Chiellini: con la Juve a vita

| Il difensore è pronto un prolungamento del contratto: la firma a giorni. Il trentatreenne difensore è convinto che il campionato si deciderà sul filo di lana. Le attese per la Champions e la voglia di un poker in Coppa Italia

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

 

«Sarà una corsa a due con il Napoli per la conquista dello scudetto. Se nelle passate stagioni avevamo preso il largo dopo poche giornate, questa volta il campionato si deciderà con un rush finale». A parlare è una delle  bandiere della Juventus, Giorgio Chiellini che ha annunciato come a breve si procederà al perfezionamento del suo contratto con il club: «In questi giorni non era proprio il caso visto che la dirigenza era impegnata con il calcio mercato, ma a breve ci siederemo ad un tavolo. E non ci saranno sorprese».

Chiellini è reduce da un’ottima prestazione sua e della squadra a Bergamo in Coppa Italia. Il suo sogno è quello di conquistare il quarto successo consecutivo, un record assoluto nella storia del torneo.  La squadra di Allegri è già a metà dell'opera: «E’ stata una vittoria importante – ci tiene a sottolineare il difensore - perché Bergamo è un campo difficile dove abbiamo sempre faticato. L’Atalanta è una bella realtà del calcio italiano e da quest’anno anche europea, sapevamo che sarebbe stata una gara difficile, ma l’abbiamo affrontata nel modo giusto, meritavamo anche qualcosina in più e nonostante il rigore parato da Buffon abbiamo creato diverse occasioni».  

E tornando sul cammino dei bianconeri in campionato: «Si deciderà a maggio, è una bella sfida e c'è grande rispetto. Noi e il Napoli siamo squadre molto diverse, con una filosofia differente. Noi siamo più fisici, loro più rapidi e tecnici. Ma non credo ci sia una migliore e una peggiore. Entrambe riusciamo a valorizzare quello che abbiamo a disposizione. Sarà ancora più bello, loro sono come noi una squadra che non si ferma mai. A cinque gare dalla fine ci sarà un bell’appuntamento a Torino».

Tra poco i bianconeri torneranno in campo nel palcoscenico della Champions League dove agli ottavi troveranno gli inglesi del Tottenham. Una squadra ostica e il difensore classe 1984  lo sa bene: «La Juve vuole confrontarsi con questi ostacoli, perché sono utili per alzare l'asticella. Tutto l'ambiente bianconero si vuole misurare con squadre di grande livello. Incontriamo una squadra forte, giovante e tecnica, ma penso che ce la giocheremo con grande entusiasmo e abbiamo ottime possibilità di andare avanti».

Un pensiero per concludere anche ad una leggenda del calcio come Gigi Buffon, un riferimento da anni per l’intero collettivo «La sua forza è sempre stata la serenità con la quale ha affrontato varie situazioni e le scelte che ha dovuto prendere. Se analizzi il tempo che passa, non si può dire che stia peggio. Dopo il brutto infortunio che ha subito, si è rimesso in discussione e lo ha fatto tramite il lavoro. Questo gli ha permesso di allungare la carriera. Andrà a finire che smetterò prima io di lui...», ha scherzato l'azzurro ben sapendo che il suo futuro è tutt’altro che in discussione. Il rinnovo del contratto atteso a giorni ne è la prova lampante.

 

Sport
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato