Gol di gomito, Cutrone graziato
dal giudice sportivo

| Il primo gol segnato dal milanista alla Lazio nel posticipo di domenica non è stato considerato antisportivo nonostante la richiesta di due giornate di squalifica da parte della Procura federale

+ Miei preferiti

di Piero Abrate

 

A cosa serve la Var se poi non viene usata a proposito? E’ questa la domanda che si pongono addetti ai lavori, tifosi e semplici appassionati. L’ultimo caso eclatante risale a domenica nel corso del posticipo tra Milan e Lazio, vinto dai rossoneri per 2 a 1. Il gol del giovane Patrick Cutrone è, infatti, stato viziato da un clamoroso tocco con il gomito che ha mandato direttamente la palla in rete. Nessuno, sino al termine del primo tempo quando le squadre sono scese negli spogliatoi si è accorto dell’accaduto: ne l’arbitro, né tantomeno i giocatori della Lazio e gli stessi tifosi che assistono tra gli spalti, mentre la nebbia sale e avvolge una parte del campo, riportando alla mente la canzone di Roberto Vecchioni. Soltanto nella pausa tra il primo e il secondo tempo, rivedendo i filmati propositi da Sky con telecamera dedicata,  si è scoperta la scorrettezza compiuta dal giocatore milanista.  

La Procura federale ha richiesto al giudice sportivo di utilizzare la prova televisiva contro l’attaccante del Milan. Ma la richiesta non è stata accolta. Il giudice della serie A, Gerardo Mastrandrea, vista la prova tv, ha deciso di non adottare alcun provvedimento disciplinare. Dopo aver visionato le immagini ha sottolineato:  «Considerato che, nel caso di specie, il gesto non risulta connotato da sicura volontarietà, avuto riguardo alla particolare velocità dell'azione e del movimento della palla, nonché, soprattutto, alla sussistente di un evidente tentativo di colpire la palla con la testa e del contestuale e non innaturale movimento del braccio, in relazione, quest'ultimo, allo slancio per colpire la palla di testa  si delibera di non adottare alcun provvedimento disciplinare».

Resta comunque il fatto che, volontario e meno, il gesto di Cutrone ha creato tanto malumore nel mondo del calcio, riportando alla mente i precedenti storici, a partire da quello di Maradona ai Mondiali del 1986 che venne ribattezzato la “mano de Dios” visto che era stato inflitto ai nemici storici dell’Inghilterra.  A non vederlo in quello storico quarto di finale fu soltanto la terna arbitrale e a nulla valsero le proteste degli  inglesi. Il direttore di gara convalidò la rete e i sudamericani fecero un passo fondamentale verso il loro secondo titolo iridato.

 

Sport
Sai che c'è? Scendo dalla bici e me ne vado"
Sai che c
Il bizzarro e misterioso ritiro del ciclista Rohan Dennis dal Tour de France dopo una lite con un dirigente del team. Si attende la versione ufficiale
Muore campionessa di immersione giapponese
Muore campionessa di immersione giapponese
Sayuri Kinoshita, record woman di immersione in apnea senza pinne è stata ritrovata nel parecchio dello stabile in cui viveva. Ancora da chiarire le cause del gesto
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
L’allenatore del Bologna svela di essere affetto da una forma aggressiva ma curabile. La commozione e le reazioni del mondo del calcio
Tragedia alla Pikes Peak: muore Carlin Dunne
Tragedia alla Pikes Peak: muore Carlin Dunne
Il pilota californiano, veterano della celebre cronoscalata in scena in Colorado da 97 anni, era in testa alla gara, in sella al prototipo di una nuova Ducati: l'incidente a pochi metri dal traguardo
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare