Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite

| Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore

+ Miei preferiti

di REDAZIONE

Lo sport austriaco - non solo - ha perso uno dei suoi più grandi protagonisti degli ultimi 50 anni, non solo nella veste di pilota F1 ma anche come manager e come guida spirituale di più generazioni di campioni,compresi Schumacher e Hamilton. Per gli italiani è stato una leggenda quando era alla guida della Ferrari dove ha lasciato un segno indelebile nella sua lunga storia. La famiglia lo ha annunciato con una stringata e-mail durante la notte; il settantenne tre volte campione del mondo di Formula 1 è morto lunedì scorso nella sua casa, per le complicanze di un blocco renale dopo un lungo ricovero in clinica in seguito a un'influenza, che lo aveva colto dopo il trapianto ai polmoni di qualche mese fa che lo aveva già profondamente indebolito.

"Con profonda tristezza annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente lunedì circondato dalla sua famiglia. I suoi successi unici come sportivo e imprenditore sono e rimarranno indimenticabili. La sua instancabile spinta, la sua semplicità e il suo coraggio rimangono un modello e un punto di riferimento per tutti noi. Lontano dal pubblico, era un marito, padre e nonno amorevole e premuroso. Ci mancherà molto", dice l'e-mail della famiglia Lauda.

L'incendio della Ferrari al GP di Germania, 1976


Andreas Nikolaus Lauda è nato nel 1949 in una famiglia industriale di Vienna. All'età di 19 anni, senza che i genitori se ne rendano conto, debutta nel mondo delle corse con una Mini Cooper S finanziata dalla nonna in una gara di montagna a Mühllacken. Nel 1971 era già in grado di realizzare il suo sogno di entrare in Formula 1 e partecipò al suo primo Gran Premio in una marcia. Il 28 aprile 1974 vinse il suo primo Gran Premio di Spagna - su un totale di 25. L’anno successivo ha vinto il primo di tre titoli mondiali.

Poi il giorno fatidico: il 1° agosto 1976, Niki Lauda fu coinvolto in un uno spaventoso incidente al Nürnburgring, la macchina andò a fuoco e, viste le immagini, sembrava un miracolo che Lauda fosse sopravvissuto. E quando il mondo intero si aspettava che lui dicesse addio alle corse, 42 giorni dopo era tornato nell'abitacolo, segnato da profonde ustioni su tutto il corpo ma in particolare sul viso. Disse: "Meglio avere salvato il fondoschiena che non il viso perché l’auto si sente più con il primo….”. Un anno dopo per la seconda volta campione del mondo di Formula 1: Niki Lauda aveva già raggiunto ciò che molti ritenevano impossibile. Nel 1984, nel 1984, seguì il titolo mondiale numero tre, prima di lasciare definitivamente le corse,

Tuttavia, è rimasto fedele alle corse. Negli anni '90 Lauda è stato consulente del team Ferrari e ha condiviso, tra l'altro, la responsabilità dell'impegno di Michael Schumacher. È entrato in Mercedes nel 2012, è diventato presidente del team di Formula 1 e ha acquisito quote di partecipazione al racing team. La pit lane è sempre stata la sua seconda casa. Lauda non solo ha portato il pilota di successo Lewis Hamilton a Mercedes.

Inoltre, l'appassionato di motori aveva trasformato la sua passione - il volo - nella sua professione. Nel 1979 aveva già fondato la prima Lauda Air come compagnia aerea commerciale con due Fokker F-27. Nel 1988 viene fondata una nuova compagnia con i primi voli di linea verso l'Estremo Oriente, e dal 1990 Lauda Air aveva licenza di volo di linea in tutto il mondo. Lauda sedeva spesso nella cabina di pilotaggio. "Questo fa parte della mia visione d'insieme della compagnia aerea e dello sviluppo dei prodotti."

L'ex pilota era stato ricoverato presso una clinica privata in Svizzera per problemi ai reni, sottoponendosi ad un trattamento di dialisi resosi necessario per migliorare le proprie condizioni. I giornalisti lo avevano chiamato “il computer” per l’apparente freddezza con cui affrontava, in tempi in cui la sicurezza era una chimera, i gran premi e per la sua leggendaria pignoleria nel volere controllare la macchina in ogni dettaglio. Determinato, freddo, privo di emozioni evidenti con uno stile di guida definito “razionalista” e poco incline ai gesti spettacolari. Ma con un grande immenso cuore.

Video
Galleria fotografica
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 1
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 2
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 3
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 4
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 5
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 6
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 7
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 8
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 9
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche lultima vite - immagine 10
Sport
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero