L’intricato scandalo che scuote Broadway

| Proteste davanti al teatro dove va in scena il ritorno di West Side Story per la presenza di Amar Ramasar, ballerino accusato di aver divulgato immagini di nudo di colleghe, fra cui la fidanzata, che l’ha perdonato

+ Miei preferiti
A Broadway, il ritorno di “West Side Story”, il celebre musical ispirato alla tragedia shakespeariana “Romeo and Juliet”, è diventato oggetto di proteste: centinaia di manifestanti si sono radunati prima dell’inizio dello spettacolo al “Broadway Theatre” di Manhattan, dove il musical è tornato in cartellone di recente. Decine di cartelli, slogan e proteste che avevano come protagonista Amar Ramasar, conosciuto per essere uno dei pochi ballerini di colore del “New York City Ballet”. Ramasar, che nel musical interpreta Bernardo, uno dei ruoli principali, nell’agosto del 2018 è rimasto coinvolto insieme a due colleghi in uno scandalo sessuale ai danni di Alexandra Waterbury, di cui aveva diffuso immagini intime senza consenso. Sospeso dal NYC Ballet e dal cast di “Carousel”, è stato licenziato pochi mesi dopo, ma nell’aprile dello scorso anno, dopo le contestazioni del sindacato e aver accettato di sottoporsi a una consulenza per gli standard di condotta, Ramasar è tornato sul palcoscenico entrando nel cast di West Side Story.

Il ballerino di origini indiane aveva ammesso di aver ricevuto immagini di nudo di Alexandra Waterbury da un collega, a cui avrebbe risposto inviando foto intime della sua fidanzata, Alexa Maxwell. Le due donne, entrambe ballerine, erano all’oscuro dello scambio, ma la Maxwell – che è ancora legata al ballerino - sostiene di averlo perdonato. “Sono una grande sostenitrice del movimento #MeToo e delle donne. Ma in questo caso, penso che dovrei essere io a sentirmi offesa e risentita, e non chi non c’entra niente ma si permette di giudicare”.

La pensa diversamente la Waterbury, 22 anni, che si è unita alle proteste perché considera se stessa e la Maxwell due vittime: “C’è gente che è finita nella blacklist per molto meno, per quale motivo dovrei perdonare?”.

Eppure, la fidanzata continua a ripetere di aver dimenticato l’episodio perché Ramasar ha confessato volontariamente di aver inviato le sue foto: “È stato un errore che mi ha ferito più di chiunque altro, ma trovo la protesta e i cartelli ingiusti, perché attribuiscono ingiustamente a Ramasar crimini di cui non è stato accusato di aver commesso: non dico che non abbia fatto niente, ma non è uno stupratore, non è un pedofilo e non è un predatore sessuale. È stata una leggerezza”. I social liquidano la difesa di Alexa Maxwell come quella di una vittima inconsapevolmente intrappolata in una relazione malata.

Intanto, nella causa intentata dalla Waterbury è finito in mezzo anche il New York City Ballet, accusato di aver favorito un ambiente lascivo e di non aver vigilato sulla condotta dei propri dipendenti. Il presidente della compagnia, Charles W. Scharf, ha risposto che “Il New York City Ballet è fiducioso che non ci siano le basi legali per questa causa, e nega con veemenza le accuse che la compagnia abbia condonato, incoraggiato o favorito alcun tipo di attività sessista”.

Galleria fotografica
L’intricato scandalo che scuote Broadway - immagine 1
L’intricato scandalo che scuote Broadway - immagine 2
L’intricato scandalo che scuote Broadway - immagine 3
L’intricato scandalo che scuote Broadway - immagine 4
L’intricato scandalo che scuote Broadway - immagine 5
L’intricato scandalo che scuote Broadway - immagine 6
Spettacolo
Nuovi dettagli sull’arresto di Springsteen
Nuovi dettagli sull’arresto di Springsteen
Secondo il management dell’artista, il “Boss” avrebbe bevuto un bicchierino di tequila offerto da alcuni fans dopo aver fatto una foto con loro. Per gli agenti, “Springsteen barcollava vistosamente e puzzava d’alcol”
Marilyn Manson sommerso dalle accuse
Marilyn Manson sommerso dalle accuse
Sulla spinta delle dichiarazioni di ormai troppe ex compagne dell’estroso artista britannico, l’FBI avrebbe aperto un’indagine mentre l’etichetta discografica e il suo manager storico lo scaricavano
Il giallo di Tanya Roberts
Il giallo di Tanya Roberts
Data per morta, l’ex Bond girl sarebbe viva, anche se ricoverata in ospedale in gravi condizioni. L’equivoco nato dal marito, che vedendola chiudere gli ha pensato fosse morta
Con Walt Disney, Fantasia al potere
Con Walt Disney, Fantasia al potere
Compie 80 anni uno dei film d’animazione più famosi e originali di sempre, che ha introdotto nel mondo dei cartoon paradigmi e livelli di qualità del tutto nuovi. Geniale l’idea di sincronizzare la musica classica ai movimenti dei disegni
Michael J. Fox: «Ho finito l’ottimismo»
Michael J. Fox: «Ho finito l’ottimismo»
In un’intervista che anticipa l’uscita del suo quarto libro, l’ex star di “Back to the Future” affetta da tempo dal Parkinson svela di aver combattuto contro un brutto male e l’accanimento del destino
È morto James, figlio di Robert Redford
È morto James, figlio di Robert Redford
Ucciso dal brutto male contro cui lottava da due anni: era un apprezzato sceneggiatore, sempre vicino alle cause umanitarie. È il secondo figlio che muore al leggendario attore di Hollywood
La strage delle star orientali
La strage delle star orientali
Lunedì è morta in ospedale l’attrice sudcoreana Oh In-hye e il giorno successivo la giapponese Sei Ashina. Ieri la notizia del decesso del cantante e conduttore Alien Huang
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
Il popolare talk show americano finisce nella bufera dopo le accuse di una decina di dipendenti che parlano di maltrattamenti, bullismo e violenze
Travolta lascia Scientology
Travolta lascia Scientology
L’attore in disaccordo con le dottrine del fondatore, che non ammetteva le cure chemioterapiche. In un posto, Travolta ha ringraziato i medici del centro che ha aiutato Kelly Preston nella sua battaglia
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Nell’estremo tentativo di proteggere il marito, l’imprenditrice parla per la prima volta del disturbo bipolare del rapper e delle difficoltà di convivere con questi problemi