Barbra Streisand dalla parte di Jackson

| Una voce fuori dal coro non per togliere colpe a Jackson, ma per dire che gli accusatori di Leaving Neverland (e i loro genitori) non fossero così dispiaciuti delle sue attenzioni

+ Miei preferiti
Da quando “Leaving Neverland”, il docu-film che accusa Michael Jackson di pedofilia come forse nessuno aveva mai fatto, sul nome del re del Pop è scattata l’indignazione tout-court. I suoi successi boicottati dalle radio di mezzo mondo, oggetti che appartenevano a lui eliminati dai musei e addirittura in forse le celebrazioni per i dieci anni della morte, il prossimo giugno.

Un fronte comune, un coro da cui è difficile discostarsi, a meno dio non essere una delle più grandi artiste viventi, così celebre da essere al di fuori di ogni sospetto e soprattutto al sicuro da meccanismi vendicativi dello showbiz. È il caso di Barbra Streisand, 76 anni, icona dello spettacolo che in bacheca vanta Oscar conquistati per il talento come attrice e Grammy per la sua voce, ma soprattutto 145 milioni di album in tutto il mondo. Insomma, una che quando va parla va ascoltata.

Barbra è la prima a dare un colpo di remi controcorrente, invitando a ribaltare la situazione mostrata in Leaving Neverland: invece di accusare MJ, provare a chiedersi quando Wada Robson e James Safenchuck siano da considerare in modo un po’ troppo sbrigativo due poveri adolescenti finiti nelle grinfie di un mostro pedofilo. “Possiamo dire molestati, ma quei due erano ben contenti di essere lì, coperti di regali e attenzioni. Mi dispiace per quei bambini, crederò sempre alle loro accuse di molestie perché ho trovato molto doloro guardare il documentario. Ma ritengo che la responsabilità vera vada ai genitori che hanno concesso loro di dormire lì”. E ancora: “Mi chiedo perché Michael avesse bisogno di vestire quei ragazzini come lui, perché li voleva nei suoi show. Michael non li ha uccisi, in fin dei conti oggi sono sposati e hanno avuto dei figli. Erano i bisogni sessuali di Jackson, derivanti dall’infanzia che avuto e dal suo Dna. L’ho incontrato una sola volta e l’impressione è stata di una persona molto dolce, quasi infantile”.

Galleria fotografica
Barbra Streisand dalla parte di Jackson - immagine 1
Spettacolo
È morto James, figlio di Robert Redford
È morto James, figlio di Robert Redford
Ucciso dal brutto male contro cui lottava da due anni: era un apprezzato sceneggiatore, sempre vicino alle cause umanitarie. È il secondo figlio che muore al leggendario attore di Hollywood
La strage delle star orientali
La strage delle star orientali
Lunedì è morta in ospedale l’attrice sudcoreana Oh In-hye e il giorno successivo la giapponese Sei Ashina. Ieri la notizia del decesso del cantante e conduttore Alien Huang
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
Il popolare talk show americano finisce nella bufera dopo le accuse di una decina di dipendenti che parlano di maltrattamenti, bullismo e violenze
Travolta lascia Scientology
Travolta lascia Scientology
L’attore in disaccordo con le dottrine del fondatore, che non ammetteva le cure chemioterapiche. In un posto, Travolta ha ringraziato i medici del centro che ha aiutato Kelly Preston nella sua battaglia
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Nell’estremo tentativo di proteggere il marito, l’imprenditrice parla per la prima volta del disturbo bipolare del rapper e delle difficoltà di convivere con questi problemi
Suicida il nipote di Elvis
Suicida il nipote di Elvis
Benjamin Keough, 27 anni, uno dei figli di Lisa Maria, si sarebbe tolto la vita con un colpo d’arma da fuoco. Rispetto al resto della famiglia aveva scelto un profilo basso, e di lui non si mai saputo molto
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
La società canadese, costretta a fermare i 44 spettacoli in tutto il mondo, annuncia il ricorso alla bancarotta controllata nel tentativo di ristrutturare il debito e tornare in pista. Quasi 4.000 dipendenti licenziati
Il Bataclan è in vendita
Il Bataclan è in vendita
La sala da concerto parigina diventata uno dei simboli degli attentati del 13 novembre di cinque anni fa, travolta dai problemi economici e dal lockdown
Barba Streisand dona azioni Disney alla figlia di George Floyd
Barba Streisand dona azioni Disney alla figlia di George Floyd
La grande artista ha acquistato azioni del colosso Disney da donare alla figlia dell’uomo ucciso a Minneapolis. È solo l’ultima dimostrazione di affetto e solidarietà ricevuta dalla famiglia Floyd
Anche Bollywood è in crisi
Anche Bollywood è in crisi
La prolifica industria cinematografica indiana azzerata dalla pandemia: stagione compromessa, produzioni ferme e forte timore che riaprire i cinema non basterà