Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo

| Dopo aver mandato a casa Rafa Nadal, il tennista ligure batte in finale il serbo Lajovic, riportando l’Italia a conquistare il torneo del Principato

+ Miei preferiti
L’ultimo che ci era riuscito, Corrado Barazzutti, nel 1977, si era schiantato in finale contro il glaciale Bjorn Borg, prima di lui, per rivedere un successo sulla terra rossa di Montecarlo era stato Nicola Pietrangeli: 1968, che in due set gemelli, entrambi chiusi con 6-2, aveva avuto la meglio su Alexandre Metreveli, la più celebre racchetta sovietica.

Oggi, più di mezzo secolo dopo, sul prestigioso torneo di Montecarlo, il “Masters 1000”, sventola di nuovo il Tricolore. Onore e merito di Fabio Fognini, tennista sanremese, nato a poca distanza dal Principato, che con un secco 6-3 – 6-4 manda a casa il giovane serbo Dusan Lajovic. Da qualche parte era scritto, non poteva che andare così, dopo un antipasto a dir poco irresistibile: mandare a casa Rafa Nadal, il signore della terra battuta, numero 2 della classifica ATP, uno dei migliori tennisti di tutti i tempi.

È il primo titolo Masters 1000 nella carriera di Fognini, e vale doppio, perché dal 1990, anno di nascita del circuito, nessun italiano ci era mai riuscito. E il valore dell’impresa, dello sforzo, della tecnica e della tenacia di Fabio cresce ancor di più pensando che al primo turno del torno sembrava ad un passo dall’eliminazione. Anche contro Lajovic il tennista ligure era partito male: sotto di un break, Fognini reagisce e mezzora dopo sale in cattedra: 3 a 2. Bisogna aspettare il settimo gioco per chiudere il set: un passante di rovescio diventa uno scivolo per mettere un’opzione sul titolo. Sul secondo set “Fogna” deve ricorrere al fisioterapista e combattere contro il vento forte che spira sul campo “Ranieri III”: alle 16:20, fa suo il secondo match-point, e sale alla posizione numero 12 del ranking mondiale. Un’ottima Pasqua.

Sport
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore