Antonio Banderas, addio a Hollywood

| L’attore spagnolo ammette che l’infarto di due anni fa gli ha cambiato la vita: preferisce tornare a Malaga, dov’è nato e dove ha appena acquistato un teatro, la sua grande passione

+ Miei preferiti
Senza una frattura al piedi che gli ha impedito di fare il calciatore non sarebbe diventato attore, e senza l’incontro con Pedro Almodovar non avrebbe raggiunto il successo. Ma senza l’infarto del gennaio 2017, non avrebbe capito l’importanza della vita. L’esistenza di Antonio Banderas, classe 1960 da Madeira, Spagna, è un insieme di fortunate casualità. Appassionato di teatro, a 19 anni si trasferisce a Madrid per tentare la carriera di modello, anche se per campare gli tocca servire ai tavoli di un ristorante. Debutta nel cinema nel 1982 in “Labirinto di passioni” del suo amico Almodovar, che lo rivuole cinque anni dopo in “Donne sull’orlo di una crisi di nervi”. Banderas entra nell’elenco degli uomini più belli e desiderati del mondo, ma per avere anche la celebrità bisogna aspettare il 1998, quando Hollywood gli affida il ruolo di Zorro al fianco di Catherine Zeta-Jones.

Anche la sua vita privata segue come un’ombra la carriera: sposato con l’attrice Ana Leza, divorzia nel 1995 e due anni dopo porta sull’altare Melanie Griffith, che lo rende padre di Stella. Nel 2014, quasi un record per la gente di Hollywood, la storia finisce. Dall’anno successivo è legato a Nicole Kimpel, una consulente finanziaria.

Ma qualcosa nella vita di Banderas è cambiato: a 59 anni ha messo da parte una carriera con 82 film, ma soprattutto una sensazione nuova, di quelle che sembrano sempre destinate solo agli altri: un attacco di cuore. Da tempo soffriva di aritmia, e il 26 gennaio 2017 è arrivato il conto: lo operano due volte impiantandogli tre “stents” nelle coronarie. Ha avuto paura, al punto da confessare qualche settimana dopo che “l’infarto è stato un paletto dopo 37 anni di lavoro da cui non riuscivo a smettere mai”. Poi ha parlato di nuovi progetti, di idee su cui era al lavoro.

Ma non era vero, o meglio, lo era, ma non faceva più lo stesso effetto. Proprio in queste ore, ospite del “Toronto Film Festival” dove ha presentato “The Laudromat”, il film interpretato al fianco di Gary Oldman ospite anche a Venezia, Antonio Banderas ha raccontato in un’intervista a “Leggo” una decisione che gli è maturata dentro pian piano, fino a diventare definitiva. “L’infarto mi ha cambiato più di quanto avessi ammesso, e ho capito che Hollywood non fa per me: ho trovato un modo più romantico e incosciente di usare i miei risparmi”.

Tornerà nella sua Spagna e ai palcoscenici, due affetti da cui è stato fin troppo distante, per dirigere il “Teatro del Soho Caixabank” che ha acquistato di Malaga, dove tutto è iniziato 59 anni fa. “Il teatro è l’amore della mia vita. È come una donna che ho trascurato per troppo tempo e adesso mi reclama”.

Galleria fotografica
Antonio Banderas, addio a Hollywood - immagine 1
Antonio Banderas, addio a Hollywood - immagine 2
Antonio Banderas, addio a Hollywood - immagine 3
Antonio Banderas, addio a Hollywood - immagine 4
Antonio Banderas, addio a Hollywood - immagine 5
Spettacolo
Con Walt Disney, Fantasia al potere
Con Walt Disney, Fantasia al potere
Compie 80 anni uno dei film d’animazione più famosi e originali di sempre, che ha introdotto nel mondo dei cartoon paradigmi e livelli di qualità del tutto nuovi. Geniale l’idea di sincronizzare la musica classica ai movimenti dei disegni
Michael J. Fox: «Ho finito l’ottimismo»
Michael J. Fox: «Ho finito l’ottimismo»
In un’intervista che anticipa l’uscita del suo quarto libro, l’ex star di “Back to the Future” affetta da tempo dal Parkinson svela di aver combattuto contro un brutto male e l’accanimento del destino
È morto James, figlio di Robert Redford
È morto James, figlio di Robert Redford
Ucciso dal brutto male contro cui lottava da due anni: era un apprezzato sceneggiatore, sempre vicino alle cause umanitarie. È il secondo figlio che muore al leggendario attore di Hollywood
La strage delle star orientali
La strage delle star orientali
Lunedì è morta in ospedale l’attrice sudcoreana Oh In-hye e il giorno successivo la giapponese Sei Ashina. Ieri la notizia del decesso del cantante e conduttore Alien Huang
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
Il popolare talk show americano finisce nella bufera dopo le accuse di una decina di dipendenti che parlano di maltrattamenti, bullismo e violenze
Travolta lascia Scientology
Travolta lascia Scientology
L’attore in disaccordo con le dottrine del fondatore, che non ammetteva le cure chemioterapiche. In un posto, Travolta ha ringraziato i medici del centro che ha aiutato Kelly Preston nella sua battaglia
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Nell’estremo tentativo di proteggere il marito, l’imprenditrice parla per la prima volta del disturbo bipolare del rapper e delle difficoltà di convivere con questi problemi
Suicida il nipote di Elvis
Suicida il nipote di Elvis
Benjamin Keough, 27 anni, uno dei figli di Lisa Maria, si sarebbe tolto la vita con un colpo d’arma da fuoco. Rispetto al resto della famiglia aveva scelto un profilo basso, e di lui non si mai saputo molto
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
La società canadese, costretta a fermare i 44 spettacoli in tutto il mondo, annuncia il ricorso alla bancarotta controllata nel tentativo di ristrutturare il debito e tornare in pista. Quasi 4.000 dipendenti licenziati
Il Bataclan è in vendita
Il Bataclan è in vendita
La sala da concerto parigina diventata uno dei simboli degli attentati del 13 novembre di cinque anni fa, travolta dai problemi economici e dal lockdown