È morto Kobe Bryant

| La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015

+ Miei preferiti
Mentre buona parte dei media americani si limitava a descrivere le fasi dell’incidente di un elicottero precipitato a Calabasas, uno dei sobborghi più esclusivi di Los Angeles, il sito americano “TMZ” rivelava che a bordo del velivolo si trovava una leggenda della “NBA” di ogni tempo: Kobe Bryant.

Secondo quanto riportato dal sito, la leggenda del basket era a bordo del suo “Sikorsky S-76” insieme ad altre tre persone più il pilota: non ci sarebbero sopravvissuti, come confermato dalla polizia poco dopo.

Bryant era noto perché da tempo preferiva l’elicottero per i suoi spostamenti dallo “Staples Center” di Los Angeles, dove giocava con i “Lakers”, alla sua residenza di Newport Beach, dove viveva insieme alla moglie Vanessa e le quattro figlie: Gianna Maria-Onore, Natalia Diamante, Bianka Bella e Capri Kobe, la più piccola, nata lo scorso giugno.

Stella indiscussa e per 20 anni simbolo assoluto dei “L.A. Lakers” - che dopo il suo ritiro avevano ritirato i numeri delle due maglie con cui aveva giocato, la 8 e la 24 - Kobe Bryant era nato 41 anni fa a Philadelphia, crescendo cestisticamente in Italia. Il suo nome spicca tra i quattro migliori marcatori dell’intera storia della “NBA”, quarto anche per numero di punti realizzati nei playoff (5.640), con una media di 25 punti a partita. Si è ritirato ufficialmente nel 2015, con una lettera d’addio diventata un documentario d’animazione, “Dear Basketball”, che avrebbe dato a Kobe Bryant anche la gioia di conquistare un Oscar, primo sportivo in assoluto. Secondo “Forbes”, nel 2014 è stato uno degli sportivi più pagati al mondo, con 49,5 milioni di dollari di guadagno.

Galleria fotografica
È morto Kobe Bryant - immagine 1
È morto Kobe Bryant - immagine 2
È morto Kobe Bryant - immagine 3
È morto Kobe Bryant - immagine 4
Sport
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore