Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno

| La squadra formata da attori e attrici del cinema hard, è stata esclusa dalla federazione ciclistica inglese per “danneggiamento dell’immagine”

+ Miei preferiti
Ci sono cose che fanno male al ciclismo, come il doping, e altre che potenzialmente rischiano di minarne la credibilità. È un po’ questo, il succo del comunicato ufficiale con cui la “Bristish Cycling”, la federazione ciclistica inglese, ha revocato la licenza ad una squadra che già dal nome lasciava intuire parecchio: i “Porn Pedallers Cycling Club”. Una formazione nata nel 2016 composta attori, attrici e lavoratori del mondo del porno. L’accusa che ha fatto scattare l’anatema è la violazione dell’articolo 1.1.089, che parla di “danneggiamento all’immagine della federazione e della disciplina sportiva”.

La reazione dei porno-ciclisti non si è fatta attendere. Chris Ratcliff, fondatore del gruppo, organizzatore di incontri di “bare knuckle boxing” (pugilato a mani nude) e CEO di “Television X”, canale pay-per-view destinato ad un pubblico adulto, non le ha mandate a dire: “Sappiamo bene chi siamo e cosa facciamo, e ne siamo orgogliosi. Abbiamo sempre operato nel rispetto di tutti, evitando di esporci in situazioni non appropriate e mantenendo sempre un profilo adeguato. La reazione della federazione è spropositata e non tiene neanche conto della nostre campagne per combattere Aids e Hiv”. Attori e attrici si sono accodati, ricordando attraverso i social che “Il ciclismo è per tutti e di tutti, ma non per quelli come noi”.

Lo scorso anno, la PPCC ha preso parte alla “Prudential Ride London-Surrey 100”, e gli atleti sono stati accolti ovunque da un enorme calore di pubblico.

Galleria fotografica
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 1
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 2
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 3
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 4
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 5
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 6
Sport
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero