Allegri ridisegna la Juve dopo il ko di Matuidi

| Il bianconero non rientrerà prima 30-40 giorni. Il tecnico è costretto a correre ai ripari a centrocampo, proprio perché non esiste un naturale sostituito del francese per capacità di corsa, tenuta e copertura

+ Miei preferiti
di Piero Abrate
 
Il guaio muscolare del centrocampista bianconero Matuidi, durante il match vinto con risultato tennistico (o ancor meglio da tie-breck visto che i bianconeri hanno messo a segno sette reti) con il Sassuolo, preoccupa e non poco il tecnico Allegri. Che ora è costretto a correre ai ripari. Il bollettino medico evidenzia una lesione di lieve/media entità ai flessori della coscia sinistra. Il giocatore ha già iniziato le terapie idonee e saranno comunque necessari ulteriori accertamenti per puntualizzare meglio l’entità della lesione. L'obiettivo è quello di averlo per la gara di ritorno col Tottenham, in programma a Londra il 7 marzo, magari facendogli fare un collaudo quattro giorni prima all'Olimpico con la Lazio. Ma il recupero potrebbe anche slittare di un'ulteriore settimana.
Si tratta di una perdita pesante per l'undici bianconero, visto l'apporto dato sino ad oggi alla squadra il centrocampista francese. Forse ancor più dell'altro infortunato Dybala per il quale si spera in un recupero fra una settimana in Champions. Se l'attaccante assicura la classe, la qualità e i gol pesanti, l'ex Psg è poco meno di un insostituibile in mezzo al campo, dove le sue caratteristiche lo rendono difficilmente rimpiazzabile. E basta scorrere il ruolino con le presenze per rendersi conto che Matuidi (se escludiamo Higuiain) è il bianconero con più presenze. Nessuno altro in rosa dispone dei suoi allunghi, della sua capacità di macinare chilometri. Insomma della sua corsa e della capacità di portare la pressione sulla palla dall'inzio alla fine dell'incontro, tstravando in molte occasioni Pjanic e Khedira da certi compiti di copertura.
Con il francese fuori per un mese (ma potrebbero essere anche 40 giorni)  Allegri dovrà ridisegnare il centrocampo. Ovviamente, varianti a disposizione del tecnico non mancano. La prima soluzione, per esperienza e qualità, sarebbe Claudio Marchisio che, comlici anche acciacchi e infortuni, è un po' scivolato ai margini della rotazione di centrocampo. Il giocatore di provata fede bianconera non vede l'ora di potersi rendere utile, ma restano alcuni dubbi sulla sua capacità, vista anche l'età, sulla capacità di agire da mezzala sinistra. A qusto punto prende forza la candidatura di Stefano Sturaro, un giocatore tatticamente evoluto, infaticabile nella corsa e con una certa esperienza di Champions, visto che ha accumulato gettoni pesanti contro corazzate come Bayern e Real Madrid. Ma non va sottovalutata neppure l'utilizzo  di Asamoah, mancino come Matuidi e con una corsa altrettanto impressionante. Purtroppo il ghanese non gioca da anni a centrocampo e in questa stagione ha dimostrato di essere un'ottima alternativa  ad Alex Sandro come terzino. Staremo a vedere cosa deciderà di volta in volta Allegri anche in base all'avversario che si troverà ad affrontare.
Sport
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo