Green Book vince l'Oscar, Roma primo tra gli stranieri

| Il tema del razzismo domina le scelte di Hollywood, statuetta per Rami Malek per Bohemian Rhapsody. Olivia Colman (La Favorita) batte Glenn Close. Animazione: vince Spider Man con l'italiana Sara Pichelli

+ Miei preferiti
La cerimonia della consegna dei premi Oscar 2019 al Dolby Theatre di Los Angeles premia i temi sociali e tutte le diversità possibili. Per la prima volta da trent'anni a questa parte senza un vero presentatore, la scelta è stata di far consegnare i premi in diretta da ospiti che hanno chiamato uno ad uno i vincitori dalle poltrone del parterre. I favoriti della vigilia per il miglior film erano "Roma" e "Green Book": un po' a sorpresa, contro i pronostici, ha vinto quest'ultimo, con Alfonso Cuarón trionfatore dell’Oscar alla regia. Il protagonista della serata è stato proprio Cuarón, che ha portato a xasa anche l'Oscar per la fotografia e il miglior film straniero. E' la quinta volta in sei anni che il premio va ad un regista messicano.

Confermate invece le indiscrezioni per Rami Malek, interprete di "Bohemian Rhapsody", al suo primo Oscar per la magistrale interpretazione di Freddie Mercury. Malek, ringraziando, ha raccontato la sua storia di inclusione: "Sono figlio di immigrati egiziani, americano di seconda generazione, non ero la scelta più ovvia ma a quanto pare ha funzionato". Secondo pronostico avrebbe dovuto vincere a mani basse Glenn Close, candidata per "The Wife", ma sul palco, commossa e confusa, è salita invece Olivia Colman per "La Favorita". Quindi tutto il team di "Spider Man", dai produttori al regista ai disegnatori. Quattro anni di lavoro e un Oscar da stringere tra le mani.

Green Book, diretto da Peter Farrelly, riceve il premio da una raggiante e splendida Julia Roberts: "Abbiamo fatto questo film con amore e tenerezza e rispetto" ha detto il produttore, mentre il regista ha chiarito: "Questo è un film sull'amore nonostante le differenze". Il film racconta la storia (quasi) vera dell'incontro fra due uomini che più diversi non potrebbero essere: nel lungo viaggio che li porta in tournée nel Sud razzista degli Usa, tra equivoci e momenti drammatici, impereranno a rispettarsi ed ad aiutarsi l'uno con l'altro. Il film ha vinto anche come miglior sceneggiatura e miglior attore non protagonista, conquistato da Mahershala Ali, alla sua seconda statuetta. Delusione per "A Star is Born", che porta a casa una sola statuetta per l'intensa "Shallow" interpretata sul palco da Lady Gaga e Bradley Cooper, regista della pellicola, in uno dei momenti più intensi di tutta la cerimonia.

Sara Pichelli, marchigiana, classe 1983, salva l'onore dell'Italia: era candidata per "Spider-man: Into the spider-verse", categoria miglior film d'animazione. Fa parte del team dei disegnatori della pellicola diretta da Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman. Ha creato e disegnato il personaggio di Miles Morales.

TUTTI I VINCITORI

Miglior film: "Green Book" di Peter Farrelly

Miglior regia: Alfonso Cuarón per "Roma"

 

Miglior attore protagonista: Rami Malek in "Bohemian Rhapsody", di Bryan Singer.

 

Miglior attrice protagonista: Olivia Colman in "La favorita", di Yorgos Lanthimos.

 

Migliore attrice non protagonista: Regina King per "Se la strada potesse parlare", di Barry Jenkins.

 

Migliore attore non protagonista: Mahershala Ali per "Green Book" di Peter Farrelly.

 

Miglior film straniero: "Roma", di Alfonso Cuarón (Messico).

 

Miglior documentario: "Free Solo", di Elizabeth Chai Vasarhelyi e Jimmy Chin.

 

Miglior trucco: Greg Cannom, Kate Biscoe e Patricia DeHaney per "Vice - L'uomo nell'ombra", di Adam McKay.

 

Migliori costumi: Ruth Carter per "Black Panther".

 

Miglior scenografia: "Black Panther", Production Design, Hannah Beachler e Set Decoration, Jay Hart.

 

Miglior fotografia: Alfonso Cuarón per "Roma".

 

Miglior montaggio: John Ottman per "Bohemian Rhapsody".

Miglior sonoro: Paul Massey, Tim Cavagin e John Casali per "Bohemian Rhapsody".

Miglior film d'animazione: "Spider-Man - Un nuovo universo" di Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman.



Miglior corto d'animazione: "Bao", di Domee Shi

 

Miglior cortometraggio documentario: "Period. End of Sentence", di Rayka Zehtabchi e Melissa Berton.

 

Migliori effetti visivi: Paul Lambert, Ian Hunter, Tristan Myles e J.D. Schwalm per "First man - Il primo uomo".

 

Miglior cortometraggio: "Skin" di Guy Nattiv

 

Miglior sceneggiatura originale: Nick Vallelonga, Brian Currie e Peter Farrelly per "Green Book"

 

Miglior sceneggiatura non originale: Charlie Wachtel, David Rabinowitz, Kevin Willmott e Spike Lee per "BlackKklansman"

 

Miglior colonna sonora: Ludwig Goransson per "Black Panther"

 

Miglior canzone originale: "Shallow" da "A Star Is Born", scritta da Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt e interpretata da Bradley Cooper e Lady Gaga.

Articoli correlati
Spettacolo
Lite per il testamento di Aretha Franklin
Lite per il testamento di Aretha Franklin
La presenza di tre diversi testamenti ha creato confusione e messo uno contro l’altro i quattro figli della regina del Soul
Olivia Newton-John: non so quanto mi resta
Olivia Newton-John: non so quanto mi resta
L’indimenticabile Sandy di “Grease” ha confessato in un’intervista di non aver voluto sapere dai medici quanto tempo le resta da vivere dopo il ritorno della sua malattia: “Ogni giorno è un regalo”
La guerra per il patrimonio di Amy Winehouse
La guerra per il patrimonio di Amy Winehouse
L’ex marito dell’artista, Blake Fielder-Civil, ha fatto causa alla famiglia per ottenere un milione di sterline. Ma per i genitori di Amy non avrà un centesimo
Le confessioni di Miley Cyrus
Le confessioni di Miley Cyrus
La popstar ha rilasciato un’intervista in cui parla della propria sessualità, del suo matrimonio e dei motivi che l’hanno spinta ad abbandonare il ruolo di “Hannah Montana”
È morto Cameron Boyce, star di Disney Channel
È morto Cameron Boyce, star di Disney Channel
Era stato uno dei protagonisti della serie “Jesse” e della saga “Descendants”: soffriva da tempo di un disturbo epilettico per cui era in cura
Addio a Franco Zeffirelli
Addio a Franco Zeffirelli
Il grande maestro si è spento a Roma a 96 anni, portato via da una lunga malattia. Una carriera straordinaria riconosciuta soprattutto all’estero, cesellata con capolavori mai semplici e scontati
Miley, niente baci senza consenso
Miley, niente baci senza consenso
La cantante americano abbracciata con forza e baciata da un fan a Barcellona scena il web. "Sei ti vesti da p...cosa ti aspetti?" Lei replica e le danno ragione. Il video è virale
La triste parabola di Britney Spears
La triste parabola di Britney Spears
Preoccupato il manager, “Potrebbe non esibirsi mai più”. L’artista sarebbe finita in mezzo ad una faida fra i genitori per l’affidamento e la tutela del suo patrimonio. I fans in allarme lanciano l’hashtag #FreeBritney
Crolla sul ring, morte di un wrestler
Crolla sul ring, morte di un wrestler
Il messicano Silver king, 51 anni, stava combattendo a Londra contro Juventud Guerrera quando è stato ucciso da un malore. Il pubblico credeva fosse una messinscena. Bambini sotto choc.
Welcome to the Luke Perry School
Welcome to the Luke Perry School
Sophie, la figlia del protagonista di Beverly Hills 90210 morto lo scorso marzo, ha voluto dedicare al padre una piccola scuola materna in Malawi