Coppa Davis di tennis: Fognini regala i quarti di finale all'Italia

| Nella terza giornata l'azzurro nel quarto match ha battuto il numero uno Sugita in un match epico durato quattro ore ed undici minuti e cinque infiniti set. L'Italia approda ai quarti dove incontrerà la Francia.

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Nella terza giornata di Coppa David è bastato il primo dei due incontri in programma a regalare all'Italia l'accesso ai quarti di finale. L'azzurro Fognini ha infatti battuto il giapponese Sugita, regalando di fatto il terzo punto all'Italia che spalanca le porte ai quarti di finale. Gli azzurri dovranno vedesela contro la Francia che nel primo turno ha battuto la rappresentantiva olandese. Contro i transalpini giocheremo in casa e sulla terra rssa in primavera. 

Terza giornata. Quello tra Fognini e Sugita è stato un match infinito duranto ben quattro ore e 11 minuti di gioco e cinque set tiratissimi. Alla fine l'azzurro mettendo in campo grinta, determinazione e tutta l'esperienza acquisita in questi anni di grande tenns è riuscito ad imporsi con i parziali di 3-6, 6-1, 3-6, 7-6 (6), 7-5. Il ligure, nonostante un medical time-out nel quinto set e le oltre 11 ore e mezza in campo nel fine settimana, è riuscito a salvare un match point nel tie-break del quarto parziale, dimostrandosi implacabile in Coppa Davis. Decisivo nei tre punti azzurri, Fognini dimostra tutto il suo talento, anche più forte di stanchezza e problemi fisici.Fognini è partito ancora una volta lentamente, subendo subito il break che di fatto ha consegnato il primo set a Sugita per 6-3. Vinta agevolmente la seconda frazione,m Fognini ha ceduto la terza per 6 a 3. Nel quarto parziale, l'azzurro ha trascinato il giapponese al tie-break ed ha avuto la freddezza di salvare un match-point sul 6-5, pareggiando i conti con tre punti consecutivi per l'8-6. Il set decisivo sembrava segnato per l'Italia, quando sul 4-1 per Sugita il trentenne di Arma di Taggia ha chiesto un medical time-out per un problema alla gamba sinistra, con fasciatura sotto il ginocchio. Fabio ha liberato il braccio, forse con la consapevolezza di non aver nulla da perdere, recuperando il break di svantaggio e finendo in modo epico l'inconrto.

Seconda giornata. Al termine della seconda giornata di Coppa Davis a Morioka gli azzurri tornano al comando. Il sorpasso grazie ad una sofferta ma meritata vittoria nel doppio. Dopo 3 ore e 36 minuti la coppia composta da Fabio Fognini e Simone Bolelli ha avuto la meglio sui giapponesi Machlachlan-Uchiyama per 3 set a 1. I parziali: 7-5, 6-7 (4), 7-6 (3), 7-5.  Gli azzurri si sono imposti con un numero maggiore di vincenti (48 a 32) sul veloce indoor della Takaya Arena, ma hanno messo a segno soltanto 4 ace, contro i 15 degli avversari. E' stato un match tiratissimo nel quale i nostri rappresentanti hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie per strappare il punto agli agguerriti avversari sostenuti dal pubblico di casa. Bolelli e Fognini si aggiudicano il primo set con il punteggio di 7-5 ma nel secondo set sono costretti a cedere al tie break per 7-4 consentendo agli avversari di tornare in corsa. Il terzo set si risolve ancora al tie break e questa volta ad imporsi è la coppia azzurra col punteggio di 7-3. Nel quarto e decisivo set, gli azzurri sul risultato di 6-5 strappano il servizio alla coppia padrona di casa, chiudendo il match.

Prima giornata. Sui campi in cemento del palazzetto di Morioka, Fognini, numero uno azzurro e numero 22 del ranking mondiale, aveva battuto per 3 a 2 il nipponico Taro Daniel, mentre Seppi (in foto) era stato sconfitto al tie-break del quinto con il forte Sugita, 41° nella classifica mondiale Atp.  Nel primo incontro, dopo un primo set conquistato abbastanza agevolmente Fognini aveva sofferto nel secondo e nel terzo, sbagliando molto al servizio e lasciando al giapponese l’iniziativa. Nel quarto set l’azzurro era riuscto a riportare in parità il match, concludendo agevolmente al quinto. I parziali: 6-4, 3-6, 4-6, 6-3, 6-2 .

Nel secondo matchet Andreas Seppi aveva affrontato il numero uno del tennis giapponese Yuichi Sugita. L'azzurro si aggiudicava il primo e il quarto set, ma doveva arrendersi al tie-break del quinto. I parziali 6-4, 2-6, 4-6, 6-4 6-7 (1-7).

 

Sport
USA: pugile in coma dopo un ko
USA: pugile in coma dopo un ko
Patrick Day è finito al tappeto dopo un violento colpo subito dall’avversario: ricoverato in ospedale è stato operato al cervello e lotta fra la vita e la morte
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo
Becco dell'Aquila, muore base jumper
Becco dell
E' la 25a vittima dal 2000 a oggi nel comune di Dro in Trentino. Il sindaco: "impossibile fermarli". Josefin Sando, 26 anni, si era lanciata alle 7 del mattino di Ferragosto con il marito, illeso
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli