Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman

| Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese

+ Miei preferiti
Due giorni di terapia intensiva non sono bastati a strappare alla morte Melanie Coleman, la ginnasta 20enne vittima di un fatale incidente in allenamento. Le condizioni di Melanie, considerata una delle migliori interpreti dell’atletica statunitense, erano apparse subito gravissime: la giovane aveva perso l’appoggio sulle parallele, rovinando a terra in modo violento. Soccorsa immediatamente e trasportata al “Yale New Haven Hospital”, i medici le avevano riscontrato una profonda lesione al midollo spinale contro cui non è stato possibile trovare un rimedio.

Melanie studiava scienze infermieristiche alla “Southern Connecticut State University” e si stava specializzando nel diventare lei stessa allenatrice di bambine. I numerosi amici della giovane hanno istituito una campagna crowdfunding per aiutare la famiglia fissando l’obiettivo di 10mila dollari, ma tale e tanta è la commozione che ha attraversato l’America in queste ore da far lievitare la cifra fino a 65mila dollari.

Insieme ai familiari di Melanie, il suo allenatore Thomas Alberti le è stato vicino fino agli ultimi istanti. È stato lui a comunicare in lacrime la morte della giovane: “Era una leader, una persona carismatica sempre prodiga di consigli per tutti. È una fatalità difficile da accettare”.

 

Galleria fotografica
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman - immagine 1
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman - immagine 2
Sport
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali