Atleta paralimpica americana muore durante una traversata

| La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii

+ Miei preferiti
È stata la moglie Debra, dopo giorni in cui aveva perso ogni contatto, a dare l’allarme: Angela Madsen, campionessa paralimpica americana, non dava più segni di vita. La Guardia Costiera ha fatto partire i ricognitori e allertato una nave mercantile che si trovava nell’area in cui era stata segnalata l’ultima volta la presenza della campionessa. Poche ore dopo è arrivata la conferma: Angela era morta. Il suo corpo è stato ritrovato in acqua.

Si è conclusa tragicamente l’esistenza di una donna instancabile, atleta di grande spessore capace di conquistare ori olimpici in diverse specialità. Malgrado i 60 anni festeggiati da poco, Angela non voleva saperne di allentare la voglia di spingersi oltre i propri limiti. L’ultima impresa, quella fatale, una regata in solitaria nelle acque del pacifico, con partenza da Los Angeles e arrivo a Honolulu, Hawaii.

Angela Madsen è stata per sei volte inserita nel Guinness dei Primati e puntava a diventare la prima anziana paraplegica a remare dalla California alle Hawaii. “Ci ha detto più volte che se fosse morta in qualche impresa, le sarebbe andato bene così, perché il mare la rendeva felice - ha commentato la famiglia Madsen in una nota postata sui social - Angela era una guerriera: malgrado una vita forgiata da incredibili avversità, è riuscita a superare tutto facendo quello che aveva sognato fin da bambina”. 

Attivista del movimento LGBTQ e sostenitrice dei diritti dei disabili, la Madsen aveva servito nell’esercito come Marine per 20 anni,  fino al grave infortunio alla schiena che l’aveva costretta alla sedia a rotelle. È entrata per la prima volta nella nazionale americana di canottaggio nel 2002, debuttando ai Campionati del Mondo di Siviglia, in Spagna. Con la Nazionale ha vinto quattro medaglie d’oro e una d’argento, partecipando per tre volte alle Paraolimpiadi, in cui ha conquistato il bronzo sia nel canottaggio che nel lancio del peso. “So che, qualunque sia il mio scopo in questa vita, il mio corpo diversamente abile, fisicamente limitato e malconcio è l’unico mezzo possibile per raggiungerlo. Ho imparato a sopportare il dolore e a rassegnarmi a non poter più contare sulle mie gambe, ma se potessi tornare indietro e cambiare le cose probabilmente non lo farei. All’inizio ero furiosa, poi ho capito”, scriveva nella sua autobiografia.

L’impresa della Madsen era destinata a diventare un docufilm che iniziava dalla pesante preparazione che l’atleta si era imposta: quattro mesi remando 12 ore al giorno. Partita dal Los Angeles, aveva con sé cibo e un dissalatore per l’acqua: ha remato per 1.114 miglia nautiche, restando in mare per 60 giorni.

L’ultimo messaggio domenica 21 giugno, quando via satellite ha avvisato che stava entrare in acqua nel tentativo di riparare l’ancora di prua. Poi più nulla.

Galleria fotografica
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata - immagine 1
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata - immagine 2
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata - immagine 3
Sport
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore