Lance Armstrong: rifarei tutto

| Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava

+ Miei preferiti
Tra la fine del 2012 e l’inizio dell’anno successivo, un’inchiesta della “United States Anti-Doping Agency” accerta un uso sistematico di sostanze dopanti da parte della “US Postal”, la squadra ciclistica in cui milita Lance Armstrong. Da eroe positivo, Armstrong diventa il capro espiatorio destinato a pagare per tutti: inizialmente nega, poi nel corso di una drammatica intervista con Oprah Winfrey ammette ogni cosa. È un maremoto che si conclude con la revoca delle sette vittorie consecutive del “Tour de France”, più una serie di vittorie e medaglie conquistate ovunque, Olimpiadi comprese.

Texano, classe 1971, Armstrong è stato per lungo tempo il simbolo della lotta al cancro: nel 1996 gli diagnosticano un carcinoma ai testicoli, diffuso nell’addome, ai polmoni e al cervello. Due anni dopo, il male è sconfitto: Lance torna in sella e riprende da dove aveva lasciato, conquistando tutto il conquistabile.

Bandito a vita dallo sport a cui ha dedicato l’esistenza, spogliato di ogni titolo, a 48 anni, con cinque figli e una compagna, Lance Armstrong non rinnega nulla del proprio passato. Ai microfoni della rete americana “NBCSN”, ha rilasciato un'intervista che sarà trasmessa fra pochi giorni e di cui è stata diffusa qualche anticipazione: “Ho imparato molto dai miei errori, ma so anche che abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare per vincere. Non era legale, ma non cambierei nulla”.

Nel 2018 ha accettato di pagare 5 milioni di dollari al governo degli Stati Uniti per risolvere una lunga causa per danni che rischiava di costargli 100 milioni di dollari.

“È stato un errore che ha portato ad un sacco di altri errori, compreso il più colossale crollo nella storia dello sport. Eppure lo ripeto: non cambierei il modo in cui ho agito. Se avessi fatto uso di droghe continuando a negare, non sarebbe successo niente di tutto questo, ma io ero un bersaglio grosso e facile, anche se tutti sapevano che il doping nel ciclismo era la pura normalità”.

Sport
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015