Omar Di Felice in bici tra i ghiacci islandesi

| L’ultraciclista romano, 37 anni, non è nuovo a imprese del genere: ha già corso in solitaria da Helsinki a Capo Nord in 8 tappe attraversando il circolo polare artico. Nell’isola coprirà 3.400 km senza alcun mezzo di assistenza al seguito

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Una nuova sfida per l’ultraciclista romano Omar Di Felice che, archiviato con successo il “Giro d'Italia in solitaria” (3.600 km in appena 9 giorni), parte oggi  alla conquista dell'Islanda. Una nuova impresa in pieno inverno nella terra del ghiaccio. Proprio in queste ore il trentasettenne romano sta volando a Reykjavík per compiere una vera e propria impresa, questa volta completamente da solo e senza auto di supporto al seguito. Percorrerà, infatti, in nove giorni il periplo dell'isola lungo i 1.400 km della Ring Road, la suggestiva e pittoresca Route 1 con temperature che a sud  sono di poco sotto lo zero (sugli altipiani  arrivano a -10 gradi) ma nella parte settentrionale dell'isola oscillano, invece, tra i -25 °C e i -30 °C. Un percorso complessivo di 3.400 chilometri davvero improbo…

Ma cosa la spinge a simili imprese?

«Arriva un momento nella vita di un atleta in cui si sente il bisogno di “spogliarsi” e partire. Io sento questo bisogno così forte dentro di me da non poterlo più contenere. Ma questa volta sarà nel pieno cuore dell’inverno e, soprattutto, completamente da solo. Io, la mia arctic machine, i miei sogni, i miei pensieri e la mia voglia di avventura. Non avrò alcun mezzo di assistenza al seguito, non avrò una troupe di riprese e nessuno racconterà per me le pedalate in diretta».

Come è iniziata questa voglia d’avventura?

«Tutto è iniziato dieci anni fa, quando decisi di prendere uno zaino, caricarci dentro un bel po’ di cose invernali e partire. “Serve che tu parta da solo, proprio sotto le feste di Natale?” 
Si, serviva farlo. Avevo 26 anni, appena compiuti. Il sogno del professionismo appena interrotto, a metà tra il dispiacere per una parentesi durata poco e l’orgoglio di aver dimostrato a me stesso che ero stato in grado di realizzare quel sogno negli anni in cui il ciclismo era una professione difficile e controversa. Il traguardo della laurea, e quel primo anno di lavoro intenso. Di giorno lavoravo, fino a tardi. La sera mi fermavo nel mio ufficio davanti al pc. Srotolavo le mappe e sognavo la meta ideale, quella su cui riversare tutti i primi risparmi. Il resto lo avevano fatto le musiche dei Sigur Ros, sempre sussurrate alle orecchie e la voglia di scoprire dentro di me quale fosse la vera strada che avrei percorso nella vita. Un viaggio solitario, a piedi, scoprendo che in realtà l’esplorazione era l’unica strada percorribile».

Cosa si attende a questa esperienza islandese?

«Andrò lassù, senza una meta precisa né un obiettivo. So che pedalerò ogni giorno, mi immergerò in quella pace, lascerò che il freddo si impossessi di me, che il vento spazzi via ogni pensiero, sentendomi libero di fermarmi e ripartire ogni qualvolta ne avrò il desiderio. Mi fermerò a respirare ad ogni angolo di meraviglia, fotograferò, scriverò, canterò silenziosamente e danzerò sul ghiaccio. Cercherò di raccontarvelo in maniera diversa dal solito. Meno cronaca, meno “spettacolo”, ancor più sentimento. Ancora più poesia. Ancora più “avventura”. Ma con il bisogno, questa volta, di viverla solo con me stesso. Nel mio silenzio. Il silenzio di chi sa che è in fondo al cuore che si nascondono le emozioni più intense. Porto con me la “arctic machine” e sulle spalle, simbolicamente, quello zaino che tuttora mi ricorda dove tutto ha avuto inizio».

 

Galleria fotografica
Omar Di Felice in bici tra i ghiacci islandesi - immagine 1
Omar Di Felice in bici tra i ghiacci islandesi - immagine 2
Omar Di Felice in bici tra i ghiacci islandesi - immagine 3
Sport
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo