Conchita Wurst: “Sono sieropositiva”

| La celebra drag queen austriaca sceglie di fare coming out per precedere le possibili rivelazioni sul suo stato di salute da parte di un ex spasimante

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Meglio fare coming out, piuttosto che farlo fare a qualcuno: sono sieropositiva da diversi anni”. È l’annuncio shock lanciato attraverso il proprio profilo Instagram da Conchita Wurst, la drag queen resa celebre dalla vittoria dell’Eurovision 2014. Austriaca di nascita, 29 anni, la Wurst spiega anche il motivo della sua decisione: un ex fidanzato che ha minacciato di divulgare informazioni sul suo stato di salute.

“Non potrò mai dare a nessuno il diritto di spaventarmi o influenzare la mia vita - ha aggiunto Conchita – e non ho divulgato la notizia in precedenza per non allarmare la mia famiglia, ma spero in questo modo di dare coraggio agli altri e fare un altro passo in avanti contro la stigmatizzazione delle persone contagiate dall’Hiv”.

Thomas Neuwirth, in arte Conchita Wurst, nasce a Gmunden, sulle sponde del lago Traunsee, in Austria, il 6 novembre del 1988. Attratto dai palcoscenici fin da piccolo, per diversi anni si esibisce come cantante solista anche all’interno di band, mentre completa gli studi alla scuola di moda di Graz. Nel 2011 la scelta di ideare Conchita Wurst, il suo personaggio drag queen, portato per la prima volta sulla scena di “Die große Chance”, un al reality austriaco che stravince.

Il suo personaggio fa scalpore: un viso dai lineamenti delicati e curatissimi, con la scelta di lasciarsi crescere la barba. Una scelta artistica che lo trasforma in uno degli ospiti più seguiti di alcuni reality. Nel 2014 Conchita ha il compito di rappresentare i colori austriaci all’Eurovision Song Contest: un’apparizione internazionale che scatena le reazioni. Nei giorni successivi la pagina Facebook “Against Wurst” raccoglie migliaia di follower, mentre le autorità russe e bielorusse invitano le televisioni a non trasmettere le trasmissioni in cui compare la drag queen barbuta. Ma Conchita Wurst vince il concorso internazionale costringendo tutti a ricredersi: all’Austria non succedeva dal 1966.

Fra polemiche e prese di posizione, la carriera di Conchita si arricchisce di collaborazioni prestigiose: Jean-Paul Gautier la vuole come modella, la “BBC” la inserisce nella lista delle “100 donne del 2014” e nell’ottobre dello stesso anno si esibisce all’ONU, alla presenza di Ban Ki-moon, partecipando poi ad un dibattito sul rispetto dei diritti umani. Nel 2015 è fra gli ospiti del Festival di Sanremo di Carlo Conti, una presenza che anche in Italia solleva indignazione a proteste. 

Spettacolo
Arrestato lo stalker di Natalie Portman
Arrestato lo stalker di Natalie Portman
Dopo aver tentato di introdursi nel complesso dove vive l’attrice, un uomo è stato arrestato dopo essersi presentato davanti alla sua porta di casa
Barbra Streisand dalla parte di Jackson
Barbra Streisand dalla parte di Jackson
Una voce fuori dal coro non per togliere colpe a Jackson, ma per dire che gli accusatori di Leaving Neverland (e i loro genitori) non fossero così dispiaciuti delle sue attenzioni
Il testamento di Luke Perry
Il testamento di Luke Perry
L’attore, scomparso cinque giorni dopo essere stato colpito da un ictus, aveva deciso per tempo di lasciare il suo patrimonio ai figli
La Toya Jackson
mio fratello era un pedofilo
La Toya Jackson<br>mio fratello era un pedofilo
In un video privato del 1993, la sorella del King of Pop ammette le tendenze di MJ, rilevando di averlo visto pagare le famiglie di adolescenti
Sesso e libertà, ecco le suffragette Usa
Sesso e libertà, ecco le suffragette Usa
La tv-comedy American Woman, dedicata alla liberazione sessuale degli Anni '70, negli USA ha avuto uno straordinario successo. Esordio su Premium
Luke Perry colpito da ictus
Luke Perry colpito da ictus
Il popolare attore della serie Beverly Hills 90210 è stato ricoverato d’urgenza in ospedale, ancora confuse le notizie sulle sue condizioni di salute
Green Book vince l'Oscar, Roma primo tra gli stranieri
Green Book vince l
Il tema del razzismo domina le scelte di Hollywood, statuetta per Rami Malek per Bohemian Rhapsody. Olivia Colman (La Favorita) batte Glenn Close. Animazione: vince Spider Man con l'italiana Sara Pichelli
Michael Jackson, una battaglia legale sempre più dura
Michael Jackson, una battaglia legale sempre più dura
La HBO sta per trasmettere il documentario in televisione, e la società che cura i diritti di MJ chiede un risarcimento record per una clausola stilata anni fa. Si profila l’ipotesi di riesumare la salma
Addio alla voce del Telegattone
Addio alla voce del Telegattone
Morto Franco Rosi, 75 anni, l'imitatore autore della sigla di Superclassifica Show, la trasmissione Mediaset che ebbe uno straordinario successo negli Anni '80
Liam Neeson: volevo uccidere
Liam Neeson: volevo uccidere
L’attore irlandese rilascia un’intervista shock: “Anni fa una mia amica è stata violentata e ho passato settimane a girare per uccidere qualche nero bastardo". Polemiche e anatemi bipartisan