Cori anti-semiti a Wembley, in cella 17enne

| Tolleranza zero negli stadi inglesi contro il razzismo. Il tifoso minorenne del Chelsea aveva insultato i giocatori del Tottenham durante un torneo giovanile. Perché non fare anche in Italia?

+ Miei preferiti

In Italia puoi insultare un uomo, un atleta, per motivi razziali e quasi quasi risultare, a qualcuno, anche un po’ simpatico.  Ma il ministro dell’Interno dovrebbe riflettere su quanto è accaduto in queste ore a Wembley. A Londra un 17enne tifoso del Chelsea che intonava cori-antisemiti è stato arrestato per il reato razziale alla semifinale della Carabao Cup tra Tottenham e Chelsea. Bloccato allo stadio di Wembley nonostante i ripetuti avvertimenti della polizia che aveva precisato che "ogni caso di comportamento razzista sarà preso sul serio e studiato a fondo”. Anche il Chelsea aveva ammonito i suoi tifosi prima della partita che avrebbero dovuto affrontare la chiusura dello stadio e un procedimento penale se hanno usato canti antisemitici, riservati al Tottenham, sostenuto da molti sostenitori di origine ebrea e lì residenti. L'adolescente è stato portato in una stazione di polizia a nord di Londra mentre la partita era ancora in corso. Un portavoce della polizia metropolitana ha detto: "La polizia ha arrestato un ragazzo di 17 anni per un reato di ordine pubblico aggravato razzialmente durante la partita di stasera”. Il Chelsea aveva precedentemente twittato chiedendo ai tifosi di "godere la partita, si prega di agire con rispetto, se vedete un comportamento inappropriato o un'attività criminale, parlate con un commissario. Stiamo lavorando con le società calcistiche londinesi per garantire che i crimini motivati dall'odio, compresi il razzismo e il linguaggio antisemita, siano affrontati con fermezza. Tutti i casi di questo tipo di comportamento saranno presi sul serio e saranno oggetto di indagini approfondite e denunce".

Sport
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo
Muore il padre di Emiliano Sala
Muore il padre di Emiliano Sala
A tre mesi dalla scomparsa del figlio, il cuore di Horacio Sala ha ceduto
Il baseball americano si avvia allo sciopero
Il baseball americano si avvia allo sciopero
È già successo altre volte, l’ultima 25 anni fa: di mezzo questioni economiche e rivendicazioni salariali. A essere strapagate sono le stelle, gli altri vivono con ingaggi al di sotto del salario minimo previsto per legge
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Dopo aver mandato a casa Rafa Nadal, il tennista ligure batte in finale il serbo Lajovic, riportando l’Italia a conquistare il torneo del Principato