Il Nantes dichiara guerra al Cardiff

| La squadra di calcio francese, che aveva ceduto lo sfortunato Emiliano Sala (morto in un incidente aereo) al club gallese, insiste nel voler essere pagata con i 17 milioni di euro concordati per il passaggio dell’attaccante

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Nonostante il corpo sia stato ritrovato e riconosciuto, non termina ancora la triste vicenda che vede protagonista il calciatore Emiliano Sala, l’attaccante argentino scomparso il 21 gennaio in un incidente aereo mentre attraversava il canale della Manica diretto da Nantes verso Cardiff, in Galles, per essere presentato dalla sua nuova squadra ai tifosi.

Secondo la BBC, il Nantes ha contattato il team di Cardiff per esigere i 17 milioni di euro a suo tempo concordati per la cessione del giocatore e il cui pagamento era stato deciso fosse diluito in tre anni. Sempre secondo la televisione di stato inglese, sembra che i dirigenti del Cardiff abbiano dichiarato di essere intenzionati a onorare gli accordi, tuttavia con una dilazione: attendere la chiusura delle indagini sul tragico incidente che ha ucciso Sala prima di effettuare il pagamento. In realtà il club gallese mercoledì scorso aveva ottenuto dalla Fifa una proroga di sette giorni per il pagamento della rata, ma non ha rispettato la scadenza, non effettuando quindi la rata di 6 milioni di euro sul conto corrente del Nantes.

Ecco quindi che la squadra francese ha contattato la Fifa in modo che richieda ufficialmente al club gallese la prima tranche del pagamento per il trasferimento dell’attaccante.

Nuovamente i gallesi hanno ribadito di voler onorare il contratto, ma anche di voler attendere il termine delle indagini. Si sa, per i soldi non si guarda in faccia nessuno, neppure un giovane morto mentre viaggiava verso il suo futuro: si preannuncia una dura battaglia legale tra i due club.

Sport
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo
Muore il padre di Emiliano Sala
Muore il padre di Emiliano Sala
A tre mesi dalla scomparsa del figlio, il cuore di Horacio Sala ha ceduto
Il baseball americano si avvia allo sciopero
Il baseball americano si avvia allo sciopero
È già successo altre volte, l’ultima 25 anni fa: di mezzo questioni economiche e rivendicazioni salariali. A essere strapagate sono le stelle, gli altri vivono con ingaggi al di sotto del salario minimo previsto per legge
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Dopo aver mandato a casa Rafa Nadal, il tennista ligure batte in finale il serbo Lajovic, riportando l’Italia a conquistare il torneo del Principato
SIETE EBREI'>Razzisti contro l'Ajax
SIETE EBREI
Razzisti contro lSIETE EBREI' class='article_img2'>
L'antisemitismo ora contamina anche lo sport. Il club di Amsterdam è considerato vicino gli ebrei ed è oggetto di insulti e minacce anti-semite. I tifosi, per reazione, sfilano con la bandiera di Israele. I dirigenti: "Ma è un errore"
Chapecoense: muore d’infarto un sopravvissuto
Chapecoense: muore d’infarto un sopravvissuto
Cronista sportivo, era uno dei sei passeggeri miracolati del volo che nel 2016 ha decimato la squadra brasiliana. E da allora si era battuto per la rinascita
Morde avversaria, sospesa idolo rugby
Morde avversaria, sospesa idolo rugby
Liz Patu, capitano della nazionale australiana, per sei mesi non potrà più giovare. "Ho sbagliato, chiedo scusa a tutti". I precedenti di Tyson e del calciatore Luis Suarez che diede un morso anche a Chiellini
Nike nei guai per una scarpa
Nike nei guai per una scarpa
La “PG2.5” di Zion Williamson si è aperta in due causandogli un infortunio. Sotto accusa finiscono i contratti con gli sponsor che obbligano i campioni a indossare modelli economici. Il titolo Nike brucia milioni di dollari
Rob, 25 kg di energia e intelligenza
Rob, 25 kg di energia e intelligenza
Rob Mendez, privo di gambe e braccia per una malattia genetica, studia sino da bambino per diventare coach di Football Usa. Ha vinto un trofeo con una squadra junior. Straordinario