Chiellini: con la Juve a vita

| Il difensore è pronto un prolungamento del contratto: la firma a giorni. Il trentatreenne difensore è convinto che il campionato si deciderà sul filo di lana. Le attese per la Champions e la voglia di un poker in Coppa Italia

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

 

«Sarà una corsa a due con il Napoli per la conquista dello scudetto. Se nelle passate stagioni avevamo preso il largo dopo poche giornate, questa volta il campionato si deciderà con un rush finale». A parlare è una delle  bandiere della Juventus, Giorgio Chiellini che ha annunciato come a breve si procederà al perfezionamento del suo contratto con il club: «In questi giorni non era proprio il caso visto che la dirigenza era impegnata con il calcio mercato, ma a breve ci siederemo ad un tavolo. E non ci saranno sorprese».

Chiellini è reduce da un’ottima prestazione sua e della squadra a Bergamo in Coppa Italia. Il suo sogno è quello di conquistare il quarto successo consecutivo, un record assoluto nella storia del torneo.  La squadra di Allegri è già a metà dell'opera: «E’ stata una vittoria importante – ci tiene a sottolineare il difensore - perché Bergamo è un campo difficile dove abbiamo sempre faticato. L’Atalanta è una bella realtà del calcio italiano e da quest’anno anche europea, sapevamo che sarebbe stata una gara difficile, ma l’abbiamo affrontata nel modo giusto, meritavamo anche qualcosina in più e nonostante il rigore parato da Buffon abbiamo creato diverse occasioni».  

E tornando sul cammino dei bianconeri in campionato: «Si deciderà a maggio, è una bella sfida e c'è grande rispetto. Noi e il Napoli siamo squadre molto diverse, con una filosofia differente. Noi siamo più fisici, loro più rapidi e tecnici. Ma non credo ci sia una migliore e una peggiore. Entrambe riusciamo a valorizzare quello che abbiamo a disposizione. Sarà ancora più bello, loro sono come noi una squadra che non si ferma mai. A cinque gare dalla fine ci sarà un bell’appuntamento a Torino».

Tra poco i bianconeri torneranno in campo nel palcoscenico della Champions League dove agli ottavi troveranno gli inglesi del Tottenham. Una squadra ostica e il difensore classe 1984  lo sa bene: «La Juve vuole confrontarsi con questi ostacoli, perché sono utili per alzare l'asticella. Tutto l'ambiente bianconero si vuole misurare con squadre di grande livello. Incontriamo una squadra forte, giovante e tecnica, ma penso che ce la giocheremo con grande entusiasmo e abbiamo ottime possibilità di andare avanti».

Un pensiero per concludere anche ad una leggenda del calcio come Gigi Buffon, un riferimento da anni per l’intero collettivo «La sua forza è sempre stata la serenità con la quale ha affrontato varie situazioni e le scelte che ha dovuto prendere. Se analizzi il tempo che passa, non si può dire che stia peggio. Dopo il brutto infortunio che ha subito, si è rimesso in discussione e lo ha fatto tramite il lavoro. Questo gli ha permesso di allungare la carriera. Andrà a finire che smetterò prima io di lui...», ha scherzato l'azzurro ben sapendo che il suo futuro è tutt’altro che in discussione. Il rinnovo del contratto atteso a giorni ne è la prova lampante.

 

Sport
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo
Muore il padre di Emiliano Sala
Muore il padre di Emiliano Sala
A tre mesi dalla scomparsa del figlio, il cuore di Horacio Sala ha ceduto
Il baseball americano si avvia allo sciopero
Il baseball americano si avvia allo sciopero
È già successo altre volte, l’ultima 25 anni fa: di mezzo questioni economiche e rivendicazioni salariali. A essere strapagate sono le stelle, gli altri vivono con ingaggi al di sotto del salario minimo previsto per legge
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Dopo aver mandato a casa Rafa Nadal, il tennista ligure batte in finale il serbo Lajovic, riportando l’Italia a conquistare il torneo del Principato