Bruno Peres patente ritirata, tifosi contro

| E' recidivo. Alle 5.30 del mattino, con il grado alcolemico alle stelle, ha distrutto la sua Lamborghini. Polemiche sui social: “Più auto distrutte che partite decenti”. E il nome si trasforma in Ceres

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

La notizia dell’incidente stradale del difensore della Roma Bruno Peres avvenuto nella notte di ieri è rimbalzato sin da stamane sui social network, creando più che apprensione rabbia da parte dei tifosi giallorossi. Per il terzino si tratta del secondo schianto in macchina in poco più di un anno. Alla stessa ora (le 5.30 di mattina) aveva già distrutto un Porsche nel 2016. Questa volta, invece, ha sfasciato completamente una Lamborghini. Fortunatamente in entrambe le occasioni Peres è uscito illeso. Questa volta, però, ad aggravare la situazione c’è un tasso alcolemico di poco meno di 2 grammi/litro, quasi 4 volte superiore al limite consentito. Al giocatore è stata ritirata la patente. Ovviamente l’ironia da parte degli appassionati di calcio non ha lasciato alcuna via di scampo al brasiliano, il cui nome è stato storpiato facendo il verso ad una nota marca di birra: da Peres a Ceres. Dalle pagine Facebook e Twitter: «Ha deciso di riscattarsi facendo incidenti alle 5.30 del mattino?» oppure  «Prima la Porsche, adesso la Lamborghini. Più che un calciatore, Bruno Peres è uno sfasciacarrozze» o ancora «L’associazione romana carrozzieri ringrazia Bruno Peres per lo sforzo profuso nel sostegno della categoria». E per concludere, ma non è sicuramente l’ultimo: «Alle 5 di mattina, positivo dell’alcol test… Ma non ti vergogni? Che professionalità dimostri? Decurtazione dello stipendio o addirittura rescissione. Meno male che aveva rispetto dei tifosi…»

Certo, il 2018 non si è iniziato nel modo migliore per il terzino brasiliano, al centro per tutto gennaio di tante voci di mercato. Prima il Benfica e il Galatasaray, poi il possibile scambio col Genoa nelle ultime ore della sessione invernale: Laxalt a Roma, il brasiliano in rossoblù. Alla fine non se n’è fatto nulla, anche per il rifiuto del l’ex giocatore granata a cambiare maglia.

«Quello che mi ha convinto è stato l’amore per questa città, per questi colori e per la gente della Roma. Voglio riscattarmi“, aveva scritto il 31 gennaio su Instagram. Meno di una settimana dopo è arrivato l’incidente. Nonostante i buoni propositi e i messaggi d’amore rivolti alla Roma, la scintilla tra Peres e i tifosi giallorossi non è mai scoccata. Dopo il suo arrivo a Trigoria da Torino, in campo non ha mai lasciato il segno se non con errori che spesso sono costati cari alla squadra.  Nei prossimi giorni ci sarà un confronto con Di Francesco e Monchi, ma il futuro  del brasiliano con la casacca giallorossa sembra ormai segnato. Per ora è stato depennato dalla lista dei convocati per il prossimo match con il Benevento.

 

 

Sport
SIETE EBREI'>Razzisti contro l'Ajax
SIETE EBREI
Razzisti contro lSIETE EBREI' class='article_img2'>
L'antisemitismo ora contamina anche lo sport. Il club di Amsterdam è considerato vicino gli ebrei ed è oggetto di insulti e minacce anti-semite. I tifosi, per reazione, sfilano con la bandiera di Israele. I dirigenti: "Ma è un errore"
Chapecoense: muore d’infarto un sopravvissuto
Chapecoense: muore d’infarto un sopravvissuto
Cronista sportivo, era uno dei sei passeggeri miracolati del volo che nel 2016 ha decimato la squadra brasiliana. E da allora si era battuto per la rinascita
Morde avversaria, sospesa idolo rugby
Morde avversaria, sospesa idolo rugby
Liz Patu, capitano della nazionale australiana, per sei mesi non potrà più giovare. "Ho sbagliato, chiedo scusa a tutti". I precedenti di Tyson e del calciatore Luis Suarez che diede un morso anche a Chiellini
Il Nantes dichiara guerra al Cardiff
Il Nantes dichiara guerra al Cardiff
La squadra di calcio francese, che aveva ceduto lo sfortunato Emiliano Sala (morto in un incidente aereo) al club gallese, insiste nel voler essere pagata con i 17 milioni di euro concordati per il passaggio dell’attaccante
Nike nei guai per una scarpa
Nike nei guai per una scarpa
La “PG2.5” di Zion Williamson si è aperta in due causandogli un infortunio. Sotto accusa finiscono i contratti con gli sponsor che obbligano i campioni a indossare modelli economici. Il titolo Nike brucia milioni di dollari
Rob, 25 kg di energia e intelligenza
Rob, 25 kg di energia e intelligenza
Rob Mendez, privo di gambe e braccia per una malattia genetica, studia sino da bambino per diventare coach di Football Usa. Ha vinto un trofeo con una squadra junior. Straordinario
Cuneo-Pro Piacenza, il calcio nella vergogna
Cuneo-Pro Piacenza, il calcio nella vergogna
La società emiliana, in grave crisi, schiera 7 ragazzini contro i prof avversari: il risultato 20 a 0, è lo specchio del divario di cui si nutre il mondo del calcio
Wanda, Wanda...ma cosa combini all'Inter?
Wanda, Wanda...ma cosa combini all
La bella e irrequieta moglie dell'ex capitano degradato della squadra, Mauro Icardi, sta creando un terremoto con i suoi continui post sui social in cui critica società e compagni. Intanto lui salta l'Europa League
Il Superbowl vinto dai super-nonni
Il Superbowl vinto dai super-nonni
Vincono i Patriots del 41enne Tom Bradley, allenati dal coach Belichick, 66 anni, il più vecchio di sempre. La star LA Rams Goff "imbambolato e inconcludente". Squadre in difesa e poche emozioni. Half-time sotto tono
Ancora fiori per Davide Astori
Ancora fiori per Davide Astori
Continua la processione dei tifosi al Franchi per ricordare il 32 compleanno del capitano stroncato da un malore il 4 marzo