L’arbitro Rocchi nell’occhio del ciclone

| Contestato dai tifosi granata per una direzione di gara in Sampdoria-Torino a dir poco discutibile: "Non si possono sempre usare due pesi e due misure". Oltre ad Acquah è stato espulso anche l’allenatore Mazzarri per proteste

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

«Anche Mazzarri questa volta ha provato cosa vuol dire indossare la maglia granata ed avere l’arbitro Rocchi a dirigere l’incontro. O nel suo caso soltanto la cravatta o la sciarpa granata». Lo sfogo è di uno dei circa mille tifosi che hanno assistito al match di Marassi tra Sampdoria e Torino terminato sul risultato di parità: 1 a 1. A fare imbestialire la tifoseria torinista è stata ancora una volta la direzione dell’arbitro fiorentino.  «Ogni volta che c’è Rocchi - sbotta una ragazza sui trent’anni - almeno un giocatore del Toro finisce per essere espulso. E oggi anche il nostro allenatore è andato a far compagnia ad Acquah anzitempo».

La direzione di gara non è piaciuta. Assolutamente. E non tanto per l’espulsione del mediano (una doppia ammonizione sacrosanta), ma perché a detta dei sostenitori sono stati usati due pesi e due misure nel giudicare. «Ogni volta che noi commettevamo una scorrettezza venivamo ammoniti e nel caso di Acquah c’è stata l’espulsione, mentre sul fronte doriano di falli ne hanno commessi a bizzeffe, ma in caso di recidiva non sono arrivate le espulsioni - sbotta Davide, 28 anni, che segue sempre il Toro in trasferta –: Questo arbitro Rocchi ce l’ha con coi e non so perché. Il bello è che sarà il nostro rappresentante ai Mondiali di calcio. Speriamo che almeno in quell’occasione riesca ad essere imparziale».

In diverse occasioni Rocchi è stato preso di mira dal popolo granata, perché ha commesso errori piuttosto evidenti.E' nitido ancor oggi nella memoria di tutti i tifosi granata di due derby della Mole in cui il direttore di gara si è reso protagonista di qualche svista. In occasione del primo, il 30 settembre 2007, la Juventus vince la stracittadina con il punteggio di 0-1, grazie ad un gol di David Trezeguet al 93’. Tuttavia, il gol realizzato era da annullare, a causa di una netta posizione di fuorigioco del francese. Un altro derby in cui si mise in mostra per una sua decisione fu il primo della gestione Ventura: al 36’ tirò fuori un cartellino rosso diretto nei confronti di Kamil Glik, entrato in modo rude su Giaccherini. La penultima direzione di gara di Rocchi risale all’anno scorso: il match tra Cagliari e Torino al Sant’Elia finito per 3 a 2 a favore dei granata. Anche in quell’occasione il suo arbitraggio lascò a desiderare, nonostante il successo finale.

«I ricordi  con l'arbitro toscano - chiosa un altro fans - sono tanti, ma ogni volta ha cercato di fare in modo di penalizzarci. E quando siamo riusciti a vincere o a pareggiare, com'è successo nell'ultima sfida con la Samp è stato perché il Toro si è dimostrato deciso a uscire dal campo a testa alta».

Rocchi ha diretto la squadra granata 31 volte nella sua carriera, tra Serie A e Serie B, nelle quali il Torino ha visto 12 volte la sconfitta, 11 volte la vittoria e ha pareggiato in 8 occasioni. 

Sport
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo