Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno

| La squadra formata da attori e attrici del cinema hard, è stata esclusa dalla federazione ciclistica inglese per “danneggiamento dell’immagine”

+ Miei preferiti
Ci sono cose che fanno male al ciclismo, come il doping, e altre che potenzialmente rischiano di minarne la credibilità. È un po’ questo, il succo del comunicato ufficiale con cui la “Bristish Cycling”, la federazione ciclistica inglese, ha revocato la licenza ad una squadra che già dal nome lasciava intuire parecchio: i “Porn Pedallers Cycling Club”. Una formazione nata nel 2016 composta attori, attrici e lavoratori del mondo del porno. L’accusa che ha fatto scattare l’anatema è la violazione dell’articolo 1.1.089, che parla di “danneggiamento all’immagine della federazione e della disciplina sportiva”.

La reazione dei porno-ciclisti non si è fatta attendere. Chris Ratcliff, fondatore del gruppo, organizzatore di incontri di “bare knuckle boxing” (pugilato a mani nude) e CEO di “Television X”, canale pay-per-view destinato ad un pubblico adulto, non le ha mandate a dire: “Sappiamo bene chi siamo e cosa facciamo, e ne siamo orgogliosi. Abbiamo sempre operato nel rispetto di tutti, evitando di esporci in situazioni non appropriate e mantenendo sempre un profilo adeguato. La reazione della federazione è spropositata e non tiene neanche conto della nostre campagne per combattere Aids e Hiv”. Attori e attrici si sono accodati, ricordando attraverso i social che “Il ciclismo è per tutti e di tutti, ma non per quelli come noi”.

Lo scorso anno, la PPCC ha preso parte alla “Prudential Ride London-Surrey 100”, e gli atleti sono stati accolti ovunque da un enorme calore di pubblico.

Galleria fotografica
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 1
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 2
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 3
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 4
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 5
Il ciclismo è per tutti, ma non per il porno - immagine 6
Sport
Olimpiadi di Tokyo, il disastro di un possibile annullamento
Olimpiadi di Tokyo, il disastro di un possibile annullamento
Secondo gli esperti, i danni per il CIO e il comitato organizzatore giapponese, sarebbero addirittura difficili da calcolare, malgrado le robuste coperture assicurative
Giappone, raccolta firme per bloccare i Giochi Olimpici
Giappone, raccolta firme per bloccare i Giochi Olimpici
La maggioranza dei cittadini è apertamente contraria all’appuntamento olimpico, mentre il governo tenta le ultime carte imponendo lockdown molto blandi
La guerra delle cheerleader
La guerra delle cheerleader
“Se avessi saputo allora quello che ho subito, non avrei mai messo piede nella NFL”: afferma una delle due donne protagoniste di un documentario in cui si svelano le falsità di un mondo solo all’apparenza felice
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Il campione argentino è morto per “insufficienza cardiaca acuta, generata da un edema polmonare acuto”. Davanti alla camera ardente, migliaia di persone in coda da ore. In Argentina proclamato il lutto nazionale per tre giorni
Addio a Diego Armando Maradona
Addio a Diego Armando Maradona
“El Pibe de Oro” si è spento nella sua residenza in Argentina per un attacco cardiaco: la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York