L’autogol di Van Basten

| In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore

+ Miei preferiti
Tre Palloni d’Oro, un posto fra i migliori calciatori del XX secolo, 303 gol in carriera e un autogol, freschissimo, a tempo scaduto. Marco Van Basten, ex bandiera dell’Aiax e del Milan stellare di Arrigo Sacchi, è finito nella bufera per una “gaffe” che rischia di costargli cara. Diventato da tempo opinionista sportivo, era ospite di “Fox Sports NL” per commentare la partita del campionato olandese fra Ajax ed Heracles Almelo. Al termine dell’incontro, il giornalista allo stadio riceve la linea per intervistare in tedesco il tecnico dell’Heracles, e Van Basten – pensando che il suo microfono fosse chiuso - l’ha salutato con “Sieg Heil”, la forma di saluto resa tristemente nota dal nazismo. Ma il microfono era aperto e tutta l’Olanda ha sentito quelle parole.

A rendere perfino peggiore la situazione era il weekend calcistico olandese, dedicato alla lotta contro il razzismo e le discriminazioni, voluto per lanciare un messaggio forte contro gli insulti ricevuti da Ahmad Mendes Moreira, giocatore dell’Excelsior Rotterdam, pesantemente insultato dai tifosi del Den Bosch.

In studio si è capito subito che da lì a poco la situazione sarebbe precipitata, e così è stato: migliaia di insulti e un’onda di indignazione indirizzati all’ex attaccante degli orange, accusato di essere un simpatizzante delle teorie naziste ma anche di assoluta insensibilità, visto che proprio il suo Paese ha pagato a duro prezzo la follia e l’odio nazista.

Avvisato della gaffe, Van Basten ha immediatamente tentato una retromarcia: “Non era mia intenzione scioccare nessuno, ci mancherebbe altro: volevo solo scherzare sul tedesco sfoggiato dal giornalista. La mia è stata una battuta infelice e me ne scuso”. Ma la frase è stata presa malissimo dall’emittente, che ha bollato come “inappropriata” l’uscita di Van Basten: “Sempre ma soprattutto oggi, perché era nostra intenzione mandare un segnale contro il razzismo e le discriminazioni”. E mentre in Olanda monta la polemica e il nome di Van Basten campeggia sulle prime pagine dei quotidiani, non si esclude che Fox Sports NL sia costretta a fare a meno dei commenti di Van Basten.

Classe 1964, nato e cresciuto a Utrecht, Marco Van Basten è considerato uno dei più forti attaccanti di sempre, ma anche uno dei più sfortunati: estremamente tecnico, veloce, rapido ed elegante, la sua carriera si era interrotta a soli 28 anni per una caviglia che per anni l’aveva costretto a grandi tormenti.

Galleria fotografica
L’autogol di Van Basten - immagine 1
Sport
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah