Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»

| Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”

+ Miei preferiti
Sei titoli mondiali e un conto in banca che gli permette una certa serenità hanno avuto un costo salato da pagare: Lewis Hamilton, campione della Mercedes destinato ad una pagina fra le leggende della F1, scende in campo dicendo la sua sulle proteste che scoppiano ovunque contro l’assurda morte di George Floyd.

Hamilton, 35 anni, ha approfittato della sua notorietà per aprire uno squarcio sul circo colorato dello sport più ricco e appariscente che ci sia, svelando che anche lui ha vissuto e ingoiato episodi di razzismo dovuti al colore della sua pelle. Ma quel che è peggio, è il silenzio dei suoi colleghi e dei dirigenti: “Ci sono proteste che scoppiano ovunque, ma le star del mio ambiente restano rigorosamente in silenzio. Potrei fare i nomi, uno ad uno: so chi sono, li vedo, li ascolto. È ora di cambiare il modo in cui sono considerate le minoranze”.

Louis si sente isolato nel tentativo di combattere la discriminazione razziale in una disciplina sportiva da sempre “dominata dai bianchi”. “Non sono e non sarò mai d’accordo con i saccheggi, gli incendi, i morti e i feriti, sono al fianco di tutti coloro che protestano pacificamente. Ma non potrà mai esserci pace finché i nostri leader non metteranno in pratica un vero cambiamento. E questo non riguarda solo l’America, ma il Regno Unito, la Spagna, l’Italia e tutto il resto del mondo”.

È stato Toto Wolff, il team manager della Mercedes, a parlare per primo dei maltrattamenti e degli episodi di razzismo che Hamilton che ha subito quand’era piccolo e che ancora oggi gli provocano dolore: “Quando Lewis era un ragazzino, era l’unico nero tra tanti bianchi, e so che ha subito abusi razziali, in pista e fuori. Se da bambino riesci a superare le cattiverie sviluppi una personalità più forte, ma restano anche cicatrici profonde”.

Sport
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese