Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo

| Dopo aver mandato a casa Rafa Nadal, il tennista ligure batte in finale il serbo Lajovic, riportando l’Italia a conquistare il torneo del Principato

+ Miei preferiti
L’ultimo che ci era riuscito, Corrado Barazzutti, nel 1977, si era schiantato in finale contro il glaciale Bjorn Borg, prima di lui, per rivedere un successo sulla terra rossa di Montecarlo era stato Nicola Pietrangeli: 1968, che in due set gemelli, entrambi chiusi con 6-2, aveva avuto la meglio su Alexandre Metreveli, la più celebre racchetta sovietica.

Oggi, più di mezzo secolo dopo, sul prestigioso torneo di Montecarlo, il “Masters 1000”, sventola di nuovo il Tricolore. Onore e merito di Fabio Fognini, tennista sanremese, nato a poca distanza dal Principato, che con un secco 6-3 – 6-4 manda a casa il giovane serbo Dusan Lajovic. Da qualche parte era scritto, non poteva che andare così, dopo un antipasto a dir poco irresistibile: mandare a casa Rafa Nadal, il signore della terra battuta, numero 2 della classifica ATP, uno dei migliori tennisti di tutti i tempi.

È il primo titolo Masters 1000 nella carriera di Fognini, e vale doppio, perché dal 1990, anno di nascita del circuito, nessun italiano ci era mai riuscito. E il valore dell’impresa, dello sforzo, della tecnica e della tenacia di Fabio cresce ancor di più pensando che al primo turno del torno sembrava ad un passo dall’eliminazione. Anche contro Lajovic il tennista ligure era partito male: sotto di un break, Fognini reagisce e mezzora dopo sale in cattedra: 3 a 2. Bisogna aspettare il settimo gioco per chiudere il set: un passante di rovescio diventa uno scivolo per mettere un’opzione sul titolo. Sul secondo set “Fogna” deve ricorrere al fisioterapista e combattere contro il vento forte che spira sul campo “Ranieri III”: alle 16:20, fa suo il secondo match-point, e sale alla posizione numero 12 del ranking mondiale. Un’ottima Pasqua.

Sport
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo
Becco dell'Aquila, muore base jumper
Becco dell
E' la 25a vittima dal 2000 a oggi nel comune di Dro in Trentino. Il sindaco: "impossibile fermarli". Josefin Sando, 26 anni, si era lanciata alle 7 del mattino di Ferragosto con il marito, illeso
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Per eludere i controlli, l’ex campione dei massimi utilizzava un pene finto riempito con l’urina dei suoi figli. La confessione durante un'intervista
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Aveva 35, da quest’anno era uno degli addetti stampa del Team Ducati nel MotoGP: è stato ritrovato senza vita nella sua camera d’albergo
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Una ricerca della federazione che riunisce i calciatori professionisti, ha calcolato che i più grandi campioni sono sottoposti a stagioni al limite della sopportazione fisica e mentale