Che brutta avventura, mister Ventura

| Dopo la figuraccia degli Azzurri contro la Svezia è scomparso dalle scene, per riemergere nell’alessandrino, dove gli hanno consegnato un premio

+ Miei preferiti
Per qualcuno la notizia vera è che sia stato chiamato per ricevere il premio di “Sarezzanese illustre”. Forse perché di imprese illustri, Giampiero Ventura, anche a sforzare la memoria non è che ne abbia poi così tante da vantare. Ma per Sarezzano, 1.205 abitanti nelle campagne tortonesi dell’alessandrino, paese natale del padre, quel che ha fatto basta e avanza.

E dal palco del premio, a un paio di mesi di distanza dalla clamorosa uscita di scena della sua Nazionale dai prossimi mondiali di calcio, si è lasciato andare a qualche confidenza. Le prime, dopo l’eclissi totale dalle ribalte mediatiche, per sottrarsi allo tsunami di critiche e insulti.

L’esordio, dal palco alessandrino, per quanto distillato dagli obblighi del contratto con la FIGCI, prometteva bene: “Trentacinque anni di emozioni in questo lavoro non si cancellano con tre mesi infausti”. Applauso. Quindi l’affondo: “Spero di trovare preso un incarico che mi permetta di ripartire in una dimensione a me più consona, quella dei club”. Altro applauso. Per finire con un’ammissione, condita da una sorta di velata minaccia: “L’ultima esperienza è stata qualcosa più grande di me, e ho pagato in maniera abbastanza violenta l’esclusione dai mondiali. Nel calcio non esiste una sola persona che vince e nemmeno una che perde: ci sono sempre tante verità, e quando usciranno sarà tutto molto più chiaro”.

Genovese, classe 1948, Giampiero Ventura si avvicina al calcio giocando nelle formazioni giovanili della Sampdoria, ma la carriera sui campi si limita a squadre di serie C e D. Resta nell’ambiente tornando alla Samp come allenatore delle giovanili, diventando poi allenatore dell’Entella Bacezza di Chiavari, che lascia - nell’ordine - per lo Spezia, la Centesa, la Pistoiese e il Giarre. La panchina del Venezia gli apre le porte della Serie B, ma dopo nove giornate la società lo esonera dall’incarico. La carriera prosegue con Lecce, Napoli, Messina, Verona e Pisa, quest’ultima trascinata ai playoff della serie B, salvo poi essere esonerato l’anno successivo.

Alla guida del Genoa, riesce nell’impresa di battere la Juve, impresa che si trasforma in una sorta di lasciapassare per nuove avventure: il 6 giugno 2011, Ventura arriva alla corte di Urbano Cairo, diventando il nuovo allenatore del Torino, ai tempi in serie B. È proprio con i granata, che vive una delle sue rare esperienze internazionali: vincere in casa dell’Athletic Bilbao, sedicesimi di Europa League.

Lasciato il Toro, il suo nome entra nella rosa dei papabili per la panchina della Nazionale, appena lasciata da Antonio Conte. Il resto, per lui, è qualcosa da dimenticare. E per una volta, sono d’accordo in tanti.

Sport
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo