Il baseball americano si avvia allo sciopero

| È già successo altre volte, l’ultima 25 anni fa: di mezzo questioni economiche e rivendicazioni salariali. A essere strapagate sono le stelle, gli altri vivono con ingaggi al di sotto del salario minimo previsto per legge

+ Miei preferiti
Gli appassionati di baseball d’America ancora se la ricordano, la stagione del 1994 della MLB, la “Major League Baseball”, la lega professionistica che vanta il campionato più importante al mondo. Quell’anno, il campionato si chiuse in anticipo l’11 agosto per uno sciopero indetto dall’associazione dei giocatori per protestare contro la “salary cap”, il tetto salariale agli ingaggi proposto dai proprietari delle squadre per ridurre i costi e massimizzare i guadagni. Una serrata di mazze e guantoni costata ai tifosi ben 232 giorni di astinenza.

Adesso, 25 anni dopo, lo stallo del campionato potrebbe clamorosamente ripetersi, mettendo a rischio un business che vale circa 10 miliardi di dollari. Di mezzo, ancora una volta, ci sono i soldi, quelli di ingaggi e biglietti.

Si lamentano, i giocatori, perché a fronte di stipendi che sembrano sontuosi, i denari che finiscono nelle tasche della proprietà sono di gran lunga maggiori. Kershaw Clayton, amatissimo lanciatore dei “Los Angeles Dodgers”, si porta a casa la rispettabile cifra di un milione di dollari a partita, che è comunque nulla rispetto ai 10 che arrivano sui conti della proprietà, senza contare i proventi delle scommesse, che vanno calcolati a parte e alzano la cifra a dismisura. Ma per uno come lui, affiancato da pochi eletti, la maggioranza dei professionisti si trova ben al di sotto della soglia di salario minimo: una situazione che lo scorso anno il Congresso ha tentato di alleviare esentandoli dalle leggi federali in materia di lavoro. In pratica, le squadre si accaparrano gli astri del baseball, quelli che garantiscono pubblico e merchandising, ma trascurano i “gregari”, quelli che lavorano nell’oscurità per garantire il successo. Rientrano in questo anche altri esempi, come il nuovo stadio degli “Atlanta Braves”, realizzato unicamente grazie all’aumento del 45% dei prezzi dei biglietti, insieme a quello di bevande, snack e oggettistica con i colori della squadra.

Sport
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015