Lo sport sotto la lente della giustizia americana

| Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali

+ Miei preferiti
Le 350 donne che con le loro accuse di violenze e molestie sessuali hanno condannato Larry Nassar a 175 anni di galera sono state il campanello d’allarme di una situazione che va presa di petto. La facilità con cui l’ex medico preparatore atletico della Nazionale americana di ginnastica è riuscito ad agire per vent’anni almeno, è agghiacciante.

Il punto di partenza di una nuova indagine voluta dal Dipartimento di Giustizia e svelata dal “Wall Street Journal” è proprio l’inquietante vicenda di Nassar: i giudici vogliono accendere un riflettore sull’ambiente degli sport olimpici, per capire se quella di Nassar era l’eccezione o quasi una normalità.

Secondo il quotidiano statunitense, il dipartimento di giustizia sta setacciando “le carenze del sistema olimpico quando si tratta di rispondere ad un diffuso abuso sui minori”: i giudici avrebbero già ascoltato le testimonianze di diversi atleti e vagliato la documentazione dell’US Center for Safesport, organizzazione creata nel 2017 proprio per coordinare le segnalazioni di abusi nel mondo dello sport. Oltre alla ginnastica, il “regno” di Larry Nassar, di cui pagarono le conseguenze anche campionesse di primo piano come Simone Biles, Gabrielle Douglas e Aly Raisman, diverse accuse di abusi sarebbero emerse nelle squadre di taekwondo, nuoto, pattinaggio e judo.

Sport
Olimpiadi di Tokyo, il disastro di un possibile annullamento
Olimpiadi di Tokyo, il disastro di un possibile annullamento
Secondo gli esperti, i danni per il CIO e il comitato organizzatore giapponese, sarebbero addirittura difficili da calcolare, malgrado le robuste coperture assicurative
Giappone, raccolta firme per bloccare i Giochi Olimpici
Giappone, raccolta firme per bloccare i Giochi Olimpici
La maggioranza dei cittadini è apertamente contraria all’appuntamento olimpico, mentre il governo tenta le ultime carte imponendo lockdown molto blandi
La guerra delle cheerleader
La guerra delle cheerleader
“Se avessi saputo allora quello che ho subito, non avrei mai messo piede nella NFL”: afferma una delle due donne protagoniste di un documentario in cui si svelano le falsità di un mondo solo all’apparenza felice
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Il campione argentino è morto per “insufficienza cardiaca acuta, generata da un edema polmonare acuto”. Davanti alla camera ardente, migliaia di persone in coda da ore. In Argentina proclamato il lutto nazionale per tre giorni
Addio a Diego Armando Maradona
Addio a Diego Armando Maradona
“El Pibe de Oro” si è spento nella sua residenza in Argentina per un attacco cardiaco: la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York