalizzato la marijuana godono, non si può dire altrettanto per l’aumento degli incidenti stradali e dei casi di problemi mentali
Perché una donna non è proprietà
Perché una donna non è proprietà
Il “Progetto Alice”, ideato per le scuole secondarie di primo e secondo grado, ha come obiettivo educare le nuove generazioni a sentimenti che non si trasformino mai in violenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Gli adolescenti sudcoreani sono fra i giovani più colpiti dalla sindrome da dipendenza che li rende apatici, distanti e isolati. Il governo ha creato per loro 400 campi di cura
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
La recente sentenza della Consulta "spegne" l'indagine di Catania sulla morte dell'insegnante morta a Zurigo. Ma i dubbi restano
Lettera di un un uomo che vuole morire con dignità ma nel nome del Signore
Lettera di un un uomo che vuole morire con dignità ma nel nome del Signore
Dopo la storica decisione della consulta, riprendono le polemiche sul vuoto legislativo di una politica che non sa decidere, stretta com'è da condizionamenti religiosi e dal timore di perdere consensi