Lo sport sotto la lente della giustizia americana

| Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali

+ Miei preferiti
Le 350 donne che con le loro accuse di violenze e molestie sessuali hanno condannato Larry Nassar a 175 anni di galera sono state il campanello d’allarme di una situazione che va presa di petto. La facilità con cui l’ex medico preparatore atletico della Nazionale americana di ginnastica è riuscito ad agire per vent’anni almeno, è agghiacciante.

Il punto di partenza di una nuova indagine voluta dal Dipartimento di Giustizia e svelata dal “Wall Street Journal” è proprio l’inquietante vicenda di Nassar: i giudici vogliono accendere un riflettore sull’ambiente degli sport olimpici, per capire se quella di Nassar era l’eccezione o quasi una normalità.

Secondo il quotidiano statunitense, il dipartimento di giustizia sta setacciando “le carenze del sistema olimpico quando si tratta di rispondere ad un diffuso abuso sui minori”: i giudici avrebbero già ascoltato le testimonianze di diversi atleti e vagliato la documentazione dell’US Center for Safesport, organizzazione creata nel 2017 proprio per coordinare le segnalazioni di abusi nel mondo dello sport. Oltre alla ginnastica, il “regno” di Larry Nassar, di cui pagarono le conseguenze anche campionesse di primo piano come Simone Biles, Gabrielle Douglas e Aly Raisman, diverse accuse di abusi sarebbero emerse nelle squadre di taekwondo, nuoto, pattinaggio e judo.

Sport
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA