Mikaela Spielberg, futura diva del porno

| La figlia adottiva di Steven Spielberg e Kate Capshaw ha deciso di intraprendere la carriera nel cinema hard. Papà, mamma e fidanzato sono d’accordo

+ Miei preferiti
Pare che papà Steven e mamma Kate non abbiano avuto nulla da obiettare, quando Mikaela, la sesta figlia e seconda adozione della coppia, ha aspettato che la famiglia fosse riunita per annunciare la sua decisione: darsi al cinema. Ma non quello di papà Steven, che di cognome fa Spielberg, ovvero uno dei registi più infallibili di Hollywood, con 4 statuette dell’Oscar ad adornare il caminetto. Quello che ha in mente Mikaela è un altro tipo di cinema: quello porno.

Adottata da piccolissima da Steven Spielberg e la seconda moglie, Kate Capshaw, la giovane in passato è stata vittima di abusi sessuali, disturbi della personalità, anoressia e alcolismo, ma ha rivelato di sentirsi molto meglio e che “Ero stanca di non poter capitalizzare il mio corpo, ed ero anche stufa marcia di sentire che il corpo va odiato. Facendo questo lavoro potrò soddisfare altre persone in un modo positivo che non mi fa affatto sentire violata”. 

Pare che anche il fidanzato, il 47enne Chuck Pankow, abbia dato il suo benestare, a patto che le nuove pellicole di Mikaela non riguardino atti sessuali ma soltanto scene di nudo.

Una decisione che la ragazza pare coltivi da tempo, iniziando a produrre video per adulti ormai da qualche tempo, ed è in attesa di ricevere l’autorizzazione a esibirsi come lapdancer.

Galleria fotografica
Mikaela Spielberg, futura diva del porno - immagine 1
Mikaela Spielberg, futura diva del porno - immagine 2
Mikaela Spielberg, futura diva del porno - immagine 3
Spettacolo
Il giallo di Tanya Roberts
Il giallo di Tanya Roberts
Data per morta, l’ex Bond girl sarebbe viva, anche se ricoverata in ospedale in gravi condizioni. L’equivoco nato dal marito, che vedendola chiudere gli ha pensato fosse morta
Con Walt Disney, Fantasia al potere
Con Walt Disney, Fantasia al potere
Compie 80 anni uno dei film d’animazione più famosi e originali di sempre, che ha introdotto nel mondo dei cartoon paradigmi e livelli di qualità del tutto nuovi. Geniale l’idea di sincronizzare la musica classica ai movimenti dei disegni
Michael J. Fox: «Ho finito l’ottimismo»
Michael J. Fox: «Ho finito l’ottimismo»
In un’intervista che anticipa l’uscita del suo quarto libro, l’ex star di “Back to the Future” affetta da tempo dal Parkinson svela di aver combattuto contro un brutto male e l’accanimento del destino
È morto James, figlio di Robert Redford
È morto James, figlio di Robert Redford
Ucciso dal brutto male contro cui lottava da due anni: era un apprezzato sceneggiatore, sempre vicino alle cause umanitarie. È il secondo figlio che muore al leggendario attore di Hollywood
La strage delle star orientali
La strage delle star orientali
Lunedì è morta in ospedale l’attrice sudcoreana Oh In-hye e il giorno successivo la giapponese Sei Ashina. Ieri la notizia del decesso del cantante e conduttore Alien Huang
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
L’Ellen DeGeneres Show sotto inchiesta
Il popolare talk show americano finisce nella bufera dopo le accuse di una decina di dipendenti che parlano di maltrattamenti, bullismo e violenze
Travolta lascia Scientology
Travolta lascia Scientology
L’attore in disaccordo con le dottrine del fondatore, che non ammetteva le cure chemioterapiche. In un posto, Travolta ha ringraziato i medici del centro che ha aiutato Kelly Preston nella sua battaglia
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Kim Kardashian: «Chiedo comprensione per Kanye»
Nell’estremo tentativo di proteggere il marito, l’imprenditrice parla per la prima volta del disturbo bipolare del rapper e delle difficoltà di convivere con questi problemi
Suicida il nipote di Elvis
Suicida il nipote di Elvis
Benjamin Keough, 27 anni, uno dei figli di Lisa Maria, si sarebbe tolto la vita con un colpo d’arma da fuoco. Rispetto al resto della famiglia aveva scelto un profilo basso, e di lui non si mai saputo molto
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
Si spengono le luci del Cirque du Soleil
La società canadese, costretta a fermare i 44 spettacoli in tutto il mondo, annuncia il ricorso alla bancarotta controllata nel tentativo di ristrutturare il debito e tornare in pista. Quasi 4.000 dipendenti licenziati