E' nata Maya Cagnotto

| Dopo il ritiro annunciato all’indomani delle Olimpiadi di Rio, la grande campionessa sta pensando ad un possibile ritorno alle gare. Merito dell’amica e collega Francesca Dallapè

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

La campionessa di tuffi Tania Cagnotto è diventata mamma. Ad annunciarlo è stata la stessa azzurra con un post sul suo profilo Instagram: «Ce l’abbiamo fatta, è nata la nostra piccola Maya. Stiamo tutti bene. Grazie per essermi stati vicini anche in questo momento magico!».

La bimba pesa 3 chili e 40 grammi e - si legge sul sito della Federnuoto - è venuta alla luce con una settimana di anticipo.  Per Tania questa è sicuramente la medaglia più bella che si aggiunge a un palmares praticamente ineguagliabile. La Cagnotto infatti nella sua carriera ha inanellato: complessivamente ha vinto 34 medaglie d’oro (delle quali una in un campionato mondiale), 15 argenti (tra cui quello vinto alle olimpiadi di Rio 2016) e 13  bronzi. Nessuna europea come lei, ovviamente in Italia è considerata la numero uno. Tania ha ereditato il suo grandissimo talento da papà Giorgio (straordinario tuffatore azzurro degli anni 70) e da mamma Carmen Casteiner: chissà che anche la piccola Maya possa proseguire in questa tradizione di famiglia che tante soddisfazioni ha dato i colori azzurri.

Tania Cagnotto, che è sposata con Stefano Parolin dal settembre 2016, proprio dopo le Olimpiadi di Rio aveva annunciato il suo ritiro dal mondo agonistico, ma qualche mese fa aveva riaperto le porte ad un possibile ritorno alle gare: «Vediamo, dico solo che prima era una porta chiusa adesso non più». A perorare la causa è soprattutto la sua amica e compagna di trampolino Francesca Dallapè, che un anno fa diventata mamma di Ludovica. In coppia con Francesca, Tania ha conquistato una prestigiosa quanto sofferta medaglia d’argento nella specialità “sincro” proprio alle ultime olimpiadi.  «Non mi sarei mai aspettata che mi facesse questa proposta - aveva raccontato Tania in un’intervista -, perché era lei quella che non vedeva l’ora di staccare. Anche lei voleva diventare mamma e lo ha fatto prima di me. Evidentemente la gravidanza le ha fatto bene, è piena di energia ed è felice, la vedo carica riguardo a questo obiettivo. Di sicuro non chiudo la porta perché ho visto tanti atleti cambiare idea dopo il ritiro e non vorrei dire di no, perché se poi dovessi ripensarci…».

I fan le aspettano. E con loro tornano a sognare.

Sport
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo
Muore il padre di Emiliano Sala
Muore il padre di Emiliano Sala
A tre mesi dalla scomparsa del figlio, il cuore di Horacio Sala ha ceduto
Il baseball americano si avvia allo sciopero
Il baseball americano si avvia allo sciopero
È già successo altre volte, l’ultima 25 anni fa: di mezzo questioni economiche e rivendicazioni salariali. A essere strapagate sono le stelle, gli altri vivono con ingaggi al di sotto del salario minimo previsto per legge
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Dopo aver mandato a casa Rafa Nadal, il tennista ligure batte in finale il serbo Lajovic, riportando l’Italia a conquistare il torneo del Principato