Nazionale di calcio
si tratta per il ritorno di Conte

| Il tecnico ai ferri corti con il Chelsea, ma a frenare c'è un ingaggio da 10 milioni di sterline. Il neo vice-commissario della Figc Costacurta incontrerà anche Ancelotti. A Roma ha parlato con Mancini. Il traghettatore sarà Di Biagio

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

«Antonio batti un colpo se ci sei!» No, non si tratta di una seduta spiritica in cui si evoca l’anima di un defunto, ma di un probabile quanto importante ritorno alla guida degli azzurri dell’Antonio più celebre tra gli allenatori italiani. Antonio Conte, per intenderci. Questione di ore dicono i beni informati e l’ex centrocampista della Juventus, nonché ex commissario tecnico azzurro potrebbe trovare un accordo con la Figc che, dopo l’addio di Tavecchio e la nomina del nuovo commissario Fabbricini, sta accelerando i tempi per dare un nuovo assetto anche alla Nazionale maggiore. Già forse oggi il vice commissario della Federazione, volerà  a Londra per parlare con l’ex bianconero.  Ma non sarà il solo con cui s’incontrerà Costacurta come conferma egli stesso: «I nomi papabili sono quelli usciti sui giornali in questi giorni, una lista di cinque o sei. Persone che conosco bene e che, in alcuni casi, hanno diviso con me partite importanti. Ora si tratterà di verificare le loro idee e le loro disponibilità. Non ci sarà molto da aspettare, però bisogna fare le cose per bene. Mancini lo conosco bene, abbiamo vinto insieme un Mondiale Militare. Ho letto che si è reso disponibile, ma non è l’unico con cui affronterò il discorso. Credo che dovrò muovermi parecchio. Andrò a Londra per parlare con Conte e in quella stessa città ora c’è Ancelotti».

Ovviamente Costacurta non chiude le porte a nessuna, ma le quotazioni di  Conte sono di gran lunga superiori a tutti gli altri. In effetti, la luna di miele con il Chelsea è ormai finita da tempo: dopo una stagione d’esordio fulminante e terminata con la conquista immediata della Premier League, le divergenze con Abramovich e i dirigenti Blues per questioni di mercato e campo hanno lentamente logorato la pazienza dell’ex mister della Juventus, che dopo la debacle interna contro il Bournemouth (0-3) è sempre più a rischio. I 18 punti di distacco dal Manchester City di Guardiola sono troppi, e alle spalle dei Blues premono ora i lanciatissimi cugini del Tottenham, che potrebbero soffiare a Conte il quarto posto e la qualificazione in Champions. Secondo i tabloid britannici Conte è ormai al capolinea , e solo un’impresa contro il Barcellona potrebbe cambiare le carte in tavola. I giornali inglesi individuano in Luis Enrique il sostituto già designato dell’ex mister bianconero e della Nazionale guidata dal 2014 al 2016 con uno sfortunato epilogo dopo il quarto di finale degli Europei perso ai rigori contro la Germania.

«Io sto cercando di fare le cose al meglio - aveva dichiarato qualche giorno fa l’allenatore leccese -, ma nel caso qualcuno pensi che questa squadra non merita questa classifica o questa situazione… Noi stiamo tentando di tutto, diamo il 120 per cento e sto cercando di sfruttare al massimo la squadra, ma se qualcuno non è d’accordo io sono pronto ad accettare qualsiasi situazione. Sono molto sereno da questo punto di vista, perché so che sto facendo un grande lavoro insieme al mio staff e ai miei giocatori».

In quanto alla possibilità di tornare in Nazionale dichiara: «Ho ancora 18 mesi di contratto con il Chelsea e il mio desiderio è restare qui. Posso comunque dire che Costacurta è un amico, abbiamo giocato insieme in Nazionale nel 1994. Ma forse ha dimenticato che ho ancora 18 mesi di contratto col Chelsea». Staremo a vedere se l'ingaggio da 10 milioni di sterline avrà la meglio sull'oroglio nazionale. Il neo commissari Fabbricini prende atto della dichiarazione di Conte e per il momento non si sbilancia, annunciando comunque che probabilmente sarà di Di Biagio a fare da traghettatore: «Ci incontreremo con lui per scambiarci delle idee è una persona che ha già un impegno con la federazione. Non è ancora ufficialmente a bordo ma l'idea non ci dispiace».

 

 

Sport
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato