Bruno Peres patente ritirata, tifosi contro

| E' recidivo. Alle 5.30 del mattino, con il grado alcolemico alle stelle, ha distrutto la sua Lamborghini. Polemiche sui social: “Più auto distrutte che partite decenti”. E il nome si trasforma in Ceres

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

La notizia dell’incidente stradale del difensore della Roma Bruno Peres avvenuto nella notte di ieri è rimbalzato sin da stamane sui social network, creando più che apprensione rabbia da parte dei tifosi giallorossi. Per il terzino si tratta del secondo schianto in macchina in poco più di un anno. Alla stessa ora (le 5.30 di mattina) aveva già distrutto un Porsche nel 2016. Questa volta, invece, ha sfasciato completamente una Lamborghini. Fortunatamente in entrambe le occasioni Peres è uscito illeso. Questa volta, però, ad aggravare la situazione c’è un tasso alcolemico di poco meno di 2 grammi/litro, quasi 4 volte superiore al limite consentito. Al giocatore è stata ritirata la patente. Ovviamente l’ironia da parte degli appassionati di calcio non ha lasciato alcuna via di scampo al brasiliano, il cui nome è stato storpiato facendo il verso ad una nota marca di birra: da Peres a Ceres. Dalle pagine Facebook e Twitter: «Ha deciso di riscattarsi facendo incidenti alle 5.30 del mattino?» oppure  «Prima la Porsche, adesso la Lamborghini. Più che un calciatore, Bruno Peres è uno sfasciacarrozze» o ancora «L’associazione romana carrozzieri ringrazia Bruno Peres per lo sforzo profuso nel sostegno della categoria». E per concludere, ma non è sicuramente l’ultimo: «Alle 5 di mattina, positivo dell’alcol test… Ma non ti vergogni? Che professionalità dimostri? Decurtazione dello stipendio o addirittura rescissione. Meno male che aveva rispetto dei tifosi…»

Certo, il 2018 non si è iniziato nel modo migliore per il terzino brasiliano, al centro per tutto gennaio di tante voci di mercato. Prima il Benfica e il Galatasaray, poi il possibile scambio col Genoa nelle ultime ore della sessione invernale: Laxalt a Roma, il brasiliano in rossoblù. Alla fine non se n’è fatto nulla, anche per il rifiuto del l’ex giocatore granata a cambiare maglia.

«Quello che mi ha convinto è stato l’amore per questa città, per questi colori e per la gente della Roma. Voglio riscattarmi“, aveva scritto il 31 gennaio su Instagram. Meno di una settimana dopo è arrivato l’incidente. Nonostante i buoni propositi e i messaggi d’amore rivolti alla Roma, la scintilla tra Peres e i tifosi giallorossi non è mai scoccata. Dopo il suo arrivo a Trigoria da Torino, in campo non ha mai lasciato il segno se non con errori che spesso sono costati cari alla squadra.  Nei prossimi giorni ci sarà un confronto con Di Francesco e Monchi, ma il futuro  del brasiliano con la casacca giallorossa sembra ormai segnato. Per ora è stato depennato dalla lista dei convocati per il prossimo match con il Benevento.

 

 

Sport
Becco dell'Aquila, muore base jumper
Becco dell
E' la 25a vittima dal 2000 a oggi nel comune di Dro in Trentino. Il sindaco: "impossibile fermarli". Josefin Sando, 26 anni, si era lanciata alle 7 del mattino di Ferragosto con il marito, illeso
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Per eludere i controlli, l’ex campione dei massimi utilizzava un pene finto riempito con l’urina dei suoi figli. La confessione durante un'intervista
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Aveva 35, da quest’anno era uno degli addetti stampa del Team Ducati nel MotoGP: è stato ritrovato senza vita nella sua camera d’albergo
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Una ricerca della federazione che riunisce i calciatori professionisti, ha calcolato che i più grandi campioni sono sottoposti a stagioni al limite della sopportazione fisica e mentale
Jean Todt: Schumacher migliora
Jean Todt: Schumacher migliora
Assistito 24 ore su 24 da un’equipe medica, il sette volte campione del mondo ha compiuto dei progressi. Lo afferma i un'intervista il presidente FIA, uno dei pochi amici ad avere accesso alla villa di Schumi
Muore un altro pugile
Muore un altro pugile
Hugo Santillan, 23 anni, si è accasciato al suolo durante la premiazione: ancora una volta sono stati fatali i colpi ricevuti durante un incontro. Tre giorni fa la morte del russo Dadashev
Sai che c'è? Scendo dalla bici e me ne vado"
Sai che c
Il bizzarro e misterioso ritiro del ciclista Rohan Dennis dal Tour de France dopo una lite con un dirigente del team. Si attende la versione ufficiale
Muore campionessa di immersione giapponese
Muore campionessa di immersione giapponese
Sayuri Kinoshita, record woman di immersione in apnea senza pinne è stata ritrovata nel parecchio dello stabile in cui viveva. Ancora da chiarire le cause del gesto
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
L’allenatore del Bologna svela di essere affetto da una forma aggressiva ma curabile. La commozione e le reazioni del mondo del calcio