La Toya Jackson
mio fratello era un pedofilo

| In un video privato del 1993, la sorella del King of Pop ammette le tendenze di MJ, rilevando di averlo visto pagare le famiglie di adolescenti

+ Miei preferiti
Da settimane, la famiglia Jackson marcia compatta contro “Leaving Neverland”, il docu-film shock che racconta gli abusi subiti da due adolescenti nel regno delle fiabe creato da MJ in California. È un muro contro muro che si combatte fra interviste e carte bollate, con stuoli di avvocati al lavoro per smontare la veridicità del documentario.

Ma proprio in queste ore, il fronte dei Jackson inizia ad avere qualche cedimento: in un video del lontano 1993, nel periodo in cui era stata esiliata dalla famiglia denunciando abusi fisici da parte del padre, LaToya, 63 anni, quintogenita della famiglia Jackson e prima femmina ad essere entrata nel business della musica, ammetteva che suo fratello era un pedofilo, da lei stessa più e volte visto mentre pagava somme “molto, molto, molto grandi” per tenere tranquille le famiglie di adolescenti molestati. “Questo è un momento molto difficile per me. Michael è mio fratello, lo amo molto, ma non posso e non voglio essere una testimone silenziosa dei suoi crimini contro i bambini piccoli e innocenti. Se rimango in silenzio allora vuol dire che ho alimentato il senso di colpa e l’umiliazione che questi bambini stanno provando e penso sia sbagliato”. Si tratta di commenti raccolti nel periodo in cui il padre di Jordy Chandler, 13 anni, aveva accusato Jackson di aver molestato suo figlio.

LaToya, come avrebbe poi raccontato in un libro autobiografico (LaToya: growing up in the Jackson family), raccontava di essere stata lei stessa vittima di abusi sessuali e per questo convinta che le piccole vittime sarebbero state segnate emotivamente da quel che avevano vissuto con suo fratello. “Io stessa sono una vittima e so come ci si sente. Questi bambini saranno marchiati per il resto della loro esistenza e non voglio vedere altri innocenti rovinati a vita”.

Qualche tempo dopo, ripresi i contatti con la famiglia, LaToya aveva tentato di aggiustare il tiro delle sue affermazioni, assicurando che era stato il suo ex marito Jack Gordon a costringerla, riprendendo tutto.

In “Leaving Neverland”, l’attore di origine australiana Wade Robson racconta di essere stato violentato dai 7 ai 14 anni, spesso con sua madre, Joy, che dormiva in una stanza accanto. Una storia incredibilmente simile a quelle della seconda vittima, James Safenchuck, che accusa Jackson di averlo introdotto alla masturbazione e al porno, arrivando addirittura a “sposarlo” in un matrimonio finto, donandogli gioielli e diamanti in cambio di prestazioni sessuali.

Galleria fotografica
La Toya Jackson<br>mio fratello era un pedofilo - immagine 1
La Toya Jackson<br>mio fratello era un pedofilo - immagine 2
La Toya Jackson<br>mio fratello era un pedofilo - immagine 3
Spettacolo
È morto James, figlio di Robert Redford
È morto James, figlio di Robert Redford
Ucciso dal brutto male contro cui lottava da due anni: era un apprezzato sceneggiatore, sempre vicino alle cause umanitarie. È il secondo figlio che muore al leggendario attore di Hollywood
La strage delle star orientali
La strage delle star orientali
Lunedì è morta in ospedale l’attrice sudcoreana Oh In-hye e il giorno successivo la giapponese Sei Ashina. Ieri la notizia del decesso del cantante e conduttore Alien Huang
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
Il popolare talk show americano finisce nella bufera dopo le accuse di una decina di dipendenti che parlano di maltrattamenti, bullismo e violenze
Travolta lascia Scientology
Travolta lascia Scientology
L’attore in disaccordo con le dottrine del fondatore, che non ammetteva le cure chemioterapiche. In un posto, Travolta ha ringraziato i medici del centro che ha aiutato Kelly Preston nella sua battaglia
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Nell’estremo tentativo di proteggere il marito, l’imprenditrice parla per la prima volta del disturbo bipolare del rapper e delle difficoltà di convivere con questi problemi
Suicida il nipote di Elvis
Suicida il nipote di Elvis
Benjamin Keough, 27 anni, uno dei figli di Lisa Maria, si sarebbe tolto la vita con un colpo d’arma da fuoco. Rispetto al resto della famiglia aveva scelto un profilo basso, e di lui non si mai saputo molto
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
La società canadese, costretta a fermare i 44 spettacoli in tutto il mondo, annuncia il ricorso alla bancarotta controllata nel tentativo di ristrutturare il debito e tornare in pista. Quasi 4.000 dipendenti licenziati
Il Bataclan è in vendita
Il Bataclan è in vendita
La sala da concerto parigina diventata uno dei simboli degli attentati del 13 novembre di cinque anni fa, travolta dai problemi economici e dal lockdown
Barba Streisand dona azioni Disney alla figlia di George Floyd
Barba Streisand dona azioni Disney alla figlia di George Floyd
La grande artista ha acquistato azioni del colosso Disney da donare alla figlia dell’uomo ucciso a Minneapolis. È solo l’ultima dimostrazione di affetto e solidarietà ricevuta dalla famiglia Floyd
Anche Bollywood è in crisi
Anche Bollywood è in crisi
La prolifica industria cinematografica indiana azzerata dalla pandemia: stagione compromessa, produzioni ferme e forte timore che riaprire i cinema non basterà