Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo

| A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo

+ Miei preferiti
Del titolo di “donna più veloce del mondo sulle quattro ruote” andava fiera: nel 2013 aveva stabilito il record sfrecciando a 630 km/h, ma per un problema meccanico non era stato omologato. Era proprio per mettere il proprio nome definitivamente su quel primato, battendo quello stabilito nel 1976 dalla stuntwoman Kitty O’Neil, che Jessi Combs è salita a bordo del mostruoso “North American Eagle”, un missile stradale a reazione da 45.500 CV, per battere ancora una volta se stessa, ma è morta in un drammatico incidente le cui dinamiche non sono ancora state chiarite.

A comunicarlo è stato lo sceriffo della contea di Harney, in Oregon, dove si trovava il deserto di Alvord, lo scenario su cui Jessi Combs si preparava da settimane per il nuovo tentativo.

Nata nel luglio del 1980 a Rockerville, in South Dakota, Jessi era un personaggio noto al grande pubblico americano per aver partecipato a numerose trasmissioni di successo come “Xtreme 4x4” e “MythBusters”, meccanica esperta laureata in ingegneria al Wyoming Technical College, aveva trionfato a due edizioni dell’Ultra 4 King e il Rally Aicha des Gazelles, guadagnandosi il soprannome di “Queen of Hammers”. 

Galleria fotografica
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 1
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 2
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 3
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 4
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 5
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 6
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 7
Sport
La guerra delle cheerleader
La guerra delle cheerleader
“Se avessi saputo allora quello che ho subito, non avrei mai messo piede nella NFL”: afferma una delle due donne protagoniste di un documentario in cui si svelano le falsità di un mondo solo all’apparenza felice
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Il campione argentino è morto per “insufficienza cardiaca acuta, generata da un edema polmonare acuto”. Davanti alla camera ardente, migliaia di persone in coda da ore. In Argentina proclamato il lutto nazionale per tre giorni
Addio a Diego Armando Maradona
Addio a Diego Armando Maradona
“El Pibe de Oro” si è spento nella sua residenza in Argentina per un attacco cardiaco: la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”