Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo

| A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo

+ Miei preferiti
Del titolo di “donna più veloce del mondo sulle quattro ruote” andava fiera: nel 2013 aveva stabilito il record sfrecciando a 630 km/h, ma per un problema meccanico non era stato omologato. Era proprio per mettere il proprio nome definitivamente su quel primato, battendo quello stabilito nel 1976 dalla stuntwoman Kitty O’Neil, che Jessi Combs è salita a bordo del mostruoso “North American Eagle”, un missile stradale a reazione da 45.500 CV, per battere ancora una volta se stessa, ma è morta in un drammatico incidente le cui dinamiche non sono ancora state chiarite.

A comunicarlo è stato lo sceriffo della contea di Harney, in Oregon, dove si trovava il deserto di Alvord, lo scenario su cui Jessi Combs si preparava da settimane per il nuovo tentativo.

Nata nel luglio del 1980 a Rockerville, in South Dakota, Jessi era un personaggio noto al grande pubblico americano per aver partecipato a numerose trasmissioni di successo come “Xtreme 4x4” e “MythBusters”, meccanica esperta laureata in ingegneria al Wyoming Technical College, aveva trionfato a due edizioni dell’Ultra 4 King e il Rally Aicha des Gazelles, guadagnandosi il soprannome di “Queen of Hammers”. 

Galleria fotografica
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 1
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 2
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 3
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 4
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 5
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 6
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo - immagine 7
Sport
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato