Jean Todt: Schumacher migliora

| Assistito 24 ore su 24 da un’equipe medica, il sette volte campione del mondo ha compiuto dei progressi. Lo afferma i un'intervista il presidente FIA, uno dei pochi amici ad avere accesso alla villa di Schumi

+ Miei preferiti
Dal 29 dicembre 2013, su Michael Schumacher è calata una spessa cortina di privacy e riservatezza: quel giorno, il sette volte campione del mondo è vittima di un devastante incidente sugli sci mentre si trovava in vacanza con la famiglia sulle nevi di Meribel, in Francia.

Pochi, si contano sulle dita di una mano, coloro che hanno accesso alla villa di Glad, in Svizzera, dove dopo il lungo ricovero in un centro specializzato la famiglia ha scelto di assistere Michael. Uno dei pochi è Jean Todt, ex manager Ferrari ai tempi della straordinaria cavalcata mondiale di Schumi e oggi presidente della FIA: di tanto in tanto, forse più spesso di quanto dichiari, divide con l’amico qualche pomeriggio, e quando pensa sia il caso, svela qualcosa sulle condizioni dell’ex pilota tedesco.

L’ha fatto in questi giorni, rilasciando un’intervista a Radio Montecarlo: “Sono sempre molto cauto quando faccio queste dichiarazioni, ma è vero che è migliorato, ha compiuto dei progressi. Vedo le gare di F1 con lui, nella sua casa in Svizzera. Naturalmente la nostra amicizia non è uguale a quella che avevamo prima dell’incidente, dato che non c’è più la stessa comunicazione che avevamo prima, ma Michael non si arrende, continua a lottare, e con lui tutta la sua famiglia”.

Un’emozione in più, quella del giovane Mick, 20 anni, il secondogenito di Michael e Corinna, che in occasione del GP di Hockenheim, in Germania, ha guidato in pista la leggendaria F2004 di suo papà.

Sport
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA