2019, l’anno di Lady Gaga

| Tanti siti e testate specializzate la danno come l’artista dell’anno nuovo. Il suo mega show ha debuttato a Las Vegas, potrebbe vincere l’Oscar e convolare a nozze

+ Miei preferiti
La Germanotta ha messo la testa a posto. C’è chi dice sia merito del film interpretato con Bradley Cooper (A star is born), chi invece è convinto che le prossime nozze l’abbiano messa in pace con il mondo, per finire con quelli che ricordano l’impegnativa serie di concerti a Las Vegas di cui è protagonista assoluta.

Iniziando dalla fine, ha debuttato al “Park Theatre” dell’MGM Hotel l’attesissimo “Enigma”, il fantasmagorico resident show di Lady Gaga che ripercorre dieci anni di una carriera luminosissima. Per il concerto di capodanno, la chitarra realizzata appositamente per lei dal liutaio tedesco Jens Ritter mettendo insieme 11mila cristalli Swarovski.

A marzo miss Germanotta si prenderà una pausa, magari in concomitanza con la cerimonia degli Oscar, dove qualcuno già la immagina con la sua prima statuetta fra le mani, conquistata per la convincente interpretazione di Ally Campana in “A star i born”, remake dell’omonimo film del 1937 che ha già conquistato 5 nominations ai “Golden Globe”.

Altra pausa, quasi certa, per salire sull’altare insieme a Christian Carino, il manager che ha sostituito Taylor Kinney nel cuore di Lady Gaga. Un matrimonio che, secondo i bene informati, dovrebbe tenersi a Venezia, città di cui l’artista newyorkese si sarebbe innamorata dopo averla vista in occasione del Festival del Cinema dove ha presentato il film in compagnia di Bradley Cooper.

Una festicciola valutata in circa 5 milioni di dollari, con un parterre de roy di ospiti del calibro di Elton John, John Legend, Justin Bieber, Taylor Swift, Miley Cyrus e Stevie Wonder.

Galleria fotografica
2019, l’anno di Lady Gaga - immagine 1
2019, l’anno di Lady Gaga - immagine 2
Spettacolo
La triste parabola di Britney Spears
La triste parabola di Britney Spears
Preoccupato il manager, “Potrebbe non esibirsi mai più”. L’artista sarebbe finita in mezzo ad una faida fra i genitori per l’affidamento e la tutela del suo patrimonio. I fans in allarme lanciano l’hashtag #FreeBritney
Crolla sul ring, morte di un wrestler
Crolla sul ring, morte di un wrestler
Il messicano Silver king, 51 anni, stava combattendo a Londra contro Juventud Guerrera quando è stato ucciso da un malore. Il pubblico credeva fosse una messinscena. Bambini sotto choc.
Welcome to the Luke Perry School
Welcome to the Luke Perry School
Sophie, la figlia del protagonista di Beverly Hills 90210 morto lo scorso marzo, ha voluto dedicare al padre una piccola scuola materna in Malawi
Arrestato lo stalker di Natalie Portman
Arrestato lo stalker di Natalie Portman
Dopo aver tentato di introdursi nel complesso dove vive l’attrice, un uomo è stato arrestato dopo essersi presentato davanti alla sua porta di casa
Barbra Streisand dalla parte di Jackson
Barbra Streisand dalla parte di Jackson
Una voce fuori dal coro non per togliere colpe a Jackson, ma per dire che gli accusatori di Leaving Neverland (e i loro genitori) non fossero così dispiaciuti delle sue attenzioni
Il testamento di Luke Perry
Il testamento di Luke Perry
L’attore, scomparso cinque giorni dopo essere stato colpito da un ictus, aveva deciso per tempo di lasciare il suo patrimonio ai figli
La Toya Jackson
mio fratello era un pedofilo
La Toya Jackson<br>mio fratello era un pedofilo
In un video privato del 1993, la sorella del King of Pop ammette le tendenze di MJ, rilevando di averlo visto pagare le famiglie di adolescenti
Sesso e libertà, ecco le suffragette Usa
Sesso e libertà, ecco le suffragette Usa
La tv-comedy American Woman, dedicata alla liberazione sessuale degli Anni '70, negli USA ha avuto uno straordinario successo. Esordio su Premium
Luke Perry colpito da ictus
Luke Perry colpito da ictus
Il popolare attore della serie Beverly Hills 90210 è stato ricoverato d’urgenza in ospedale, ancora confuse le notizie sulle sue condizioni di salute
Green Book vince l'Oscar, Roma primo tra gli stranieri
Green Book vince l
Il tema del razzismo domina le scelte di Hollywood, statuetta per Rami Malek per Bohemian Rhapsody. Olivia Colman (La Favorita) batte Glenn Close. Animazione: vince Spider Man con l'italiana Sara Pichelli