Il Nantes dichiara guerra al Cardiff

| La squadra di calcio francese, che aveva ceduto lo sfortunato Emiliano Sala (morto in un incidente aereo) al club gallese, insiste nel voler essere pagata con i 17 milioni di euro concordati per il passaggio dell’attaccante

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Nonostante il corpo sia stato ritrovato e riconosciuto, non termina ancora la triste vicenda che vede protagonista il calciatore Emiliano Sala, l’attaccante argentino scomparso il 21 gennaio in un incidente aereo mentre attraversava il canale della Manica diretto da Nantes verso Cardiff, in Galles, per essere presentato dalla sua nuova squadra ai tifosi.

Secondo la BBC, il Nantes ha contattato il team di Cardiff per esigere i 17 milioni di euro a suo tempo concordati per la cessione del giocatore e il cui pagamento era stato deciso fosse diluito in tre anni. Sempre secondo la televisione di stato inglese, sembra che i dirigenti del Cardiff abbiano dichiarato di essere intenzionati a onorare gli accordi, tuttavia con una dilazione: attendere la chiusura delle indagini sul tragico incidente che ha ucciso Sala prima di effettuare il pagamento. In realtà il club gallese mercoledì scorso aveva ottenuto dalla Fifa una proroga di sette giorni per il pagamento della rata, ma non ha rispettato la scadenza, non effettuando quindi la rata di 6 milioni di euro sul conto corrente del Nantes.

Ecco quindi che la squadra francese ha contattato la Fifa in modo che richieda ufficialmente al club gallese la prima tranche del pagamento per il trasferimento dell’attaccante.

Nuovamente i gallesi hanno ribadito di voler onorare il contratto, ma anche di voler attendere il termine delle indagini. Si sa, per i soldi non si guarda in faccia nessuno, neppure un giovane morto mentre viaggiava verso il suo futuro: si preannuncia una dura battaglia legale tra i due club.

Sport
Becco dell'Aquila, muore base jumper
Becco dell
E' la 25a vittima dal 2000 a oggi nel comune di Dro in Trentino. Il sindaco: "impossibile fermarli". Josefin Sando, 26 anni, si era lanciata alle 7 del mattino di Ferragosto con il marito, illeso
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Per eludere i controlli, l’ex campione dei massimi utilizzava un pene finto riempito con l’urina dei suoi figli. La confessione durante un'intervista
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Aveva 35, da quest’anno era uno degli addetti stampa del Team Ducati nel MotoGP: è stato ritrovato senza vita nella sua camera d’albergo
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Una ricerca della federazione che riunisce i calciatori professionisti, ha calcolato che i più grandi campioni sono sottoposti a stagioni al limite della sopportazione fisica e mentale
Jean Todt: Schumacher migliora
Jean Todt: Schumacher migliora
Assistito 24 ore su 24 da un’equipe medica, il sette volte campione del mondo ha compiuto dei progressi. Lo afferma i un'intervista il presidente FIA, uno dei pochi amici ad avere accesso alla villa di Schumi
Muore un altro pugile
Muore un altro pugile
Hugo Santillan, 23 anni, si è accasciato al suolo durante la premiazione: ancora una volta sono stati fatali i colpi ricevuti durante un incontro. Tre giorni fa la morte del russo Dadashev
Sai che c'è? Scendo dalla bici e me ne vado"
Sai che c
Il bizzarro e misterioso ritiro del ciclista Rohan Dennis dal Tour de France dopo una lite con un dirigente del team. Si attende la versione ufficiale
Muore campionessa di immersione giapponese
Muore campionessa di immersione giapponese
Sayuri Kinoshita, record woman di immersione in apnea senza pinne è stata ritrovata nel parecchio dello stabile in cui viveva. Ancora da chiarire le cause del gesto
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
L’allenatore del Bologna svela di essere affetto da una forma aggressiva ma curabile. La commozione e le reazioni del mondo del calcio