Ancora pressing su Cristiano Ronaldo

| Der Spiegel annuncia centinaia di documenti che proverebbero lo stupro. I legali di CR7 invece annunciano la disponibilità del campione portoghese ad essere interrogato dalla polizia del Nevada

+ Miei preferiti
“Der Spiegel” non molla: il settimanale tedesco che ha svelato le accuse di stupro dirette a Cristiano Ronaldo dalla modella americana Kathryn Mayorga, rilancia promettendo nuove rivelazioni su un caso che rischia di avere notevoli costi d’immagine per il giocatore, gli sponsor e la stessa Juventus.

Secondo il settimanale, la Mayorga sarebbe addirittura in possesso di “centinaia di documenti” che proverebbero nero su bianco la violenza subita dal campione portoghese, documenti su cui “Non ci sono motivi per dubitare della loro autenticità”. Una rivelazione subito respinta al mittente dai legali di CR7, che ieri si sono affrettati a liquidare la documentazione come frutto di manipolazioni o addirittura costruiti ad arte.

La novità, sul caso che più di ogni altro divide le chiacchiere da bar di tutto il mondo, sarebbe la disponibilità di Cristiano Ronaldo a deporre di fronte alla giustizia americana per raccontare la propria versione dei fatti di quella notte del 2009, consumata in un lussuoso albergo di Las Vegas. È stato Peter Christiansen, uno dei legali del campione, a comunicare la disponibilità dell’audizione in videoconferenza (per impegni sportivi) alla polizia del Nevada, sottolineando che la scelta non fa che confermare “l’assoluta tranquillità di Ronaldo, pienamente fiducioso che la verità verrà a galla e che le leggi del Nevada saranno applicate e rispettate”.

Sulla vicenda è entrato anche il “Real Madrid”, la società che all’epoca dei fatti stava trattando il passaggio di Ronaldo: il prestigioso club madrileno ha querelato il quotidiano portoghese “Correio de Manha”, colpevole di aver parlato di pressioni sul calciatore per accettare la transazione economica di 375mila dollari con la Mayorga e chiudere la vicenda. 

Sport
Sai che c'è? Scendo dalla bici e me ne vado"
Sai che c
Il bizzarro e misterioso ritiro del ciclista Rohan Dennis dal Tour de France dopo una lite con un dirigente del team. Si attende la versione ufficiale
Muore campionessa di immersione giapponese
Muore campionessa di immersione giapponese
Sayuri Kinoshita, record woman di immersione in apnea senza pinne è stata ritrovata nel parecchio dello stabile in cui viveva. Ancora da chiarire le cause del gesto
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
L’allenatore del Bologna svela di essere affetto da una forma aggressiva ma curabile. La commozione e le reazioni del mondo del calcio
Tragedia alla Pikes Peak: muore Carlin Dunne
Tragedia alla Pikes Peak: muore Carlin Dunne
Il pilota californiano, veterano della celebre cronoscalata in scena in Colorado da 97 anni, era in testa alla gara, in sella al prototipo di una nuova Ducati: l'incidente a pochi metri dal traguardo
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare