Bologna-Raticosa, il ritorno

| Dopo il difficile e tormentato passato, la storica cronoscalata appenninica torna a dare appuntamento agli appassionati fra il 27 ed il 28 luglio prossimi

+ Miei preferiti
Il 13 maggio del 1950, sul circuito inglese di Silverstone, parte ufficialmente il Campionato Mondiale di Formula 1: sono gli anni di Ascari, Fangio e Farina. È l’epoca d’oro dell’automobilismo sportivo, che dopo le privazioni della guerra torna ad infiammare i cuori dei tifosi riempiendosi con i nomi di campioni che hanno scritto pagine leggendarie. Si corre ovunque sia possibile, e più il percorso è impegnativo, più attira curiosi e appassionati. Succede anche con la “Bologna-Raticosa”, la prima edizione di una delle cronoscalate più antiche e suggestive d’Italia: 42 km di salita dal ponte di San Ruffillo fino al passo della Raticosa, valico appenninico in provincia di Firenze. Si corre per quattro anni, viene bloccata per altri otto e nel 1962 riprende da dove aveva lasciato, anche se con il percorso accorciato di circa 10 km. Nel 1969 arriva la sospensione definitiva e su quella che è considerata la seconda cronoscalata europea cala il sipario.

Devono passare più di trent’anni perché qualcuno si metta in testa di togliere la polvere dalla gara. A fare la differenza è la testardaggine di Francesco Amante, imprenditore e presidente della “Scuderia Bologna”, che riesce a tirare le fila di enti, istituzioni, sponsor, media e appassionati, fino ad arrivare al 2001, quando la “Bologna-Raticosa” torna intatta sui 6,210 km della Provinciale della “Futa” che separano Pianoro Vecchio e Livergnano. Si presentano 40 vetture, ma è comunque un successo che serve a premiare il coraggio. Nel 2005, quattro anni dopo, i partecipanti salgono a 140, e il futuro sembra riallacciarsi al passato, ma non è finita: nel 2015, per colpa di aspetti burocratici che complicano l'organizzazione, si decide di interrompere la gara.

Ma ancora una volta, la travagliata storia della Bologna-Raticosa torna con prepotenza: tra il 27 ed il 28 luglio prossimi, dopo quattro anni di silenzio, si celebra la 31esima edizione, valevole per il Campionato Italiano e nata sotto l’egida di Aci Sport, oltre al patrocinio della Città metropolitana di Bologna e del Comune di Pianoro.

La gara celebra quest’anno la 15a edizione organizzata da Francesco Amante e i 93 anni dalla prima edizione: i tornanti della Futa saranno ancora una volta protagonisti delle salite di splendide auto storiche perfettamente preparate. L’edizione 2019 presenta due grandi novità: la partecipazione di un ristretto numero di auto moderne da corsa e la possibilità, per alcune vetture d’epoca, di salire con la formula della parata lungo il percorso chiuso al traffico. La Bologna-Raticosa è tra le gare più seguite dai piloti sia per la bellezza che per la difficoltà del percorso, dettaglio che ha richiesto uno sforzo organizzativo per riservare particolare attenzione alla sicurezza di piloti e spettatori. La manifestazione è intitolata alla memoria di Sauro Minarelli, “il rosso”, leggendario meccanico la cui abilità non aveva confini.

Secondo il programma, le iscrizioni si chiudono il 19 luglio prossimo alle ore 21.00. Venerdì 26 e sabato 27 verifiche tecniche e sportive. Domenica 28 alle 9:00 il via alla gara, con due manches. Per info e aggiornamenti www.velocitaraticosa.it.

Sport
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore