Lance Armstrong: rifarei tutto

| Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava

+ Miei preferiti
Tra la fine del 2012 e l’inizio dell’anno successivo, un’inchiesta della “United States Anti-Doping Agency” accerta un uso sistematico di sostanze dopanti da parte della “US Postal”, la squadra ciclistica in cui milita Lance Armstrong. Da eroe positivo, Armstrong diventa il capro espiatorio destinato a pagare per tutti: inizialmente nega, poi nel corso di una drammatica intervista con Oprah Winfrey ammette ogni cosa. È un maremoto che si conclude con la revoca delle sette vittorie consecutive del “Tour de France”, più una serie di vittorie e medaglie conquistate ovunque, Olimpiadi comprese.

Texano, classe 1971, Armstrong è stato per lungo tempo il simbolo della lotta al cancro: nel 1996 gli diagnosticano un carcinoma ai testicoli, diffuso nell’addome, ai polmoni e al cervello. Due anni dopo, il male è sconfitto: Lance torna in sella e riprende da dove aveva lasciato, conquistando tutto il conquistabile.

Bandito a vita dallo sport a cui ha dedicato l’esistenza, spogliato di ogni titolo, a 48 anni, con cinque figli e una compagna, Lance Armstrong non rinnega nulla del proprio passato. Ai microfoni della rete americana “NBCSN”, ha rilasciato un'intervista che sarà trasmessa fra pochi giorni e di cui è stata diffusa qualche anticipazione: “Ho imparato molto dai miei errori, ma so anche che abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare per vincere. Non era legale, ma non cambierei nulla”.

Nel 2018 ha accettato di pagare 5 milioni di dollari al governo degli Stati Uniti per risolvere una lunga causa per danni che rischiava di costargli 100 milioni di dollari.

“È stato un errore che ha portato ad un sacco di altri errori, compreso il più colossale crollo nella storia dello sport. Eppure lo ripeto: non cambierei il modo in cui ho agito. Se avessi fatto uso di droghe continuando a negare, non sarebbe successo niente di tutto questo, ma io ero un bersaglio grosso e facile, anche se tutti sapevano che il doping nel ciclismo era la pura normalità”.

Sport
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo
Becco dell'Aquila, muore base jumper
Becco dell
E' la 25a vittima dal 2000 a oggi nel comune di Dro in Trentino. Il sindaco: "impossibile fermarli". Josefin Sando, 26 anni, si era lanciata alle 7 del mattino di Ferragosto con il marito, illeso
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Per eludere i controlli, l’ex campione dei massimi utilizzava un pene finto riempito con l’urina dei suoi figli. La confessione durante un'intervista
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Aveva 35, da quest’anno era uno degli addetti stampa del Team Ducati nel MotoGP: è stato ritrovato senza vita nella sua camera d’albergo
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Una ricerca della federazione che riunisce i calciatori professionisti, ha calcolato che i più grandi campioni sono sottoposti a stagioni al limite della sopportazione fisica e mentale