Miura a 51 anni gioca ancora da professionista

| L’ex attaccante di Santos e Genoa ha rinnovato il contratto con lo Yokohama compagine di serie B giapponese. E’ il giocatore più longevo della storia del pallone a livello mondiale

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Lo ve lo ricordate Kazuyoshi Miura, il giocatore giapponese che nel 1994 approdò in Italia per vestire la maglia del Genoa? Ebbene la sua carriera merita sicuramente il Guinness dei Primati, visto che alla veneranda età di quasi 51 anni (li compirà il 26 febbraio) ha deciso di prolungare il suo contratto da professionista con la squadra dello Yokohama che milita nella seconda divisione nel suo Paese. L’attaccante nipponico disputerà la sua trentatreesima stagione da professionista.

Lo scorso anno ha giocato 12 partite di campionato, segnando una rete con la quale ha migliorato il record, che già gli apparteneva, di miglior marcatore giapponese della J-League. Entrato a far parte dello Yokohama nel 2005, nel marzo 2017 Miura è diventato il giocatore più anziano a scendere in campo in una partita professionistica, all'età di 50 anni e sette giorni, superando il record di longevità della leggenda inglese Stanley Matthews. Una settimana più tardi ha anche stabilito il nuovo primato per il più anziano marcatore della storia del calcio, decidendo la partita vinta dalla sua squadra per 1-0 contro il Thespa Kusatsu.

Soprannominato “King Kazu”, Miura ha giocato anche per il club brasiliano Santos e, come detto, in Italia con il Genoa all'inizio della carriera. Nel 1995, durante la sua permanenza nel Bel Paese si assenta per prendere parte con la sua Nazionale alla Kirin Cup, che tra l’altro si era aggiudicato mettendosi in mostra per le sue grandi doti di rapinatore d’area di rigore, segnando due gol all’Ecuador. Al suo rientro nei rossoblù perde il posto in squadra e così a fine campionato decide di fare ritorno in patria, conquistando negli anni che seguiranno numerosi campionati, Coppe dell’Imperatore, Kirin Cup e una decina di premi, titoli di capocannoniere, onorificenze sportive, attestati di Miglior calciatore asiatico e Miglior giocatore giapponese. Per 89 volte veste la maglia della Nazionale, mettendo a segno 55 reti sino al 2000. Nel 2012 viene convocato con la rappresentativa nipponica di calcio a 5 e prende parte ai Mondiali. Insomma un palmares con pochi eguali per un giocatore del Sol Levante.

 

Sport
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato