La depressione di Pelè

| A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso

+ Miei preferiti
Pronunciare il suo celebre soprannome, “Pelè”, significa parlare di una leggenda assoluta del calcio: inizia nelle favelas brasiliane tirando calci ad un calzino pieno di stracci, perché soldi per un pallone non ce ne sono, e chiude la carriera vent’anni dopo, il 1° ottobre 1977, come “O’Rey”, il re, con il mondo ai piedi. Osannato come un dio in terra, è ancora oggi l’unico calciatore ad aver vinto tre Mondiali, e una delle sue reti, nella finale con la Svezia al campionato del mondo 1958, è considerato uno dei più grandi gesti calcistici di ogni tempo.

Oggi, a 79 anni, Pelè vive ancora nel cuore degli appassionati e dei cultori del gioco più amato del mondo, ma la velocità con cui si nutre il calcio lo ha reso una sorta di vestigia classica di tempi che non torneranno più.

È suo figlio Edinho, ad aver confessato in un’intervista al “Globo Esporte” che suo padre è diventato un uomo depresso e solitario. Vive chiuso in casa, anche per via della salute sempre più precaria, e perché ormai non riesce a camminare da solo: un uomo d’altri tempi, convinto che leggende piegate dal tempo non sono un bello spettacolo.

“È piuttosto fragile. Si è sottoposto ad un intervento all’anca e non ha avuto una riabilitazione adeguata. Gli è rimasto un problema di mobilità che è sfociato in una sorta di depressione. Immaginate: lui è “il re”, una figura imponente che oggi non può più camminare. Preferisce non uscire e non essere visto”. Nelle recenti apparizioni pubbliche, Pelè ha usato una sedia a rotelle e un deambulatore, di cui Edinho dice che non più più fare a meno.

Quest’anno ricorre il 50° anniversario della vittoria del Brasile della finale di Coppa del Mondo del 1970, con la squadra brasiliana considerata la migliore di sempre, e il 23 ottobre prossimo, Pelè compirà 80 anni.

Sport
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore