Addio a Diego Armando Maradona

| “El Pibe de Oro” si è spento nella sua residenza in Argentina per un attacco cardiaco: la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti

+ Miei preferiti
È stato il sito del quotidiano argentino “Clarin” il primo a dare la notizia della morte improvvisa di Diego Armando Maradona, leggenda del calcio che nella lunga storia del campionato italiano aveva lasciato un segno indelebile. Le poche notizie parlano di un arresto cardiorespiratorio che sarebbe stato fatale a Maradona mentre si trovava nella sua residenza di Tigre, in Argentina, dove stava trascorrendo un periodo di convalescenza dopo l’intervento chirurgico subito alla testa qualche settimana fa.

“El Pibe de Oro”, com’era chiamato, aveva compiuto 60 anni il 30 settembre scorso, e tutta la sua vita era andata avanti su binario parallelo: essere considerato ovunque uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi, ma dall’altra una figura controversa facile agli eccessi dentro e fuori dal campo. Per due volte, le dipendenze gli avevano complicato l’esistenza: nel 1991 per uso di cocaina e tre anni dopo per positività ai test antidoping durante i Mondiale USA del 1994.

Fu lo stesso Maradona, nella sua autobiografia, ad ammettere la dipendenza dalla cocaina fin dagli anni Ottanta, quando era ancora in forza al Barcellona. Dopo il ritiro dal calcio giocato, la salute di Maradona aveva iniziato a peggiorare costringendolo a numerosi ricoveri in ospedale, interventi chirurgici e cure di disintossicazione.

Nella sua vita non sono mancati neanche i problemi con la giustizia, in particolare con il fisco italiano, che l’ha accusato di aver evaso oltre 39 milioni di euro.

Centrocampista offensivo dotato di grande carisma, mancino, era considerato inarrivabile per il controllo della palla, la precisione dei passaggi, la grande abilità nei dribbling e nei calci piazzati, che letteralmente pennellava andando a cercare l’unico angolino scoperto.

Aveva iniziato a tirare calci ad un pallone nella squadra del padre, l’Estrella Roja, per poi superare  una selezione per l’Argentino Juniors di Buenos Aires, con cui nel 1978 diventa il capocannoniere del campionato argentino.

Nel 1981 passa al “Boca Junior”, formazione che però è costretta a venderlo l’anno successivo per problemi economici. Il primo a farsi avanti è il “Barcellona”, che mette sul piatto l’equivalente di 12 miliardi delle vecchie lire. È con la maglia del Barcellona che Maradona cementa la sua fama, rendendo il colpo a sorpresa del presidente del Napoli Antonio Ferlaino ancora più eclatante: Diego Armando Maradona debutta con la maglia azzurra del Napoli nel campionato 1984/85, diventando il re indiscusso della città partenopea grazie al contributo dato alla vittoria del primo scudetto.

All’inizio degli anni Novanta, quando la sua stella inizia ad oscurarsi, lascia Napoli per “Siviglia”: torna in Argentina per indossare ancora la maglia dei “Newell’s Old Boys” per poi tornare nel suo amato “Boca Junior”, dove vuole chiudere una carriera costellata da 312 gol nei club, più 34 realizzati con la maglia della Nazionale argentina.

Per puro caso, o forse per un gioco del destino, muore lo stesso giorno di George Best, un altro eroe degli stadi di tutto il mondo, altrettanto capace di bruciarsi l’esistenza fuori dal campo.

Galleria fotografica
Addio a Diego Armando Maradona - immagine 1
Addio a Diego Armando Maradona - immagine 2
Addio a Diego Armando Maradona - immagine 3
Sport
La guerra delle cheerleader
La guerra delle cheerleader
“Se avessi saputo allora quello che ho subito, non avrei mai messo piede nella NFL”: afferma una delle due donne protagoniste di un documentario in cui si svelano le falsità di un mondo solo all’apparenza felice
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Il campione argentino è morto per “insufficienza cardiaca acuta, generata da un edema polmonare acuto”. Davanti alla camera ardente, migliaia di persone in coda da ore. In Argentina proclamato il lutto nazionale per tre giorni
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso