Lance Armstrong: rifarei tutto

| Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava

+ Miei preferiti
Tra la fine del 2012 e l’inizio dell’anno successivo, un’inchiesta della “United States Anti-Doping Agency” accerta un uso sistematico di sostanze dopanti da parte della “US Postal”, la squadra ciclistica in cui milita Lance Armstrong. Da eroe positivo, Armstrong diventa il capro espiatorio destinato a pagare per tutti: inizialmente nega, poi nel corso di una drammatica intervista con Oprah Winfrey ammette ogni cosa. È un maremoto che si conclude con la revoca delle sette vittorie consecutive del “Tour de France”, più una serie di vittorie e medaglie conquistate ovunque, Olimpiadi comprese.

Texano, classe 1971, Armstrong è stato per lungo tempo il simbolo della lotta al cancro: nel 1996 gli diagnosticano un carcinoma ai testicoli, diffuso nell’addome, ai polmoni e al cervello. Due anni dopo, il male è sconfitto: Lance torna in sella e riprende da dove aveva lasciato, conquistando tutto il conquistabile.

Bandito a vita dallo sport a cui ha dedicato l’esistenza, spogliato di ogni titolo, a 48 anni, con cinque figli e una compagna, Lance Armstrong non rinnega nulla del proprio passato. Ai microfoni della rete americana “NBCSN”, ha rilasciato un'intervista che sarà trasmessa fra pochi giorni e di cui è stata diffusa qualche anticipazione: “Ho imparato molto dai miei errori, ma so anche che abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare per vincere. Non era legale, ma non cambierei nulla”.

Nel 2018 ha accettato di pagare 5 milioni di dollari al governo degli Stati Uniti per risolvere una lunga causa per danni che rischiava di costargli 100 milioni di dollari.

“È stato un errore che ha portato ad un sacco di altri errori, compreso il più colossale crollo nella storia dello sport. Eppure lo ripeto: non cambierei il modo in cui ho agito. Se avessi fatto uso di droghe continuando a negare, non sarebbe successo niente di tutto questo, ma io ero un bersaglio grosso e facile, anche se tutti sapevano che il doping nel ciclismo era la pura normalità”.

Sport
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo
Muore il padre di Emiliano Sala
Muore il padre di Emiliano Sala
A tre mesi dalla scomparsa del figlio, il cuore di Horacio Sala ha ceduto