Scorre veleno tra De Laurentiis e Marotta

| Il presidente del Napoli: "La Juve crea condizionamenti silenti". La replica dell'ad bianconero: "Le considerazioni che arrivano da Napoli non ci toccano. Il patron dei partenopei è un burlone"

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Al presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis (in foto) proprio non è andato giù il comportamento della Juventus nell'ultima giornata di calciomercato. I partenopei erano, infatti, ad un passo, dall'acquisto di Politano dal Sassuolo, ma l'interferenza del club bianconero (che a quello emiliano è legato a doppio filo) ha fatto saltare l'affare.

Ecco così che il presidente del Napoli oggi ha lanciato i suoi strali contro la società più blasonata e scudettata d'Italia:  «Oggi il Napoli fattura un terzo della Juve, ma i nostri conti sono migliori dei loro. La Juventus però appartiene alla famiglia Agnelli, la più potente d’Italia da 100 anni. Non è una questione di soldi, ma di rapporti che possono anche silentemente creare condizionamenti. A tutti i livelli. La sfida scudetto? La gara di Torino per me non sarà decisiva. Saranno più decisivi infortuni e sviste arbitrali».

Non si è però fatta attendere la replica da parte dell’amministratore delegato della Juve Beppe Marotta: «Nel Dna della Juventus c'è la ricerca della vittoria. Noi siamo tranquillissimi, sappiamo che certe insidie vanno affrontate annualmente: che sia il Napoli o un'altra. Quello che dicono gli altri ci carica, vista la tradizione che ha la Juventus nel battagliare per lo scudetto… Le considerazioni di Sarri e De Laurentiis non ci toccano – ha quindi aggiunto – quest'ultimo da uomo di cinema è un burlone di natura. Per lui cito Schopenhauer che ha detto che quando parlano di te devi capire quello che non sei tu ma quello che sono gli altri. In questa frase c'è tutto».

 



Potrebbe interessarti: http://www.napolitoday.it/sport/ssc-napoli/de-laurentiis-juventus-potenti-var-arbitri-younes.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/NapoliToday


Sport
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah