Il baseball americano si avvia allo sciopero

| È già successo altre volte, l’ultima 25 anni fa: di mezzo questioni economiche e rivendicazioni salariali. A essere strapagate sono le stelle, gli altri vivono con ingaggi al di sotto del salario minimo previsto per legge

+ Miei preferiti
Gli appassionati di baseball d’America ancora se la ricordano, la stagione del 1994 della MLB, la “Major League Baseball”, la lega professionistica che vanta il campionato più importante al mondo. Quell’anno, il campionato si chiuse in anticipo l’11 agosto per uno sciopero indetto dall’associazione dei giocatori per protestare contro la “salary cap”, il tetto salariale agli ingaggi proposto dai proprietari delle squadre per ridurre i costi e massimizzare i guadagni. Una serrata di mazze e guantoni costata ai tifosi ben 232 giorni di astinenza.

Adesso, 25 anni dopo, lo stallo del campionato potrebbe clamorosamente ripetersi, mettendo a rischio un business che vale circa 10 miliardi di dollari. Di mezzo, ancora una volta, ci sono i soldi, quelli di ingaggi e biglietti.

Si lamentano, i giocatori, perché a fronte di stipendi che sembrano sontuosi, i denari che finiscono nelle tasche della proprietà sono di gran lunga maggiori. Kershaw Clayton, amatissimo lanciatore dei “Los Angeles Dodgers”, si porta a casa la rispettabile cifra di un milione di dollari a partita, che è comunque nulla rispetto ai 10 che arrivano sui conti della proprietà, senza contare i proventi delle scommesse, che vanno calcolati a parte e alzano la cifra a dismisura. Ma per uno come lui, affiancato da pochi eletti, la maggioranza dei professionisti si trova ben al di sotto della soglia di salario minimo: una situazione che lo scorso anno il Congresso ha tentato di alleviare esentandoli dalle leggi federali in materia di lavoro. In pratica, le squadre si accaparrano gli astri del baseball, quelli che garantiscono pubblico e merchandising, ma trascurano i “gregari”, quelli che lavorano nell’oscurità per garantire il successo. Rientrano in questo anche altri esempi, come il nuovo stadio degli “Atlanta Braves”, realizzato unicamente grazie all’aumento del 45% dei prezzi dei biglietti, insieme a quello di bevande, snack e oggettistica con i colori della squadra.

Sport
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo