Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman

| Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese

+ Miei preferiti
Due giorni di terapia intensiva non sono bastati a strappare alla morte Melanie Coleman, la ginnasta 20enne vittima di un fatale incidente in allenamento. Le condizioni di Melanie, considerata una delle migliori interpreti dell’atletica statunitense, erano apparse subito gravissime: la giovane aveva perso l’appoggio sulle parallele, rovinando a terra in modo violento. Soccorsa immediatamente e trasportata al “Yale New Haven Hospital”, i medici le avevano riscontrato una profonda lesione al midollo spinale contro cui non è stato possibile trovare un rimedio.

Melanie studiava scienze infermieristiche alla “Southern Connecticut State University” e si stava specializzando nel diventare lei stessa allenatrice di bambine. I numerosi amici della giovane hanno istituito una campagna crowdfunding per aiutare la famiglia fissando l’obiettivo di 10mila dollari, ma tale e tanta è la commozione che ha attraversato l’America in queste ore da far lievitare la cifra fino a 65mila dollari.

Insieme ai familiari di Melanie, il suo allenatore Thomas Alberti le è stato vicino fino agli ultimi istanti. È stato lui a comunicare in lacrime la morte della giovane: “Era una leader, una persona carismatica sempre prodiga di consigli per tutti. È una fatalità difficile da accettare”.

 

Galleria fotografica
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman - immagine 1
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman - immagine 2
Sport
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Il campione argentino è morto per “insufficienza cardiaca acuta, generata da un edema polmonare acuto”. Davanti alla camera ardente, migliaia di persone in coda da ore. In Argentina proclamato il lutto nazionale per tre giorni
Addio a Diego Armando Maradona
Addio a Diego Armando Maradona
“El Pibe de Oro” si è spento nella sua residenza in Argentina per un attacco cardiaco: la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso