Caos Everest, sherpa in rivolta

| Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"

+ Miei preferiti

Centinaia di sherpa hanno tenuto un’affollata e tesa assemblea sindacale al campo base (nella foto del Katmandu Times) dell’Everest: chiedono al governo, dopo mesi di attesa, di rilasciare immediatamente i loro certificati di vetta. Gli sherpa hanno deciso di tenere una riunione di protesta al campo base dopo che non sono riusciti ad ottenere i certificati governativi nonostante la scalata delle montagne. Senza, non possono far parte delle spedizioni ufficiali.

Un memorandum è stato inviato al Segretario del Ministero della Cultura, del Turismo e dell'Aviazione Civile e ad altre parti interessate, tra cui Nepal Mountaineering Association e Expedition Operators' Association Nepal, afferma che centinaia di scalatori di sherpa hanno bisogno dei loro certificati. "L'ignoranza del governo è altamente deplorevole e intollerabile", aggiunge.

Gli scalatori di Sherpa che hanno raggiunto la cima di diverse vette, tra cui il monte Everest, non hanno ottenuto i loro certificati di vetta dallo scorso anno dopo che il governo ha rifiutato di approvare le loro ascensioni citando una clausola del regolamento di spedizione alpinistica che impedisce loro di ottenere tali certificati. L'attuale regolamento del 2002 considera come membri di una spedizione solo coloro che ottengono il permesso di scalata pagando le royalty al governo come membri di una spedizione.

"Abbiamo deciso di tenere questo raduno al campo base per attirare l'attenzione del governo sulle nostre richieste", ha detto Lhakpa Rangdu Sherpa, Segretario Generale dell'Associazione Everest Summiteers' Association. Dopo l'incontro, Pemba Dorje Sherpa, che detiene il record per la salita più veloce dell'Everest in otto ore e 10 minuti, ha detto che il governo dovrebbe rilasciare immediatamente i certificati di vetta a tutti gli sherpa che hanno scalato con successo le montagne.

Per la maggior parte degli alpinisti stranieri, scalare una montagna senza l'aiuto degli sherpa è quasi impossibile in Nepal. La fraternità alpinistica mondiale considera gli sherpa come la spina dorsale dell'alpinismo.

Secondo Da Gelje Sherpa della spedizione Himalaya, più di 400 sherpa hanno raggiunto la regione del Khumbu in questa stagione per accompagnare gli scalatori di tutto il mondo verso la cima del mondo. "La negligenza da parte del governo ha ferito il settore dell'alpinismo dominato dalla comunità Sherpa", ha aggiunto.

Gyanendra Shrestha, funzionario di collegamento con il ministero, ha detto che gli scalatori mondiali che si sono allenati nella regione dell'Everest sostengono anche la causa degli sherpa. "Gli scalatori dello sherpa si sentono davvero trascurati dal governo", ha aggiunto Shrestha, che era presente alla riunione.

Dinesh Bhattarai, direttore generale del DoT, ha detto di aver ricevuto oggi anche una chiamata dal campo base, chiedendo di nuovo i certificati. "Il ministero accelererà il suo processo per modificare il regolamento", ha detto. Il governo è pronto ad affrontare le preoccupazioni genuine degli scalatori di sherpa, ha aggiunto. Secondo lui, il nuovo emendamento al regolamento riconoscerà i lavoratori d'alta quota come parte della spedizione per ottenere i certificati. Anche se 256 sherpa hanno scalato l'Everest nella scorsa stagione primaverile, il DoT ha rilasciato certificati solo alle spedizioni e ai loro membri. Non solo sull'Everest, altri sherpa che dal 2016 hanno guidato gli scalatori su tutte le vette sopra i 6.500 metri, non hanno ricevuto certificati di vetta. [m. o'b.]

 

Sport
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero