L’autogol di Van Basten

| In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore

+ Miei preferiti
Tre Palloni d’Oro, un posto fra i migliori calciatori del XX secolo, 303 gol in carriera e un autogol, freschissimo, a tempo scaduto. Marco Van Basten, ex bandiera dell’Aiax e del Milan stellare di Arrigo Sacchi, è finito nella bufera per una “gaffe” che rischia di costargli cara. Diventato da tempo opinionista sportivo, era ospite di “Fox Sports NL” per commentare la partita del campionato olandese fra Ajax ed Heracles Almelo. Al termine dell’incontro, il giornalista allo stadio riceve la linea per intervistare in tedesco il tecnico dell’Heracles, e Van Basten – pensando che il suo microfono fosse chiuso - l’ha salutato con “Sieg Heil”, la forma di saluto resa tristemente nota dal nazismo. Ma il microfono era aperto e tutta l’Olanda ha sentito quelle parole.

A rendere perfino peggiore la situazione era il weekend calcistico olandese, dedicato alla lotta contro il razzismo e le discriminazioni, voluto per lanciare un messaggio forte contro gli insulti ricevuti da Ahmad Mendes Moreira, giocatore dell’Excelsior Rotterdam, pesantemente insultato dai tifosi del Den Bosch.

In studio si è capito subito che da lì a poco la situazione sarebbe precipitata, e così è stato: migliaia di insulti e un’onda di indignazione indirizzati all’ex attaccante degli orange, accusato di essere un simpatizzante delle teorie naziste ma anche di assoluta insensibilità, visto che proprio il suo Paese ha pagato a duro prezzo la follia e l’odio nazista.

Avvisato della gaffe, Van Basten ha immediatamente tentato una retromarcia: “Non era mia intenzione scioccare nessuno, ci mancherebbe altro: volevo solo scherzare sul tedesco sfoggiato dal giornalista. La mia è stata una battuta infelice e me ne scuso”. Ma la frase è stata presa malissimo dall’emittente, che ha bollato come “inappropriata” l’uscita di Van Basten: “Sempre ma soprattutto oggi, perché era nostra intenzione mandare un segnale contro il razzismo e le discriminazioni”. E mentre in Olanda monta la polemica e il nome di Van Basten campeggia sulle prime pagine dei quotidiani, non si esclude che Fox Sports NL sia costretta a fare a meno dei commenti di Van Basten.

Classe 1964, nato e cresciuto a Utrecht, Marco Van Basten è considerato uno dei più forti attaccanti di sempre, ma anche uno dei più sfortunati: estremamente tecnico, veloce, rapido ed elegante, la sua carriera si era interrotta a soli 28 anni per una caviglia che per anni l’aveva costretto a grandi tormenti.

Galleria fotografica
L’autogol di Van Basten - immagine 1
Sport
Addio a Diego Armando Maradona
Addio a Diego Armando Maradona
“El Pibe de Oro” si è spento nella sua residenza in Argentina per un attacco cardiaco: la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema