Nazionale, Di Biagio subito poi (forse) una sorpresa

| Continuano i contatti tra il nuovo staff della Lega Calcio e i potenziali candidati alla panchina azzurra. Stabili Mancini e Conte, ancora sotto contratto. Ma si fa strada l'idea di un'ipotesi clamorosa. Indiscrezioni sulla scelta finale

+ Miei preferiti

Sarà Luigi Di Biagio a guidare la Nazionale italiana di calcio contro Argentina e Inghilterra ma il suo successore, il vero titolare, potrebbe arrivare da lontano, nel senso che potrebbe essere un ultra-quarantenne di  grande talento, già avvicinato nel massimo riserbo, il cui contratto scadrebbe nel 2019 ma lui sarebbe pronto a rescinderlo in cambio di un ingaggio adeguato. Di lui si sta occupando Costacurta, versione meissione impossibile. Sarebbe facile svelare la sua identità ma è meglio aspettare per non "bruciare" il nome. Si sa che è un seguace di Sarri per gli schemi e di Conte per la decisione di aggredire ogni palla.  E' più uno stratega che un uomo da barricate, alla Gattuso. E uno che studia i cambi, ama imprimere una svolta imprevista ai match, anche in modo imprevedibile. Ha un carattere un po' spigloso ma gtande carisma nello spogliatoio. Ha avuto alcune occasioni per emergenre ma per una paio d'anni è rimasto lontano dai riflettori. Le sue squadre giocano al calcio in modo aperto, stanno alte e hanno bisogno di atleti-maratoneti. Ha scoperto molti giovani e gli piace far crescere i più promettenti. Il tecnico ideale per un profondo rinnovamento del calcio italiano. Un altro indizio. In occasione del disastro di Ventura è stato uno dei pochi a tacere, se non per epsrimere il proprio rammartico. Non ama le passarelle in tv e dicono che abbia rifiutato, tempo fa, la proposta di commentare partite in tv. Avrebbe detto: "O in campo o sto a casa". Senza polemiche, per carità, non è nel suo stile.  Ultima traccia: anche se un giocatore stecca una palla e fa perdere la squadra, state certi che "lui" non lo castigherà, neanche se recidivo. La sua massima è sfruttare al meglio il potenziale che gli sono stati affidati dalla società.  In campionato sta facendo bene, ed è meglio non dire altro.

INCARICO TRANSITORIO

L'incarico transitorio a Di Biagio, profondo conoscitore dei giovani emergenti della A,  hanno deciso, a seguito dell’incontro svoltosi nella sede della Federazione Italiana Giuoco Calcio, il Commissario Straordinario Roberto Fabbricini ed il suo vice Alessandro Costacurta. L’Italia affronterà il 23 marzo l’Argentina a Manchester e il 27 l’Inghilterra a Londra. “Il primo compito di Di Biagio è quello di riportare entusiasmo, e siamo fiduciosi che sarà all’altezza” ha commentato Fabbricini, “Se può guadagnarsi la conferma? Non sta me dirlo, vanno esaminate delle situazioni al di là dei risultati sportivi, che sono certamente determinanti e importanti”.

Sport
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo